[Cc-it] Prima che lo faccia Il Senatore Cortiana o lo facciano le AI...

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Lun 6 Dic 2004 20:06:17 EST


Carissima, carissimo,
spero che questo messaggio non sia SPAM ma possa risultarti utile.
Insieme ad alcuni amici tra cui il Prof. Rodotà e il Prof. Lessing stiamo 
organizzando un convegno volto a ragionare sul tema di cosa siano i beni 
universali nella società dell' informazione: siamo infatti convinti che oggi 
siamo di fronte alla fondamentale questione di definire cosa sia un bene 
comune per garantire i diritti e le libertà democratici a tutti i cittadini.
Sarei pertanto lieto se volessi partecipare con noi alla riflessione che si 
terrà il  18 dicembre presso lo IULM di Milano dalle ore 9 e 30 alle 13.
Ti ringrazio per l' attenzione.
Sen. Fiorello Cortiana. 

Per informazioni
tel. 0667064104/3104
3385800291 


Dove, Come, Quando
Intendiamo costruire un percorso di iniziative capaci di coinvolgere i 
diversi soggetti individuali e collettivi che possano contribuire alla 
costruzione di una proposta condivisa; un percorso che non può essere 
limitato dai confini nazionali o culturali con i quali ci scontriamo spesso.
Per questo proponiamo un percorso che viva di momenti di riflessione e di un 
luogo virtuale di discussione collettiva e condivisa. 

18 Dicembre 2004, ore 9.00
Milano, IULM
“Condividi la conoscenza: nuovi Commons, nuovi diritti”
intervengono:
Stefano Rodotà
Claudio Prado
Lawrence Lessing
Franco Carlini
Carlo Petrini
Carlo Formenti
Enzo Gentile
Monica Frassoni
Mauro Pagani
Fiorella De Cindio
Anna Carola Freschi
Angelo Raffaele Meo
Marco Ciurcina
Dany Cohn Bendit
Moderano: Fiorello Cortiana e Milly Moratti 


Condividi la conoscenza: nuovi Commons, nuovi diritti 

Un diverso terreno di gioco
Lo sviluppo della Società dell'Informazione richiede di modificare la 
definizione dei diritti universali: oggi più che ieri la definizione dei 
beni comuni, del valore della condivisione del sapere sarebbe la leva di un 
nuovo rinascimento, in un periodo in cui la guerra sembra l'unica risposta 
praticata al declino del modello di sviluppo. Mai come oggi la crisi mostra 
limiti e opportunità di un diverso modello; ma questo necessita la 
definizione di un diritto internazionale che garantisca la condivisione 
cooperativa della conoscenza.
La necessità di definire e sviluppare i nuovi commons, beni comuni della 
società, liberamente accessibili, riuscendo allo stesso tempo a valorizzare 
intelligenze individuali, investimenti economici e bisogni collettivi è la 
nuova frontiera politica, sociale ed economica che ci troviamo ad 
affrontare.
Definire l'accesso ai saperi collettivi come un diritto universale pone un 
problema inedito in termini legislativi, assolutamente in controtendenza 
rispetto alla sacralità dei brevetti e del copyright, dato che sempre più la 
legislazione europea, occidentale e internazionale utilizza come una clava e 
un ricatto di fronte alla crisi di competitività e alle richieste dei Pesi 
emergenti. Inoltre grande valore assume la libera accessibilità delle 
produzioni intellettuali e immateriali pubbliche, a partire dalla funzione 
della ricerca e dell'università; il progetto Genoma, esperienza di 
importante investimento pubblico è un caso clamoroso di creazione di 
commons, cioè di un sapere condiviso che rivoluziona l'approccio 
scientifico, perché fornisce alla ricerca medica di base ed applicata un 
nuovo terreno di gioco.
Si pone un problema di regolazione nella condivisione, che possa consentire 
sintesi della creatività individuale, degli investimenti pubblici e privati, 
dei bisogni collettivi: lo statuto dei lavoratori della conoscenza, la 
definizione di un diritto d'autore che riconosca l'autore in quanto tale e 
non i diritti connessi di edizione e sfruttamento pongono al centro la 
funzione della paternità intellettuale, ancor prima che il nodo della 
proprietà intellettuale. La crescita di un movimento di lavoratori della 
conoscenza segna un mutamento profondo nella dimensione storica che abbiamo 
conosciuto nel secolo passato.
Oggi più che mai si pone il problema di una sintesi tra le domande e i 
bisogni di chi vuole condividere le produzioni immateriali con le 
aspettative di chi garantisce la biodiversità come pubblico attraverso la 
varietà delle produzioni naturali e agroalimentari.
La definizione di un sapere libero e accessibile, in campo scientifico, nel 
sistema delle comunicazioni, nell'universo culturale, consentirebbe la 
definizione di un nuovo terreno di gioco e di una nuova funzione dello 
sviluppo, capace di aprire le porte del fortino occidentale e di riaprire  
un canale di comunicazione scientifico e non solo nelle relazioni tra 
cultura occidentale e culture emergenti, in alternativa la modello del 
conflitto religioso e della guerra preventiva permanente. 

Non abbiamo risposte precostituite; questi spunti richiedono un impegno 
collettivo che permetta di far incontrare chi oggi si batte contro la 
brevettazione del software con chi sviluppa cultura liberamente 
distribuibile, chi è impegnato nella difesa degli usi civici naturali con 
chi tenta la strada di una ricerca libera e condivisa, chi si batte per 
riaffermare, nell'era del lavoro intellettuale e precarizzato, il diritto 
alla libertà creativa e chi costruisce quotidianamente un diverso contenuto  
della comunicazione di massa. Oggi più che mai è necessario gettare le basi 
per la costruzione di un blocco sociale consapevole per la qualità, capace 
di costruire un'altra risposta possibile. Per questo ci incontreremo il 18 
Dicembre a Milano, presso lo IULM, con la speranza che sia un nuovo inizio 
per una politica della condivisione e per costruire una sintesi inedita tra 
vecchi e nuovi diritti. 

Fiorello Cortiana, Stefano Rodotà, Franco Bifo Berardi, Carlo Formenti, 
Laura Tettamanzi, Angelo Raffele Meo, Franco Carlini, Matilde Ferraro, 
Stefano Maffulli, Fiorella De Cindio, Monica Frassoni, Marco Ciurcina, 
Mariella Gramaglia, Arturo Di Corinto, Lele Rozza, Giovanna Sissa, Guido 
Chiesa, Juan Carlos De Martin, Anna Carola Freschi. 

___________________________________ 

"Un diritto d'autore che riconosca l'autore in quanto tale e non i diritti 
connessi": ma le AI lo diranno a Cortiana che le licenze CC fanno salvi i 
diritti connessi? :) Secondo me no. Ci metterei la manina sul fuoco. :D
"Lo statuto dei lavoratori della conoscenza", "un movimento di lavoratori 
della conoscenza": lo dirò a mio padre, operaio in aspettativa di cassa 
integrazione, poi vi faccio sapere, (*se del caso*). :) 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

e-mail: nicola.grossi at creativecommons.it 

 

P.S.
Ricordo a tutti gli amici in lista che hanno una tessera di partito, che 
siamo alla fine dell'anno e che la tessera sta per scadere: se voleve 
rinnovarla, dovete affrettarvi.



Maggiori informazioni sulla lista cc-it