[Cc-it] Re: L'importanza dei Commons deed

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Dom 5 Dic 2004 17:58:36 EST


Caro Nicola, avrei alcuni dubbi riguardanti le tue affermazioni.
Se non erro riassumendo, tu affermi:
- - - - -
Se il licenziatario si limita a leggere il Commons deed, la licenza è carta
straccia.
Nei contratti conclusi mediante moduli o formulari le  condizioni che
stabiliscono, a favore di colui che le ha predisposte,  limitazioni di
responsabilità, non hanno effetto se non sono specificamente  approvate per
iscritto.
- - - - -
Nel caso di un documento rilasciato sotto Ccpl e distribuito su internet,
come ci si può accertare che il licenziatario , prima di copiare,
ridistribuire, modificare ecc. l'opera scaricata
- non si sia limitato a leggere il Sommario della licenza (Commons deed)?
- abbia letto la licenza completa (Legal code)?
- abbia accettato le clausole ("approvate per iscritto")?

Non mi pare sia possibile.

A parte la teoria e le speranze, nella realtà dei fatti, non so se la
maggioranza delle persone, ma sicuramente una buona percentuale leggerà
esclusivamente il Sommario della licenza - senza accedere alla pagina della
licenza completa - o leggerà sommariamente la licenza completa,
probabilmente dirà "che figata! condivido!" e poi si sentirà legittimato a
fare quello che dice il Commons deed e probabilmente lo farà.

E se farà quello che si sente legittimato di fare?
E' dato per scontato che abbia letto la licenza completa e che l'abbia
accettata?
Facendolo è come se avesse accettato per iscritto le clausole della licenza?

Grazie mille,
Lorenzo


----- Original Message -----
From: "Nicola Alcide Grossi" <copernico a larivoluzione.it>
To: <cc-it a lists.ibiblio.org>
Sent: Saturday, December 04, 2004 6:21 PM
Subject: [Cc-it] Re: L'importanza dei Commons deed

> L'ordinaria diligenza vuole che il licenziatario non si limiti a leggere
il
> Commons deed: se si limita a leggere il Commons deed, la licenza è carta
> straccia.
> Ti dico di più: anche nei contratti conclusi mediante moduli o formulari
le
> condizioni che stabiliscono, a favore di colui che le ha predisposte,
> limitazioni di responsabilità, non hanno effetto se non sono
specificamente
> approvate per iscritto.
> Il bello è che l'invalidità delle clausole considerate vessatorie va al di
> là della semplice nullità delle stesse e travolge l'intera licenza,
qualora
> si accerti che le parti non avrebbero concluso l'accordo senza di esse.
> Io dico che il Commons deed è davvero il male minore. :)
>
>
> Saluti (cc)opernicani, Nicola.




Maggiori informazioni sulla lista cc-it