[Cc-it] [per le Affiliate Institutions e la lista] L'importanzadei Commons deed

J.C. De Martin demartin a polito.it
Mar 7 Dic 2004 18:03:32 EST


Chiarito (spero: non ho avuto alcun feedback, ne' privatamente ne' in 
lista)
il discorso dei "problemi" col PDF, passiamo -in sintesi- ad altri punti 
del
messaggio di De Tomasi.

Rilascio degli appunti di lavori:  gli appunti sono stati resi disponibili
nel momento in cui, dopo molte riflessioni, modifiche e revisioni,
sono stati ritenuti idonei alla pubblicazione.
Avrebbe certamente fatto molto piacere a tutti, noi inclusi,
rilasciarli prima, ma le risorse non sono infinite e si fa il possibile;
gli appunti sulla SIAE, per esempio, li stiamo ancora ultimando.
Siamo, comunque, lieti di esser finalmente riusciti
a pubblicare i primi tre documenti e ora siamo ansiosi
di seguire il dibattitto che, non abbiamo dubbi, sara',
come dice De Tomasi, vivace, interessante e costruttivo.
A proposito: possiamo aspettarci che il primo intervento
di un certo rilievo (o, se non il primo, uno dei primi)
sia proprio suo? :-)

Licenza degli appunti di lavoro:  yup, senz'altro, CCPL Attribution.
Avrei dovuto marchiarli io, ma nella fretta di metterli sul sito
e di preparare un viaggio di lavoro, non ho fatto in tempo.
Provvedo quanto prima.

Common Deeds:  per i deeds non abbiamo seguito la procedura
seguita per le licenze (proposta-wiki-commenti-versione finale)
perche' ci sembravano una naturale conseguenza delle traduzioni
che gia' conoscete, oltre ad essere meno delicati delle licenze.
Ad ogni modo, siamo senz'altro lieti di raccogliere i vostri commenti:
anche i Deeds, quindi, come detto in un mio precedente messaggio,
verranno messi sul sito (spero domani), cosi' da permettervi
di esaminarli.

Cordiali saluti,

Juan Carlos De Martin

Lorenzo De Tomasi wrote:

>----- Original Message -----
>From: "J.C. De Martin" <demartin a polito.it>
>To: <cc-it a lists.ibiblio.org>
>Sent: Saturday, December 04, 2004 6:37 PM
>Subject: Re: [Cc-it] [per le Affiliate Institutions e la lista]
>L'importanzadei Commons deed
>
>  
>
>>I nostri pareri divergeranno, e anche molto, sulle modalita',
>>ma credo si sia tutti d'accordo sull'importanza dell'interazione.
>>    
>>
>
>Perfetto. Sono molto contento che un referente delle AI faccia questa
>dichiarazione d'intenti pubblicamente. Ora spero che alla teoria segua
>***finalmente*** la sua messa in pratica. Perché, caro De Martin, ***non***
>mi pare che le AI abbiano finora dimostrato tutta questa apertura
>all'interazione e al confronto (collaborazione), quanto piuttosto un'estrema
>chiusura e una forte organizzazione gerarchica.
>***Concorda?***
>A sostegno di queste mie affermazioni ci sono i reclami di non pochi altri
>membri di questa lista, ma anche il fatto che i tre documenti "Appunti di
>lavoro di iCommons Italy" siano stati pubblicati sul wiki e annunciati da
>lei stesso solo il 1 Dicembre 2004.
>Dalla lettura di questi tre documenti sembrerebbe che siano pronti da tempo
>(in "Prospettive di lavoro" è scritto "Questo documento è stato discusso
>nella primavera di quest'anno"). Data la loro importanza e la loro
>potenzialità di innescare un dibattito estremamente costruttivo in lista e
>nella comunità interessata alle licenze CC, per quale motivo le AI
>li hanno pubblicati solo ora?
>
>Potrebbero poi le AI spiegarmi per quale motivo i file pdf che loro stesse
>hanno distribuito sono protetti con tecnologie di Digital rights management
>(Drm) che ne impediscono sia la copia anche solo parziale (copia e incolla)
>che la modifica? Mi pare che normalmente il salvataggio con questo tipo di
>protezione non sia di default.
>Per quale motivo poi le AI non hanno scelto di distribuirli sotto licenza
>Ccpl (ad esempio Attribuzione, come tutto i documenti ospitati su CC.org) e
>in un formato aperto, che ne permetterebbe la copia e la modifica e che
>potrebbe contribuire notevolmente a incrementare il numero di punti di vista
>e quindi la qualità delle riflessioni?
>
>Come giustificano le AI il fatto che, dopo le continue e ripetute richieste
>da parte di più membri della lista riguardanti il fatto di rendere pubblici
>gli studi/riflessioni del gruppo di studio di Torino - in particolare sulle
>problematiche Ccpl-Siae - nessun referente abbia risposto?
>Come giustificano le AI il fatto che la relazione dell'Avv. Travostino e
>altri sulla Siae - annunciata dallo stesso Ricolfi - sia ancora un mistero
>per la lista di discussione?
>
>Pongo tutte queste domande nella speranza di ricevere delle risposte che
>possano far rinascere la mia originaria fiducia nelle AI, persa nel tempo
>dopo aver constatato che la realtà dei fatti ben si distanziava dalla
>visione forse un po' troppo ottimistica che mi ero ingenuamente fatto quando
>lei e Ciurcina contattaste Christiane, Antonio Amelia e me per proporvi come
>AI.
>Sarei felice anche solamente se le prossime azioni delle AI confermassero un
>cambiamento effettivo di rotta verso la collaborazione e l'apertura con i
>membri della lista e con la comunità che ruota attorno a iCommons Italy.
>Spero anche con tutto il cuore che le AI portino a compimento il loro
>obbligo di fornire una traduzione + adattamento delle licenze + deeds che
>sia legalmente ineccepibile, completa e approfondita e contemporaneamente
>tanto chiaro, semplice e comprensibile da consentirne la divulgazione e la
>comprensione anche da parte di chi non ha alcuna competenza legale.
>
>Cordiali saluti,
>Lorenzo De Tomasi
>
>
>  
>

-- 

____________________________________________
Juan Carlos De Martin
Principal Research Scientist
IEIIT - Consiglio Nazionale delle Ricerche
Politecnico di Torino
Tel: +39-011-564-5421
E-mail: demartin a polito.it
http://multimedia.polito.it/




Maggiori informazioni sulla lista cc-it