[despammed] Re: [Cc-it] Re: [scienza] Re: Non facciamone una tragedia: ma la situazione Ŕ tragica

Maria Chiara Pievatolo pievatolo a dsp.unipi.it
Mer 1 Dic 2004 12:47:16 EST


Alle 18:09, mercoledý 1 dicembre 2004, Nicola Alcide Grossi ha scritto:

>
> La traduzione delle pagine web non Ŕ soggetta a particolari problemi.

Quindi posso integrare la mia pagina con un paragrafetto sulla situazione 
italiana, indicando esplicitamente che si tratta di una integrazione?

>
> http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-November/001450.html

Ho visto.  Ora, se io ho interesse a far capire, magari come base di partenza 
comparatistica, al lettore che sa poco l'inglese come sono le suddette 
licenze, e' ovvio che la mia traduzione deve essere letterale. Quello che si 
ottiene e' appunto una "traduzione delle licenze cc", ma solo nel senso 
letterale - appunto - del termine.  Nulla vieta, peraltro, che la traduzione 
sia stata intesa solo come una base di partenza per una elaborazione 
ulteriore, cioe' un adattamento vero e proprio all'ordinamento giuridico 
italiano, che e' giocoforza cosa diversa da una mera traduzione.

Del resto, se io traduco in italiano la costituzione americana non ottengo la 
costituzione italiana. Ottengo la costituzione americana tradotta in 
italiano, di interesse comparatistico indubbio, ma assai poco utile se 
volessi usare il suo testo per argomentare a favore di un mio diritto 
costituzionale di portare armi :-)

Insomma: forse e' il caso di stare a vedere, come dice lei (btw, diamoci pure 
del tu, come si usa in rete). Mi sembra francamente un po' difficile credere 
che i giuristi torinesi non si siano posti questo problema.

A presto,
MCP







Maggiori informazioni sulla lista cc-it