R: [Cc-it] R: Cc-it Digest, Vol 14, Issue 5

Emanuele Errante e.errante a safecomm.it
Ven 3 Dic 2004 13:33:11 EST


Grazie 1000!

Pensavo di contattare un avvocato per le questioni SIAE, ma credo che nessun
avvocato al momento sia in grado di darmi delle dritte sull'integrazione con
le licenze CC. Ecco perché ho pensato di contattare voi. Ad ogni modo grazie
per le risposte, alcune delle quali mi sono state sicuramente di aiuto.

Grazie ancora e continuate così. Grazie a voi qualcosa dovrà pur cambiare
prima o poi! =)

PS: ma nessuno ha pensato di trasmettere la presentazione delle CC del 16
dicembre in diretta via webcam? Renderete disponibili i passaggi più
significativi in formato audio e/o video?

Emanuele

-----Messaggio originale-----
Da: Thomas [mailto:thomas.margoni a creativecommons.it]
Inviato: venerdì 3 dicembre 2004 18.41
A: Emanuele Errante
Cc: cc-it a lists.ibiblio.org
Oggetto: Re: [Cc-it] R: Cc-it Digest, Vol 14, Issue 5


ianal, tinla, iwbbiyhaa, e quant'altro

Come sai cc.it non fornisce consulenze legali, ma è una lista dove si
discute con finalità culturali l'uso delle licenze cc.
Pertanto una domanda come la tua non può certo essere soddisfatta in
questa sede. La cosa migliore che puoi fare è quella di farti assistere
da un avvocato specializzato in materia, in quanto, se hai seguito la
discussione riguardo alla musica e alla siae, sai che tortuoso e incerto
è questo sentiero.


Emanuele Errante wrote:

>Mi trovo oggi a porvi un quesito che credo sia abbastanza complesso.
>
>
>
concordo

>dei problemi che nessuna netlabel estera si pone (beati loro):
>
>
E' un campo che non conosco,  ma se non se li pongono sarebbe meglio che
iniziassero...

>e sufficiente dichiarare che i brani presenti sul mio sito sono e restano
di
>proprieta dei rispettivi autori e che vengono liberamente distribuiti in
>virtu di quanto dichiarato nelle licenze CC?
>
A che scopo?

> E sufficiente dichiarare che
>gli artisti sono e rimangono titolari di tutte le royalties derivanti dai
>loro lavori?
>
Royalities---> siae <----> cc

> E sufficiente dichiarare che la mia netlabel non si pone alcuno
>scopo di lucro?
>
A che scopo?

> E se un domani decidessi di produrre dei CD e di venderli
>via Internet sotto licenza CC riconoscendo una percentuale all'artista e
>trattenendo una percentuale a copertura delle spese e per il sostentamento
>del sito?
>
>
Attività economica e scopo di lucro sono due concetti molto simili, e
non ostante mi sembra che in base alle ultime riforme non sia più
richiesto lo scopo di lucro per compiere attività criminosa, ma sarebbe
interessante che chi ne sa di più mi corregga.

Come ho detto sopra dovresti rivolgerti ad un avvocato per una
conuslenza specializzata.
Come mera riflessione personale di tipo culturale e irresponsabile,
penso che sarebbe prima di tutto interessante appurare se gli autori
siano gli esclusivi e soli detentori di ***ogni*** diritto sulle loro
canzoni (sembra che ce ne siano più del previsto...)


>Ovviamente trattandosi di un'etichetta che opera su Internet, gli artisti e
>i normali utenti del sito possono provenire da qualsiasi parte del mondo.
>Posso fare riferimento alle licenze CC generiche in inglese? Se invece sono
>obbligato a pubblicare le licenze italiane, che avete adattato alle norme
>vigenti nel nostro paese, per gli utenti esteri posso comunque usare le
>licenze CC generiche o sono costretto a tradurre in inglese la licenza
>italiana?
>
>
Penso che tu possa usare sia le inglesi sia le italiane. Non è che la
licenza originale non abbia valore in italia, ma potrebbe darsi che
alcune previsioni non abbiano valore nel nostro ordinamento, oppure lo
abbiano a prescindere dalla licenza.
Quella italiana dovrebbe invece permettere di evitare questi inconvenienti


>Aggiungo che il dominio e registrato in Italia, che il server che ospita il
>mio sito e in Inghilterra e che i brani sono archiviati su Archive negli
>Stati Uniti.
>
>
Questioni di giurisdizione..... qualcuno ne sa qualcosa??

>Grazie per il vostro supporto!
>
>
>




Maggiori informazioni sulla lista cc-it