[Cc-it] [per le Affiliate Institutions e la lista] L'importanzadei Commons deed

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Dom 5 Dic 2004 17:40:18 EST


----- Original Message -----
From: "J.C. De Martin" <demartin a polito.it>
To: <cc-it a lists.ibiblio.org>
Sent: Saturday, December 04, 2004 6:37 PM
Subject: Re: [Cc-it] [per le Affiliate Institutions e la lista]
L'importanzadei Commons deed

> I nostri pareri divergeranno, e anche molto, sulle modalita',
> ma credo si sia tutti d'accordo sull'importanza dell'interazione.

Perfetto. Sono molto contento che un referente delle AI faccia questa
dichiarazione d'intenti pubblicamente. Ora spero che alla teoria segua
***finalmente*** la sua messa in pratica. Perché, caro De Martin, ***non***
mi pare che le AI abbiano finora dimostrato tutta questa apertura
all'interazione e al confronto (collaborazione), quanto piuttosto un'estrema
chiusura e una forte organizzazione gerarchica.
***Concorda?***
A sostegno di queste mie affermazioni ci sono i reclami di non pochi altri
membri di questa lista, ma anche il fatto che i tre documenti "Appunti di
lavoro di iCommons Italy" siano stati pubblicati sul wiki e annunciati da
lei stesso solo il 1 Dicembre 2004.
Dalla lettura di questi tre documenti sembrerebbe che siano pronti da tempo
(in "Prospettive di lavoro" è scritto "Questo documento è stato discusso
nella primavera di quest'anno"). Data la loro importanza e la loro
potenzialità di innescare un dibattito estremamente costruttivo in lista e
nella comunità interessata alle licenze CC, per quale motivo le AI
li hanno pubblicati solo ora?

Potrebbero poi le AI spiegarmi per quale motivo i file pdf che loro stesse
hanno distribuito sono protetti con tecnologie di Digital rights management
(Drm) che ne impediscono sia la copia anche solo parziale (copia e incolla)
che la modifica? Mi pare che normalmente il salvataggio con questo tipo di
protezione non sia di default.
Per quale motivo poi le AI non hanno scelto di distribuirli sotto licenza
Ccpl (ad esempio Attribuzione, come tutto i documenti ospitati su CC.org) e
in un formato aperto, che ne permetterebbe la copia e la modifica e che
potrebbe contribuire notevolmente a incrementare il numero di punti di vista
e quindi la qualità delle riflessioni?

Come giustificano le AI il fatto che, dopo le continue e ripetute richieste
da parte di più membri della lista riguardanti il fatto di rendere pubblici
gli studi/riflessioni del gruppo di studio di Torino - in particolare sulle
problematiche Ccpl-Siae - nessun referente abbia risposto?
Come giustificano le AI il fatto che la relazione dell'Avv. Travostino e
altri sulla Siae - annunciata dallo stesso Ricolfi - sia ancora un mistero
per la lista di discussione?

Pongo tutte queste domande nella speranza di ricevere delle risposte che
possano far rinascere la mia originaria fiducia nelle AI, persa nel tempo
dopo aver constatato che la realtà dei fatti ben si distanziava dalla
visione forse un po' troppo ottimistica che mi ero ingenuamente fatto quando
lei e Ciurcina contattaste Christiane, Antonio Amelia e me per proporvi come
AI.
Sarei felice anche solamente se le prossime azioni delle AI confermassero un
cambiamento effettivo di rotta verso la collaborazione e l'apertura con i
membri della lista e con la comunità che ruota attorno a iCommons Italy.
Spero anche con tutto il cuore che le AI portino a compimento il loro
obbligo di fornire una traduzione + adattamento delle licenze + deeds che
sia legalmente ineccepibile, completa e approfondita e contemporaneamente
tanto chiaro, semplice e comprensibile da consentirne la divulgazione e la
comprensione anche da parte di chi non ha alcuna competenza legale.

Cordiali saluti,
Lorenzo De Tomasi




Maggiori informazioni sulla lista cc-it