[Cc-it] La questione dei beni immateriali

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Gio 9 Dic 2004 09:35:53 EST


Il giorno 09/dic/04, alle 13:46, Nicola Alcide Grossi ha scritto:

> Revisionando le F.a.q. sono arrivato alla questione della proprietà 
> intellettuale. Vorrei sapere se è stata CC.org a scrivere quello che 
> segue o è opera originale di qualcuno di noi. :)

È una parte di articolo derivato da un testo di Stefano Quintarelli, 
unito a mie riflessioni e integrato con alcuni passi di Stallmann.
Sono curioso di vedere come lo aggiusteresti :-)

Ciao,
Lorenzo

> "La questione del compenso ai possessori dei diritti d’autore per la 
> riproduzione di un’opera è spinosa. Quello che è certo è che è errato 
> equiparare la riproduzione non autorizzata di un’opera protetta da 
> diritto d’autore al furto di un bene materiale. Cucinare un piatto di 
> spaghetti ha un costo in tempo, denaro e risorse. Se regaliamo ad un 
> amico il piatto di spaghetti noi non possiamo più mangiarlo: lo 
> abbiamo perso per sempre. Se una persona ci sottrae il piatto, la sua 
> azione ci danneggia esattamente nello stesso modo in cui favorisce chi 
> lo mangia. Un piatto di spaghetti può essere mangiato da una sola 
> persona. Le idee, l’informazione e le opere intellettuali hanno regole 
> diverse: le analogie con gli oggetti materiali sono forzate e non 
> reggono. Ad esempio la condivisione delle ricette è antica quanto 
> l’arte culinaria ed è ancora oggi pratica comune. Se voi cucinate o 
> modificate una ricetta inventata da me, questo riguarda voi 
> direttamente e me solo indirettamente. Se voi e un vostro amico vi 
> tramandate oralmente, copiate o condividete la mia ricetta, questo 
> riguarda voi e il vostro amico molto più di quanto riguardi me. Io non 
> dovrei avere il potere di dirvi di non fare queste cose. Nessuno 
> dovrebbe averlo. Thomas Jefferson disse “Colui che riceve una idea da 
> me, riceve egli stesso istruzione senza diminuire la mia; come colui 
> che accende la propria candela dalla mia, riceve luce senza 
> oscurarmi". Nel loro libro del 1999 “Information rules", Carl Shapiro 
> e Hal Varian illustrano ottimamente come l’informazione presenti una 
> struttura di costi differente rispetto ai beni materiali: produrre 
> informazione costa ma, una volta prodotta, riprodurla e distribuirla 
> ha un costo relativamente basso e talvolta nullo. La maggiore 
> implicazione degna di nota è che, a differenza di quanto avviene per i 
> beni materiali, per i beni immateriali non vi è un limite fisiologico 
> allo sfruttamento e alla diffusione. Il termine “proprietà 
> intellettuale” contribuisce a far credere erroneamente alle persone 
> che la riproduzione non autorizzata di un’opera sia equivalente al 
> furto di una proprietà materiale."
> Secondo me questa argomentazione andrebbe ottimizzata nella forma, 
> perché presta il fianco ad equivoci.
> Se qualcuno fotografa il mio quadro, io non perdo certamente il quadro 
> ma perdo dei soldi, perché sono io che ho il diritto di vendere le 
> fotografie e ricavarne dei soldi. Si può mettere in discussione la 
> giustizia di ciò, ossia dire che quel diritto esclusivo è un diritto 
> che non dovrebbe esistere (magari spiegando perché: non sarebbe certo 
> una spiegazione facile), ma non si può dire che l'infrazione del 
> diritto d'autore non crea un danno economico analogo a quello che crea 
> un furto.
> Il risarcimento danni non prevede soltanto il danno emergente ma anche 
> il lucro cessante.




Maggiori informazioni sulla lista cc-it