[Cc-it] Re: licenze e deeds in preview

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Ven 10 Dic 2004 10:13:38 EST


J.C. De Martin Scrive: 

> Grazie per gli interventi.
> Le questioni sollevate sono rilevanti, eccome.
> Se ne parlera' senz'altro il 16.12, ma vediamo se con i colleghi
> (quello che ne capiscono davvero, io sono solo un vil meccanico)
> riusciamo ad anticipare una bozza di risposta in lista.
> Comunque, non c'e' e non c'e' mai stata alcuna pretesa che
> queste licenze risolvano (o _possano_ risolvere, in questo contesto
> normativo) tutto e subito.
> Tanto e' vero che vediamo come uno dei principali prodotti di questo
> primo anno di lavoro proprio l'indicare con buona (speriamo)
> precisione che cosa rimane da fare, e, quindi, "the road ahead"
> per quello che riguarda l'Italia.

Grazie De Martin, già che c'è, Le sarei grato se ai Suoi colleghi 
sottoponesse anche la questione che segue. 

Se (come Voi stessi dite) chi è iscritto alla SIAE non può utilizzare una 
licenza CC e soltanto chi è iscritto alla SIAE può riscuotere compensi 
tramite essa, per quale strano, assurdo e incomprensibile motivo il 
licenziante si riserva il diritto esclusivo di riscuotere compensi tramite 
la SIAE? :)
Se il licenziante vuole ricevere compensi tramite SIAE, allora è iscritto 
alla SIAE, ma se è iscritto alla SIAE, non può utilizzare la licenza CC! :D 


Signori, un conto è non risolvere tutti i problemi subito (e questo è 
comprensibile ed accettabile ), un conto è creare problemi nuovi! :D
In altre parole: "al fine di evitare dubbi", ne avete creati di nuovi. 

 

Un'ultima cosa:
"Lo scambio dell’Opera con altre opere protette dal diritto d’autore, per 
mezzo della condivisione di file digitali (c.d. filesharing) o altrimenti, 
non è considerato inteso o diretto a perseguire un vantaggio commerciale o 
un compenso monetario privato, a patto che non ci sia alcun pagamento di 
alcun compenso monetario in connessione allo scambio di opere coperte da 
diritto d’autore." 

La legge USA presuppone che il filesharing sia un'attività commerciale e 
quindi CC.org ha pensato bene di specificare quanto sopra.
Ma in Italia non vige quella norma e non capisco perché anche la licenza 
italiana riporti quanto sopra. 

E le promesse note sui diritti morali che fine hanno fatto?
"Al fine di evitare dubbi", lo avete detto agli italiani che non possono 
modificare l'opera come gli pare? Speriamo bene, Signori, speriamo bene... 


Dopo "4. Restrizioni." manca la spaziatura.
Almeno questo... :) 

 

 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

e-mail: nicola.grossi at creativecommons.it 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it