[Cc-it] Domande per Cortiana

Flavia Marzano marzano a cibernet.it
Dom 12 Dic 2004 08:39:49 EST


Aggiungerei anche questa domanda:

"Lei ha presentato una proposta di legge sul sw libero che e' stata messa in 
"stand by" dalla Commissione Meo; la commissione Meo ha finito il proprio 
lavoro piu' di un anno fa e  Stanca ha fatto il relativo decreto a dicembre 
2004: come pensa di portare avanti la sua proposta?"

Flavia

----- Original Message ----- 
From: <creatives a attivista.com>
To: <cc-it a lists.ibiblio.org>
Sent: Sunday, December 12, 2004 2:27 PM
Subject: [Cc-it] Domande per Cortiana


> Riporto sotto le domande che vorrei fare al senatore Cortiana.
> (al fine di integrare la news proposta da Lorenzo)
> Visto l'interesse per le Creative Commons mostrato dal senatore Cortiana 
> penso sia lecito che chi, come me, si impegna in prima persona da oltre un 
> anno nel progetto, possa fare queste domande.
> Io mi impegno nel progetto perchè credo in determinate cose (si capiranno 
> dalle domande cha le sto per fare).
> Mi chiedo: il suo interesse per le Creative Commons è compatibile con le 
> "cose in cui credo"?
> ***********
> Preambolo
> Personalmente non penso che le Creative Commons siano "rivoluzionarie" per 
> quanto concerne aspetti prettamente giuridici.
> (davvero non credo che l'Europa abbia bisogno di "ricevere lezioni" dagli 
> Stati Uniti in fatto di diritto.)
> Il progetto Creative Commons è però depositario (tra le altre cose) di una 
> "metaforica" introduzione dell'individuo nel processo legislativo. 
> (attraverso le liste di discussione il singolo individuo può proporre 
> modifiche alle licenze...)
> Domande:
> Ciò che era "diritto esclusivo del re"(se non di Dio) sarà un giorno 
> diritto del singolo individuo?
> (il controllo diretto del processo legislativo da parte della comunità)
> Lei pensa che questa "metafora" possa un giorno diventare qualcosa di 
> reale?
> Se è così: in che maniera pensa sia possibile il passaggio, a mia opinione 
> necessario (nel senso che non potrà essere altrimenti) dalla democrazia 
> rappresentativa alla democrazia assembleare?
> (la democrazia assembleare intesa come introduzione diretta dell'individuo 
> nel processo legislativo)
> In che maniera la democrazia rappresentativa dovrà cedere il passo alla 
> democrazia assembleare?
> In che maniera le strutture istituzionali dovranno essere rimodellate 
> affinchè ciò accada? (possibilmente senza "spargimento di sangue")
> Un saluto
> Danilo Moi
> danilomoi at creativecommons.it
> Letture dell'impertinente studente di filosofia che ha posto queste 
> domande:
> Equalism: dissertazione su una nuova etica.
> http://www.attivista.com/equalism/
> Dalla democrazia rappresentativa alla democrazia assembleare.
> http://www.attivista.com/equalism/politica.html
> Visions of a Common Commoner: the Golden Cow.
> http://www.attivista.com/2004/dicembre/common_golden_cow.html
> (dove gli avvocati diventano i nuovi "profeti")
> Dalla firma digitale al sogno folle della democrazia assembleare.
> http://www.attivista.com/2004/dicembre/democrazia_firma_digitale.html
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
> 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it