[Cc-it] "Volont à di equilibrio" e coinvolgimento degli autori

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Dom 19 Dic 2004 07:08:43 EST


Quando Lessig portò il caso Eldred-Ashcroft davanti alla Corte Suprema Usa e
si trovò di fronte alla sconfitta, riconobbe che il più grande errore fu
quello di non aver mantenuto una posizione equa, tanto da essere stati
etichettati (lui persona e CC progetto) come comunisti dai media (sia in
senso positivo che negativo).
Questo probabilmente ha influito molto sui giudici e cittadini americani,
che di solito tanto bene il comunismo non lo vedono.

Purtroppo oggi sembrerebbe aver parzialmente dimenticato questa sua
autocritica.
Nonostante io abbia condiviso pienamente tutto ciò che ha detto (sia
pubblicamente che privatamente), devo riconoscere che sbilanciarsi così
tanto verso le libertà concesse mettendo in secondo piano i diritti degli
autori può essere rischioso. L'impressione è proprio che abbia "divinizzato
i commons".
Le voci da ascoltare sono due: chi è convinto di voler concedere libertà
sulle proprie opere (e vuole che gli sia concessa la libertà di concederle)
e chi è convinto di voler proteggere le proprie opere (e vuole rafforzare i
diritti d'autore) pur essendo (forse) disposto a concedere qualche libertà
su di esse. Sembrerebbe la stessa cosa, ma la sfumatura di differenza è
fondamentale.

L'impresa ardua è convincere gli autori ad adottare licenze libere.
Probabilmente sarà necessario un lavoro paziente e lungo.
Non bastano i piccoli e gli sconosciuti, anche se validissimi, a lanciare e
affermare le Ccpl. Ci vogliono gli autori affermati (soprattutto in Italia,
dove esiste la Siae e dove forse solo loro potrebbero sollevare il problema
del riconoscimento delle licenze ed essere ascoltati).

L'uscita del cd di Wired è stata a mio parere una svolta fondamentale. Per
la prima volta ben 18 artisti affermati e 19 case discografiche (tra cui
qualche major come Warner Music e Universal Music) hanno acconsentito a
distribuire un loro brano sotto una licenza che ne permette la distribuzione
non commerciale e il sampling a fini non commerciali (in 3 casi - Beastie
boys, My morning jacket e Chuck D with Fine Arts Militia - è concesso anche
il sampling a fini commerciali).
Altro fatto importante è che l'evento ha avuto risonanza mondiale.

Chi vive di royalties sui diritti d'autore, chi è iscritto alla Siae da
anni, chi riceve la rivista "Viva Verdi" e la legge ecc. ha ormai radicati
dei concetti difficlmente sradicabili. Un approccio come quello di CC è
visto come sovversivo, richioso, se non folle.

La sfida è confrontarsi con questi autori, dialogare con loro, provare a
convincerli della validità delle Ccpl, dei vantaggi che potrebbero portar
loro ecc. e ascoltare le loro risposte.
Ho avuto l'occasione di farlo in passato con Bruno Bozzetto (
http://www.bozzetto.com ) e recentemente con Mauro Pagani(
http://www.mauropagani.com/ ). Entrambi sono stati disponibilissimi a
dialogare sull'argomento, con interesse e partecipazione. Sembrerebbe che
vogliano capire ciò che per loro non è semplice comprendere, proprio perché
sono stati abituati a vedere il problema da una prospettiva differente, che
sembrerebbe opposta, ma che in realtà è complementare.
Dimostrare e far comprendere che concedere libertà potrebbe portare più
vantaggi (soprattutto economici) è la sfida.
In particolare, se ascolterete la registrazione dell'intervento di Pagani,
vi renderete conto di come dal suo discorso emergono chiaramente sia le
tipiche esigenze dell'artista che una serie di palesi autocontraddizioni.
Questo è un fatto più che positivo. Dobbiamo imparare sia ad ascoltare
queste esigenze per difenderle che a cogliere le contraddizioni - che altro
non sono che brecce in un muro che da segni di cedimento - per poi
sfruttarle come punto di partenza per l'abbattimento di questo muro di
fragili convinzioni.
Come ha detto giustamente il Sen. Fiorello Cortiana, riuscire a convincere
un artista come Pagani ad adottare una licenza Ccpl significa trovare la
strada per provare a convincere tutti gli altri.

Mauro Pagani mi ha dato la disponibilità a incontrarci per dialogare sulle
Ccpl. Lo faremo, probabilmente a Milano, dopo il 15 Gennaio, passato il
"periodo di riflessione" festivo.
Non so ancora con quali modalità organizzeremo l'incontro, ma vi terrò
informati. Qualsiasi suggerimento è benvenuto.

Saluti a tutti,
Lorenzo




Maggiori informazioni sulla lista cc-it