[Cc-it] [per le Affiliate Institutions e la lista] L'importanza dei Commons deed

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Sab 4 Dic 2004 11:49:03 EST


> creatives a attivista.com Scrive:
> Sui nomi delle licenze non abbiamo problemi: **dobbiamo scrivere le
> definzione delle licenze delle A.I.** (e non possiamo fare altrimenti)

Credo che per il bene del progetto sia bene identificare e utilizzare il
naming delle licenze più chiaro e comprensibile, che dia il meno possibile
origine a fraintendimenti.
Il tema è stato più volte proposto in lista, portato avanti da alcuni
membri, ma quasi sempre ignorato dai referenti ufficiali delle AI.
Mi pare evidente piuttosto che le AI abbiano cercato di imporre (senza
confronto e discussione) le loro proposte criticate da più voci (vedi il
dibattito su "condividi allo stesso modo" contro "condividi con la stessa
licenza" concluso dal messaggio di Marco Ciurcina del 8/11/2004
http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-November/001450.html che
sembra non prevedere aperture al confronto).

Io penso che, se le AI hanno il compito e le competenze per stilare
un'ottima versione italiana delle Licenze complete (Legal code), non
necessariamente debbano anche occuparsi ***in esclusiva*** del naming delle
licenze e dell'editing dei contenuti dei Common deed e dei testi divulgativi
strettamente connessi al testo delle licenze. Piuttosto dovrebbero
collaborare alla supervisione legale di questi contenuti.
Credo che lo stesso discorso possa valere per il testo divulgativo
definitivo della licenza copleta (Legal code).

Lo scopo dei Common deed è quello di riassumere e spiegare in modo chiaro e
comprensibile a tutti le Licenze complete.
Se le AI hanno intenzione di prendersi l'onere della scrittura di questi
testi, dovrebbero a mio parere farlo nel modo più funzionale all'obiettivo
del Commons deed, ovvero confrontarsi apertamente con più opinioni di utenti
neofiti ed esperti per trovare dei testi che riassumano in modo tanto
semplice quanto esaustivo e preciso le licenze.
Per questo ***propongo di creare un sondaggio online sui testi più efficaci
e/o un confronto aperto in lista***.

L'importanza dei Commons deed è fondamentale: sono il "cappello" con cui si
presentano le licenze, il testo che probabilmente sarà più letto, che
spiegherà al nuovo utente cosa sono le Ccpl; per molti utenti sarà l'unico
testo che leggeranno prima e dopo aver adottato una licenza Ccpl (quanti
effettivamente accederanno alla pagina della licenza completa e quanti di
questi la leggeranno completamente?)...
Qualsiasi possibilità di fraintendimento potrebbe avere anche gravi
conseguenze. Non può bastare liquidare la questione dicendo di appellarsi al
principio "abbiamo preferito traduzioni letterali, quando queste sono
corrette, anche se traduzioni più "libere" avrebbero offerto vantaggi
marginali" da loro stessi stabilito senza alcun confronto pubblico. In
questo caso si tratterebbe di "vantaggi marginali"?

Mi auguro che le AI riflettano su questo e prendano una saggia decisione su
come affrontare la questione. Il mio consiglio è quello di puntare a un
***confronto collaborativo e aperto con la lista di discussione*** e di
vederlo come un primo vero e proprio 'avvicinamento', come il principio di
una vera collaborazione attiva che a tutti gli effetti - nonostante i
continui appelli - non si è mai avviata.

Saluti a tutti,
Lorenzo De Tomasi




Maggiori informazioni sulla lista cc-it