[Cc-it] Re: [scienza] Non facciamone una tragedia: ma la situazione è tragica :)

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Gio 2 Dic 2004 06:07:08 EST


J.C. De Martin Scrive: 

>> [...] Ma ho commesso un errore: ho detto e ripetuto "stiamo dando". No: 
>> "stanno dando". E tra l'altro stanno dando una licenza che ? molto simile 
>> al draft 1 ossia a quella traduzione letterale che *non ? opera delle 
>> PI*, ma di *alcuni volontari di questa lista*! Sia chiaro a tutti! Voglio 
>> che tutti sappiano cosa abbiamo fatto noi e cosa hanno fatto le PI, 
>> quelli che il 16 si prenderanno gli applausi. [...] 
>> 
> 
> E' corretto cio' che scrive Grossi?
> Temo di no. D'altronde, Grossi e' giunto in lista da neanche tre mesi, per 
> cui e' comprensibile che non abbia tutto chiaro
> (meno comprensibile il modo -di cui sopra abbiamo un esempio tipico- che 
> adotta per comunicare, ma questo e' un altro discorso).

Non è un esempio tipico, De Martin, è solo un frammento *decontestualizzato* 
di un messaggio tra 1000 altri messaggi dal tono molto diverso. Quindi si 
limiti a trattare il punto e non generalizzi. Applicando il Suo metro di 
giudizio, potrei prendere un Suo "messaggio tipico" e dire che Lei è un 
cabarettista. :) Non sarebbe corretto. Le pare? Sono sulla lista da ben più 
di 3 mesi (si ricordi che esistono gli archivi on-line; e comunque la storia 
è anche per i posteri :D). 


> Ci sono, infatti, QUATTRO traduzioni pubblicamente note
> e discusse, non due.  
> 
> #1: Una prima traduzione, opera di Antonio Amelia e Lorenzo De Tomasi,
> fatta prima della nascita di Icommons Italy; traduzione a cui deve 
> senz'altro andare il doveroso riconoscimento di primo, serio sforzo per 
> portare le CCPL in Italia. URL: 
> http://www.autistici.org/pinna/Traduzione_Licenze-CreativeCommons.pdf 
> 
> #2: La traduzione letterale v1.0 prodotta dalle AI.
> Presentata alla lista il 3.3.04, lasciata sul wiki
> a raccogliere commenti fino a fine maggio 2004.
> URL: http://creativecommons.org/worldwide/it/translated-license 
> 
> #3: La traduzione letterale v2.0 presentata in lista il 27 luglio 2004 e 
> rimasta sul wiki fino a inizio settembre. URL: 
> http://demartin.polito.it/by-nc-sa2.0-italiana-27luglio2004.html 
> 
> #4: La traduzione letterale v2.0 definitiva, che e' servita da base per il 
> porting.
> URL: http://demartin.polito.it/CC-it_by-nc-sa_2.0_trad_final.rtf 
> 
> Dopo le traduzioni, e' poi venuta la proposta di licenza adattata,
> URL: http://demartin.polito.it/iCommonsIT_AT-SA-NC.html, presentata alla 
> lista per discussione in data 7 ottobre 2004,
> con relativo commento, URL: 
> http://demartin.polito.it/iCommonsIT_BreveCommentoPorting.html. 

> Comunque, tornando alle traduzioni e chiaritone il numero,
> che cosa sarebbe "molto simile" a che cosa, Grossi?
> Anche in questo caso restiamo in ascolto. 

Pronto? Siete in ascolto? Bene. :) Il draft 1 è molto simile al draft 2 (e 
non potrebbe non esserlo visto che avete applicato il principio del "minimo 
impatto": credevo che questo principio si applicasse solo per l'ambiente 
:D):
CC.org non prende in considerazione i documenti "intermedi", perla di draft 
1, ossia la traduzione di partenza, e di draft 2, ossia il documento finale, 
la licenza adattata, frutto della public discussion. 


> Intanto, il lettore attento potra', se lo vorra', farsi facilmente un'idea 
> in proposito.  
> 
> In conclusione, alle licenze hanno lavorato AI e lista, ognuno con le 
> proprie competenze, risorse e possibilita'.
> Che nessuno sminuisca il contributo di nessuno.

Lei ha il vizio di mettere in bocca alle persone quello che non dicono: non 
lo trovo corretto. Ho detto che vorrei che tutti conoscessero quello che 
*hanno fatto* le AI e quello che *abbiamo fatto* noi. Non ho sminuito il 
lavoro di nessuno: se Le dico che CC.org prevedeva una maggiore interazione 
delle AI con i membri della lista, sto sminuendo il lavoro delle AI o sto 
dicendo la verità? Se Le dico che tante importanti questioni sottoposte 
all'attenzione delle AI sono state ignorate, sto sminuendo il lavoro delle 
AI o sto dicendo la verità? Se Le dico che Lei, dopo mesi di pressoché 
totale silenzio, si è messo a parlare con me non per parlare di cose serie 
ma per rivolgermi accuse prive di fondamento, sto sminuendo il lavoro delle 
AI o sto dicendo la verità? Devo andare avanti?
Userò le Sue parole: il lettore attento potra', se lo vorra', farsi 
facilmente un'idea in proposito: vada a leggersi gli archivi; quanti 
messaggi vi troverà? Migliaia di messaggi: e i messaggi del Priject Lead 
Ricolfi quanti sono stati? Tre? Quattro? :)
Finiamola qui De Martin, altrimenti sarà Lei a sminuire il lavoro delle AI. 
:)
Come ho detto in messaggi che certamente Lei non citerà mai (ma che sono a 
disposizione di tutti), le AI fanno il loro lavoro, non dobbiamo prendercela 
con loro. Piuttosto bisogna prendere coscienza di una realtà:
CC.org ci ha fatto credere che iCommons fosse una cosa e invece ci siamo 
resi conto sulla nostra pelle che è un'altra cosa. 

Buona giornata De Martin, le auguro serenità. 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

e-mail: nicola.grossi at creativecommons.it 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it