R: [Cc-it] R: Cc-it Digest, Vol 14, Issue 5

Thomas thomas.margoni a creativecommons.it
Ven 3 Dic 2004 13:53:40 EST


>Penso che tu possa usare sia le inglesi sia le italiane. Non è che la
>licenza originale non abbia valore in italia, ma potrebbe darsi che
>alcune previsioni non abbiano valore nel nostro ordinamento, oppure lo
>abbiano a prescindere dalla licenza.
>Quella italiana dovrebbe invece permettere di evitare questi inconvenienti
>
>
>  
>
>>Aggiungo che il dominio e registrato in Italia, che il server che ospita il
>>mio sito e in Inghilterra e che i brani sono archiviati su Archive negli
>>Stati Uniti.
>>
>>
>>    
>>
>Questioni di giurisdizione..... qualcuno ne sa qualcosa??
>  
>
ianal, tinla, iwbbiyhaa, .........

Se non ricordo male, nel caso in cui non si specifichi direttamente nel 
contratto la legislazione che lo regge, allora, nel caso questo abbia 
elementi di estraneità rispetto alla giuridizione italiana (residenza 
delle parti, lingua del contratto, valuta, e mille atre questioni), la 
legislazione di riferimento sarà quella con più elementi di affinità con 
la transazione. Questo vuol dire che se sei interessato a che un 
eventuale litigio sia risolto sotto le regole vigenti in Italia, l'usare 
un contratto (la licenza -se è un contratto, ma qulora fosse un atto 
unilaterale cambierebbe poco-) scritto in Italiano potrebbe *aiutare* a 
questo proposito.

Ma mantengo fermo che per la complessità della situazione dovresti 
rivolgerti ad un professionista. Ce ne sono di tutti i tipi, e vedrai 
che ne trovi anche di specializzati in siae, diritti autoriali 
internazionali,....

Per quanto riguarda la giurisdizione, invece, mi sembra ci sia una 
recente direttiva che sostituisce la convenzione di Bruxell del '68. 
Essa  stabilisce i metodi per sapere quale giurisdizione è competente.
Ovviamente non troverai il caso tuo (server da una, archivi dall'altra, 
tu da un'altra ancora) ma magari ti chiarisci un po' le idee.



Maggiori informazioni sulla lista cc-it