[Cc-it] siamo seri?

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Mer 1 Dic 2004 20:48:58 EST


Io continuo a trovare i discorsi di oggi *incredibili*.
Fortunatamente gli archivi online della lista non sono in funzione! 

Si parla di creare "licenze alternative" e non si riesce quasi a metter su 
un sito web.
Si parla di creare licenze alternative e non sono state ancora presentate 
neanche quelle attuali.
Si parla *quasi* di "licenze gioacchine" da caricare sul sito 
creativecommons.it
Si è affermato "meglio l'onestà intellettuale che i logotipi"..ma che 
centra? ma che discorsi sono mai questi? 

Si propone e si auspica di disperdere il lavoro di un progetto che 
finalmente comincia a funzionare in una sequenza di "licenze fai da te" che 
non potranno mai andare da nessuna parte. 

....potrebbe avere senso il processo opposto: unire e coordinare tutte 
queste forme oggi autonome e "sparse" in un lavoro comune; penso che il 
copyleft (inteso come sistema giuridico alternativo al copyright) non possa 
nascere che per questa via.
Qui si teorizza nientemeno che la via opposta :-) 

Infine: si propone di contattare creativecommons.org per porre "determinati 
problemi".
Quei problemi potranno essere posti solo dopo che le licenze saranno 
presentate.
Il 28 Ottobre è finita la discussione, il 16 dicembre verranno presentate le 
licenze: da gennaio si ricomincia.
Non credo questo sia il modo migliore, ***ne lo sono i toni***, per creare i 
presupposti per una auspicata (da tutti) discussione.
Ripeto: la prima versione ufficiale, la ***prima*** (ci sarò una seconda, 
una terza etc etc)
Grossi ha parlato scherzosamente di "fiducia nelle istituzioni". 

Io toglierei il "scherzosamente". 

Perchè non pensare in maniera più costruttiva?
Perchè non pensare invece di contattare creativecommons.org (**creando solo 
"scompiglio"**) di "coordinare" le nostre proposte alle A.I.?
(***E casomai si contatta creativecommons.org per "regolarizzare" del tutto 
la nostra posizione...questo problema è per noi abbastanza vistoso, si 
continua a far finta di nulla) 

Dico: se presentiamo una bella proposta unitaria, seria e studiata (casomai 
con la guida dei diversi legali in lista) le A.I. non potranno che prenderla 
in considerazione. 

Voglio che le mie istanze passino?
Trovo la via più efficiente per farle passare.
Proporle semplicemente in lista non ha dato gli esiti sperati? (ancora 
dobbiamo verdelo)
Allora cambio strategia!
Il mio interlocutore è sordo?
URLO.
Non sente ancora?
Gli do uno scossone.
Per far passare istanze serie non si può urlare, ne si possono "dare 
scossoni" (contattare creativecommon.org): bisogna essere seri, perciò 
proporrei di scrivere per bene le nostre proposte e presentarle alle A.I.
Questa lista, come si è ricordato, nasce anzitutto per questo. 

Forse sono troppo ottimista ma penso che se si sceglierà questa strada la 
versione 2.0 delle creative commons italiane **sarà** il risultato anche del 
nostro lavoro.
...E non ci sarò bisogno ne di urlare ne di dare scossoni. 

Un saluto
Danilo Moi
danilomoi at creativecommons.it



Maggiori informazioni sulla lista cc-it