[Cc-it] Re: La questione dei beni immateriali

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Gio 9 Dic 2004 11:45:36 EST


Lorenzo De Tomasi Scrive: 

> È una parte di articolo derivato da un testo di Stefano Quintarelli, unito 
> a mie riflessioni e integrato con alcuni passi di Stallmann.
> Sono curioso di vedere come lo aggiusteresti :-)
 

Matt Stallmann o Richard Stallman?
Comunque, aveva l'aria di essere il prodotto di persone diverse. :)
Vorrei preservare l'opinione (ognuno ha la sua e ha il diritto di 
manifestarla) ma eliminare inesattezze e ambiguità. Vediamo un po' di 
procedere insieme alle opportune modifiche. 


>> "La questione del compenso ai possessori dei diritti d’autore per la 
>> riproduzione di un’opera è spinosa. Quello che è certo è che è errato 
>> equiparare la riproduzione non autorizzata di un’opera protetta da 
>> diritto d’autore al furto di un bene materiale. 

Che significa "equiparare"? Significa far rientrare entrambe le fattispecie 
sotto illecito? Perché se significa questo è corretto. Se non significa 
questo è bene specificare cosa significa, onde evitare equivoci. 

 


Cucinare un piatto di
>> spaghetti ha un costo in tempo, denaro e risorse. Se regaliamo ad un 
>> amico il piatto di spaghetti noi non possiamo più mangiarlo: lo abbiamo 
>> perso per sempre. Se una persona ci sottrae il piatto, la sua azione ci 
>> danneggia esattamente nello stesso modo in cui favorisce chi lo mangia. 
>> Un piatto di spaghetti può essere mangiato da una sola persona. Le idee, 
>> l’informazione e le opere intellettuali hanno regole diverse: le analogie 
>> con gli oggetti materiali sono forzate e non reggono. 
 

Sì, ovviamente un'idea e un'oggetto hanno natura diversa.
Ciò non significa che rubare un'idea non sia possibile. :)
Anche un bambino sa cosa significa rubare un'idea. :)
E quando cresce capisce che oltre alla lesione di un diritto morale c'è 
anche la lesione di un diritto patrimoniale. :) 

 

Ad esempio la
>> condivisione delle ricette è antica quanto l’arte culinaria ed è ancora 
>> oggi pratica comune. Se voi cucinate o modificate una ricetta inventata 
>> da me, questo riguarda voi direttamente e me solo indirettamente. Se voi 
>> e un vostro amico vi tramandate oralmente, copiate o condividete la mia 
>> ricetta, questo riguarda voi e il vostro amico molto più di quanto 
>> riguardi me. Io non dovrei avere il potere di dirvi di non fare queste 
>> cose. Nessuno dovrebbe averlo. 

Vedi: qui si c'entra il problema. Non è giusto che esistano certi diritti.
E' opinabile, ma si può lasciare. Però non ditemi che CC.org vuole questo 
perché le licenze non sono in sintonia con questi discorsi.
Ricordate quello che disse Tom? Vidi Lessig apparire tra l'anarchico 
Stallman e Mr Copyright... Ecco: queste cose può dirle Stallman, non Lessig. 
Le ha dette lui? :) 


Thomas Jefferson disse “Colui che riceve
>> una idea da me, riceve egli stesso istruzione senza diminuire la mia; 
>> come colui che accende la propria candela dalla mia, riceve luce senza 
>> oscurarmi". 

Questo invece è semplicemente vero. Ma non ha nulla a che fare con le 
suddette equiparazioni. 

 

Nel loro libro del 1999 “Information rules", Carl Shapiro e
>> Hal Varian illustrano ottimamente come l’informazione presenti una 
>> struttura di costi differente rispetto ai beni materiali: produrre 
>> informazione costa ma, una volta prodotta, riprodurla e distribuirla ha 
>> un costo relativamente basso e talvolta nullo. La maggiore implicazione 
>> degna di nota è che, a differenza di quanto avviene per i beni materiali, 
>> per i beni immateriali non vi è un limite fisiologico allo sfruttamento e 
>> alla diffusione. 

Anche questo è semplicemente vero. Ma non ha nulla a che fare con le 
suddette equiparazioni. 


Il termine “proprietà intellettuale” contribuisce a far
>> credere erroneamente alle persone che la riproduzione non autorizzata di 
>> un’opera sia equivalente al furto di una proprietà materiale."

E qui siamo da capo: che significa "equivalente"? 

 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

e-mail: nicola.grossi at creativecommons.it 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it