[Cc-it] FW: Update, Michele, Organizzazione

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Mar 21 Dic 2004 11:32:17 EST


Rigiro un'interessante proposta di Andrea De Franceschi sulla futura
organizzazione del sito.

----------
From: Andrea de Franceschi <andrea.defranceschi a creativecommons.it>
Organization: Creative Commons
Reply-To: andrea.defranceschi a creativecommons.it
Date: Tue, 21 Dec 2004 15:54:45 +0100
To: lorenzo <lorenzo.detomasi a creativecommons.it>, Danilo Moi
<mail a attivista.com>
Subject: Update, Michele, Organizzazione

##### UPDATE #####
Allora ho corretto la sezione news aggiungendo la label che introduce la
lista delle categorie, ho corretto la visualizzazione del menù alto
(quello evidenziato di bianco) che prima non mostrava il colore corretto
per via dell'ereditarietà.

Ho messo anche l'allineamento sinistro alle immagini linkate del
content, inoltre sono bordate da 1px con lo stesso colore del link.

##### MICHELE MADER #####
Ieri ho chiaccherato con Michele Mader via chat e ci siamo scambiati un
pò di opinioni ecc.
Michele lavora come copyrighter di contenuti accessibili per non
vedenti, e conosce molto bene le loro problematiche; nessuno è mai
capitato a fagiolo come lui...

Quello che vi propongo è un suo inserimento ragionevole e competente per
accellerare e perfezionare il lavoro generale; dunque proporrei il suo
intervento come revisore "accessibile" dei contenuti ovvero quello che
andrebbe a fare è l'inserimento dei tag corretti e degli attributi
all'interno dei vari contenuti pubblicati.
Viene da sè l'utilità del suo operato che libererebbe tutti
dall'inserimento di tag e attributi, lasciando solo la concentrazione
sul contenuto da scrivere.

Ribadisco la rarità di avere una persona che si dedica a questo ruolo e
lui conosce molto bene questo lavoro.

##### ORGANIZZAZIONE #####
In tutto questo movimentare, aggiornare e aggiungere la necessità di
organizzare il lavoro in modo fluido e naturale viene spontanea.
Ci sono svariati problemi da risolvere che riguardano non solo l'aspetto
organizzativo ma anche tecnico ed espressivo; mi spiego meglio:

[ 1 ] serve maggiore semplicità e libertà a chi scrive e
all'organizzazione delle struttura informativa.
La vostra discussione su come usare i post-slug ha evidenziato la
lacuna, da un lato la libertà di agire e dall'altra una definizione
generale o standardizzata.
L'architettura suggerisce di utilizzare cartelle e file che siano
attinenti e chiaramente identificabili con le voci del menù, devono
essere di un nome solo e consistenti (Lorenzo mi confermi o mi smentisca).

Il suggerimento sarebbe di disporre di un sistema che aiuti la creazione
di cartelle e files partendo dalle voci di menù che possono essere
gestite su un file o su un db.
Un tale sistema sarebbe di aiuto a tutti e lascierebbe completa
autonomia ad ogni ruolo del progetto; l'architetto informatico si
preoccuperebbe di organizzare le informazioni, i programmatori non
impazzirebbero per modificare o implementare un nuovo layout o
navigazione o qualsisi altra feature, i copy farebbero i copy.

Il metodo disposto da Danilo ora per evidenziare la voce di menù
"attiva" è dettato da un problema oggettivo di subordinamento ad un
sistema sì dinamico ma non flessibile.
L'usabilità insegna di evitare più errori possibili all'utente e se ci
fossero devono essere di natura lieve; difatto ora se sono nella
homepage posso cliccare ancora su quel link e ricaricare la pagina...
Un normodotato non ha questo problema ma un disabile che ha problemi
motori potrebbe facilmente cliccare nuovamente su quel link e ricaricare
la pagina; dobbiamo evitare di lasciare errori di questo tipo in giro.

[ 2 ] serve un controllo sintattico sui contenuti per avere un "minimo"
di accessibilità (che viaggia in parallelo al senso di libertà delle CC).
In questo caso abbiamo la figura giusta, dobbiamo predisporre un sistema
intelligente anche per il suo lavoro; e di questo ci aiuterebbe lui
stesso con suggerimenti.

[ 3 ] serve una riorganizzazione dei files per garantire leggerezza,
interoperabilità, libertà di editing e apertura allo sviluppo.
Questo è un passo evidente, non solo per la grande confusione che regna
sul server ma e sopratutto perchè esistono due sistemi per gestire il
sito più un terzo in autonomia (il wiki).
Primo step è sicuramente quello di trovare una strategia che ci consenta
di separare completamente i contenuti dalla forma e sopratutto dai
sistemi; inoltre deve essere modificabile ogni cosa ma con semplicità e
sopratutto con tracciabilità.

L'apporto di Michele al contenuto è di grande valore e auspicabile in un
sito di informazione globale come CC, ovviamente lui deve essere al
corrente di cosa è da modificare e cosa nò.
Ciò però non deve togliere la liberta di poter ricorreggere o modificare
un testo, un articolo o una voce di menù.
Insomma un flusso di pubblicazione ci deve essere, ma con libertà per
tutti di ampliare e sviluppare per il futuro.

##### CONCLUSIONI #####
Una mail abbastanza lunga ma ritengo doverosa per fare un pò il punto
della situazione e per organizzare il lavoro.

potremmo optare per queste strade o aprirne delle nuove (non troppe però)

[ 1 ] Non conosco il sitema di Danilo che però mi sembra possa fare al
caso nostro dal momento che già crea file ecc; deve essere solo
implementato anche nella parte di news.
Quello che intendo è la creazione statica delle pagine con una gestione
dinamica sul DB.

[ 2 ] Potenziare WordPress e portarlo alle nostre necessità, inserendo
un editor facile per i copy e la modularità sulla gestione dei templates

[ 3 ] Passare ad un altro CMS che già soddisfi le nostre esigenze o quasi.

[ 4 ] Crearne uno ex novo personalizzato sulle nostre problematiche
(tempi lunghi sì, ma non sprecati)

Nota importante per me, ma penso un pò per tutti è quello di non
stressarsi con tempi ecc, pena la fatica nel seguire il progetto che
sicuramente richiede energie ma appagherà tutti.

Aspetto i vostri feedback






Maggiori informazioni sulla lista cc-it