[Cc-it] Re: Update, Michele, Organizzazione

Andrea de Franceschi andrea.defranceschi a creativecommons.it
Gio 23 Dic 2004 09:17:34 EST


Lorenzo De Tomasi wrote:

>Inizio a rispondere a rate alla mail di Andrea.
>
>on 21-12-2004 15:54, Andrea de Franceschi at
>andrea.defranceschi a creativecommons.it wrote:
>  
>
>>##### ORGANIZZAZIONE #####
>>In tutto questo movimentare, aggiornare e aggiungere la necessitÓ di
>>organizzare il lavoro in modo fluido e naturale viene spontanea.
>>Ci sono svariati problemi da risolvere che riguardano non solo l'aspetto
>>organizzativo ma anche tecnico ed espressivo; mi spiego meglio:
>>
>>[ 1 ] serve maggiore semplicitÓ e libertÓ a chi scrive e
>>all'organizzazione delle struttura informativa.
>>La vostra discussione su come usare i post-slug ha evidenziato la
>>lacuna, da un lato la libertÓ di agire e dall'altra una definizione
>>generale o standardizzata.
>>L'architettura suggerisce di utilizzare cartelle e file che siano
>>attinenti e chiaramente identificabili con le voci del men¨, devono
>>essere di un nome solo e consistenti (Lorenzo mi confermi o mi smentisca).
>>    
>>
>
>A mio parere la soluzione migliore Ŕ un identificativo univoco (uri) per
>ogni singola pagina. L'uri dovrebbe esplicitare chiaramente il contenuto
>della sezione attraverso parole chiave (normalmente il naming della voce di
>menu che la richiama depurato dagli articoli. Ad es: Le persone ->
>persone.html. Gli spazi andrebbero sostituiti con underscore _ . Le lettere
>devono essere tutte minuscole.).
>Ad esempio 
>- http://wwww.creativecommons.it/news
>- http://wwww.creativecommons.it/index
>- http://wwww.creativecommons.it/approfondisci
>- http://wwww.creativecommons.it/chi_siamo
>Sarebbe bene che gli uri non siano troppo lunghi. Ad esempio, nel caso di
>'Come funziona Creative Commons',
>http://wwww.creativecommons.it/come_funziona_cc Ŕ preferibile a
>http://wwww.creativecommons.it/come_funziona_creative_commo
>  
>
>Credo che la scelta degli uri possa anche essere semi-automatica, cioŔ che
>l'uri possa essere generato automaticamente, ma debba sempre passare per una
>revisione umana che applichi le precedenti linee guida con buon senso.
>Non credo che la sezione news debba sottostare a queste regole: credo che il
>numero identificativo del post possa bastare.
>

Andrea: la mia proposta Ŕ organizzativa e si basa sulla mia esperienza 
diretta con i motori di ricerca e sulla interoperabilitÓ tra differenti 
persone, a lungo termine e con il cambio di persone nella gestione del 
sito una organizzazione gerarchica o tassonomica agevola il lavoro dei 
nuovi venuti.

Un indirizzo univoco Ŕ identico sia per le pagine dinamiche che per le 
pagine statiche, e fondamentalmente il contenuto deve rimanere sempre al 
suo posto.
La realtÓ mostra come sia a volte necessaria una riorganizzazione dei 
contenuti e quindi uno spostamento di files e cartelle (o di indici e 
link per i sistemi dinamici), qualsiasi tecnica si adotti porta sempre 
al risultato di muovere il contenuto.

Un esempio per chiarire:

##### pagina statica #####
www.creativecommons.it/come_funziona_cc/

PorterÓ ad una pagina che probabilmente Ŕ un "index.htm", il bookmark 
memorizzerÓ questa posizione che ovviamente dovrÓ essere sempre (per 
quanto Ŕ possibile) la stessa.
Questo contenuto non dovrebbe essere spostato, ma se per esigenze 
organizzative si deve sostituire il naming? che si fÓ?

##### pagina dinamica #####
www.creativecommons.it/come_funziona_cc/

Questa volta alle spalle ci sarÓ un file dinamico che potrebbe essere 
"index.php" o altro linguaggio; ovviamente il contenuto potrebbe essere 
preso da un file di testo o da un DB per ottenere sempre la stessa 
presentazione.
Se come sopra avessimo la necessitÓ di spostarlo o rinominarlo avremmo 
di nuovo di fronte un problema di URI; con qualche accorgimento potremmo 
spostare il contenuto e mantenere il nome del file.

In questo caso per˛ l'utente si trova comunque in una posizione 
differente o con un contenuto diverso.

>
>
>L'organizzazione dei file *non* dovrebbe essere gerarchica in cartelle, per
>garantire una maggiore mobilitÓ dei contenuti in caso di riorganizzazione
>(molto probabile in futuro). Sono per una cartella unica contenente tutti i
>file, ciascuno con un nome identificativo univoco.
>  
>
Andrea: ancora per esperienza diretta l'organizzazione monolitica in una 
sola cartella presenta differenti problemi:

1] al crescere del numero di file cresce anche l'indice che il server 
deve interrogare.
2] al crescere del numero di file incominciano i problemi con i nomi 
(che devono essere brevi  e autoesplicativi)
3] guardare una cartella con un migliaio di file (non Ŕ cosý raro) per 
cercare il file giusto  non Ŕ semplice; ed alla necessitÓ di un 
intervento manuale farebbe perdere tempo al povero disgraziato di turno.

La gestione gerarchica o tassonomica Ŕ utile per garantire una veloce 
consultazione e aumentare il numero di file archiviabili; oltre ad 
essere pi¨ veloce nell'accesso.
Spostare i contenuti da (files e cartelle) da una posizione all'altra Ŕ 
fattibile sia con script lato server che con un intervento manuale.

Ovviamente sconsiglio troppi spostamenti, non per la loro complessitÓ ma 
per i problemi di URI sopra esposti.

>In questo modo la riorganizzazione sarebbe solo a livello di interfaccia e
>si ridurrebbero i casi sgradevoli in cui, in seguito a uno spostamento di
>file, gli utenti del sito perdono il link a una pagina di cc.it, sia nei
>loro bookmarks che - e soprattutto - dalle loro pagine web che rimandano ai
>nostri contenuti (si pensi ai blog).
>  
>
Andrea: l'utente archivia un bookmark per il contenuto della pagina 
prima che per il nome del file; se si riorganizza l'interfaccia e le 
voci di men¨ e/o il contenuto cambiano certamente l'utente non ritroverÓ 
quello che avevo archiviato producendo un senso di confusione (un 
cavallo di battaglia per J.Nielsen).

Una soluzione potrebbe essere una corretta gestione (anche in 
automatico) delle pagine di errore, consentendo all'utente di mantenere 
il bookmark (informandolo e mostrandogli un link che porta al contenuto 
che aveva archiviato), e ai gestori del sito di riorganizzare i 
contenuti a seconda delle evoluzioni.

In definitiva il consiglio del W3C Ŕ corretto ma non tassativo (anche 
loro hanno spostato diversi file che avevo archiviato), un controllo sui 
possibili errori lascia pi¨ margine di libertÓ a tutti.

>Ah, Andrea mi spiegheresti cosa intendi con "devono essere di un nome solo"?
>  
>
> :-)


Andrea: intendevo una parola sola, ma ovviamente non Ŕ sempre possibile 
quindi un underscore di divisione tra le parole Ŕ ovvio.

Andrea de Franceschi





Maggiori informazioni sulla lista cc-it