[Cc-it] Re: MIU-FT e Associazione Creative Commons Italia

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Ven 17 Dic 2004 10:50:00 EST


dario negri Scrive: 

> Ho saputo che MIU-FT "sta studiando l'opportunità e le modalità più adatte 
> alla nascita di un'associazione italiana il cui scopo sociale sia la 
> promozione del progetto Creative Commons". 
> 
> http://www.miu-ft.org/how/collaboration/present/cc/ 
> 
> Vorrei sapere a che punto sta il suddetto studio e in che tempi MIU-FT 
> pensa di poter costituire l'associazione.
 

Che fa MIU-FT? Costituisce l'associazione Creative Commons Italia?
Mah... cerchiamo di dare la giusta dimensione a questa affermazione.
Mi correggano i diretti interessati se sbaglio.
Un tempo Andrea Glorioso (MIU-FT) bazzicava su questa lista e propose di 
occuparsi direttamente della stesura di uno statuto associativo: disse 
qualcosa come "devo capire fino a che punto questo può diventare parte del 
mio lavoro". Ora io non so se lui l'abbia capito o non l'abbia capito, so 
soltanto che qualcuno (Margoni, mi pare) gli fece subito notare che lo 
statuto (e l'associazione) sarebbe derivato dalla disponibilità e dalle 
forze di *tutti* (AI e soprattutto membri della lista, ossia le persone 
partecipanti a iCommons Italy). L'altra campana fu quella di Gilardi: in 
questo caso lo spirito "esclusivista" fu ancor più forte e volarono 
addirittura minacce di querela per violazione dei diritti d'autore sullo 
statuto.
Ma, paradossalmente, proprio a quel punto si formò, forse per opposizione ad 
una determinazione individualistica degli assetti associativi, una 
associazione di fatto. Alcune persone (alcune di quelle che portano avanti 
il sito creativecommons.it: De Tomasi, Grossi, Margoni, Moi) trovarono un 
terreno comune nel dire: portiamo avanti insieme questo progetto, cerchiamo 
di coinvolgere quante più persone possibile e mettiamo queste persone al 
nostro stesso "livello" affinché nessuna gerarchia possa formarsi.
Ancor più bello fu scoprire che pur stando su un terreno comune queste 
persone e quelle che ad esse si aggregarono avevano ognuna il proprio 
carattere, ognuna le proprie idee: insomma, c'erano anche i presupposti per 
il pluralismo ideologico. :)
Ho parlato al passato: potrei mettere l'intero periodo al presente.
E dunque parliamo del presente: proprio oggi Lorenzo annuncia l'arrivo 
ufficiale delle AI su creativecommons.it; un avvicinamento formale al quale 
spero seguiranno avvicinamenti sostanziali.
Certamente non aiuta il diaologo chi, come Glorioso, sostiene che vi sia 
stato un attacco da parte di alcuni membri (io credo che si riferisse 
soprattutto a me) di questa lista alle AI e una sottovalutazione del loro 
lavoro: fortunatamente Ricolfi sa distinguere tra trolling, provocazioni 
intellettuali ed interessi legittimi (per usare una terminologia 
pubblicistica) e credo che la sua risposta a Glorioso sia stato un buon modo 
per sottolineare la professionalità e l'apertura mentale delle AI (che 
oltretutto sono anche molto simpatiche e alla mano: mi riferisco in 
particolar modo a De Martin).
Non posso sapere cosa il futuro ci riserbi, ma, attenzione, è proprio perché 
non posso saperlo che sono ottimista. :) 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

e-mail: nicola.grossi at creativecommons.it 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it