[Cc-it] [per le Affiliate Institutions e la lista] L'importanza dei Commons deed

J.C. De Martin demartin a polito.it
Sab 4 Dic 2004 12:37:08 EST


Rapida risposta ad alcuni punti del messaggio di De Tomasi:

Sono d'accordo circa l'importanza dei deeds.
Preciso solo che le AI se ne occupano perche' fa esplicitamente
parte dei loro compiti: http://creativecommons.org/worldwide/overview, 
punto 6.
Riassumento: licenze + deeds, con relativi nomi, fanno parte
di cio' che ci siamo impegnati a fare e che quindi dobbiamo fornire
a cc.org come da MoU.

Sono anche ovviamente d'accordo -ferma restando
la responsabilita' del project lead circa le scelte definitive-
sulla necessita' di un confronto circa il lavoro di traduzione e
di adattamento delle licenze. E' la raison d'etre di questa lista
(beh, nel tempo ne ha acquisite svariate altre, ma questo e' un altro 
discorso... :-))
La pubblicazione sul wiki di versioni intermedie delle licenze
e' servito proprio a rendere trasparente i frutti intermedi
del nostro lavoro e permettere alla comunita' in senso lato
di esprimere il proprio punto di vista - sia sul wiki sia in mailing list.
I nostri pareri divergeranno, e anche molto, sulle modalita',
ma credo si sia tutti d'accordo sull'importanza dell'interazione.

Circa i prossimi passi, vi informo che stiamo trattando con cc.org
gli ultimissimi "fine points" delle licenze. Terminato questo processo
(questione di alcuni giorni al massimo), metteremo le licenze e i deeds
sul sito creativecommons.ieiit.cnr.it in modalita' "preview", cosi'
da raccogliere eventuali segnalazioni di sviste, commenti, suggerimenti, 
eccetera.
Terminato quest'ultimo, breve round di interazioni,
procederemo all'upload su sito creativecommons.org.

Cordiali saluti,

Juan Carlos De Martin


Lorenzo De Tomasi wrote:

>[...] Se le AI hanno intenzione di prendersi l'onere della scrittura di questi
>testi, dovrebbero a mio parere farlo nel modo più funzionale all'obiettivo
>del Commons deed, ovvero confrontarsi apertamente con più opinioni di utenti
>neofiti ed esperti per trovare dei testi che riassumano in modo tanto
>semplice quanto esaustivo e preciso le licenze.
>Per questo ***propongo di creare un sondaggio online sui testi più efficaci
>e/o un confronto aperto in lista***.
>
>L'importanza dei Commons deed è fondamentale: sono il "cappello" con cui si
>presentano le licenze, il testo che probabilmente sarà più letto, che
>spiegherà al nuovo utente cosa sono le Ccpl; per molti utenti sarà l'unico
>testo che leggeranno prima e dopo aver adottato una licenza Ccpl (quanti
>effettivamente accederanno alla pagina della licenza completa e quanti di
>questi la leggeranno completamente?)...
>Qualsiasi possibilità di fraintendimento potrebbe avere anche gravi
>conseguenze. Non può bastare liquidare la questione dicendo di appellarsi al
>principio "abbiamo preferito traduzioni letterali, quando queste sono
>corrette, anche se traduzioni più "libere" avrebbero offerto vantaggi
>marginali" da loro stessi stabilito senza alcun confronto pubblico. In
>questo caso si tratterebbe di "vantaggi marginali"?
>
>Mi auguro che le AI riflettano su questo e prendano una saggia decisione su
>come affrontare la questione. Il mio consiglio è quello di puntare a un
>***confronto collaborativo e aperto con la lista di discussione*** e di
>vederlo come un primo vero e proprio 'avvicinamento', come il principio di
>una vera collaborazione attiva che a tutti gli effetti - nonostante i
>continui appelli - non si è mai avviata.
>
>Saluti a tutti,
>Lorenzo De Tomasi
>
>_______________________________________________
>Cc-it mailing list
>Cc-it a lists.ibiblio.org
>http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>
>
>  
>

-- 

____________________________________________
Juan Carlos De Martin
IEIIT - Consiglio Nazionale delle Ricerche
Politecnico di Torino
Tel: +39-011-564-5421
E-mail: demartin a polito.it
http://multimedia.polito.it/




Maggiori informazioni sulla lista cc-it