[Cc-it] Re: Risposte

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Mer 15 Dic 2004 10:07:45 EST


liver Scrive: 

> Con la risposta alla domanda rimasta tagliata fuori per colpa di una faccetta 
> (che ha rischiato di degenerare in fiammata), puo' dirsi conclusa 
> l'operazione "Fai una domanda a Cortiana". 
> 
>>Ultima domanda: 
>>Che c'entra:
>> - la guerra preventiva permanente,
>> - il conflitto religioso,
>> - il lavoro precarizzato,
>> - l'agroalimentare,
>> - un diritto d'autore che non riconosce i diritti connessi
>> con Creative Commons e Creative Commons Italia? 
> 
> Risposta di Cortiana:
> La conoscenza, la possibilità di apprenderla, svilupparla e comunicarla, 
> caratterizzano la natura costitutiva della specie umana. Da sempre in 
> agricoltura e nell'industria, nell'architettura e nello sviluppo creativo dei 
> linguaggi espressivi, la conoscenza ha costituito la struttura di connessione 
> sociale, ma mai come oggi ciò assume una evidenza sostanziale, economica e 
> quindi politica. La connessione digitale in rete mette in discussione la 
> riduzione della sua essenza immateriale e partecipata alla mera estensione di 
> un modello industriale o post-industriale. Di più: consente e costringe a 
> riconoscere come bene comune anche la sfera biologica. Ora se da un lato 
> l'inerzia omeostatica di un modello di sviluppo basato sulle merci cerca di 
> subordinare e ridurre la rete, a partire dai brevetti del software per 
> arrivare al suo controllo nel nome della lotta alla pedofilia, piuttosto che 
> al terrorismo o alla pirateria, non occorre essere profeti o cassandre per 
> capire che se oggi le guerre si fanno per il controllo del petrolio domani si 
> faranno per il controllo dell'acqua. La guerra permanente preventiva si 
> configura come lo strumento per garantire, con le buone e più con le cattive, 
> la permanenza e la non discussione di un modello energivoro e mercificatorio. 
> Per questo la condivisione della conoscenza e la sua affermazione si 
> configura come un processo partecipato di estensione ed adeguamento della 
> democrazia. 
 

Se c'è più conoscenza c'è più democrazia e ci sono meno guerre.
Quindi Creative Commons contribuisce a diminuire le guerre.
E' un passaggio logico forzato.
Creative Commons contribuisce a diffondere licenze (alcune libere e alcune 
*non libere*) e tra gli utilizzatori delle Creative Commons ci saranno 
certamente anche dei sostenitori della guerra preventiva (oltretutto in 
america ha vinto Bush). 

Un nesso più credibile invece è, secondo me:
commoners - elettori - verdi;
commoners - elettori - radicali. :D 


Perché anche con Creative Commons la guerra continuerà: l'unica cosa che 
cambierà sarà forse il numero degli elettori di questo o quel partito. 

 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

e-mail: nicola.grossi at creativecommons.it 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it