[Cc-it] ...a mio rischio e pericolo!

S*phz scarph a autistici.org
Mer 1 Dic 2004 12:17:19 EST


ciao a tutti,
scrivo poco ma lurko molto :-)
sto seguendo con interesse gli ultimi scambi in merito all'adattabilita' 
delle licenze alla situazione italiana. Come alcuni di voi sanno mi sto 
accingendo a pubblicare un CD utilizzando la licenza
http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.0/
che sara' disponibile a partire dalla meta' di dicembre nella versione 
italiana.
L'idea era partita a giugno di quest'anno.
Devo dire che sei mesi di osservazione in giro per la rete, di colloqui 
con persone che hanno vissuto sulla propria pelle le problematiche del 
diritto d'autore per come l'abbiamo conosciuto fino ad oggi, di 
confronti con altre situazioni che operano nell'ambito no-copy/copyleft,
mi hanno reso piu' consapevole della situazione e allo stesso tempo 
sempre piu' titubante su come comportarmi.
Se da una parte trovo assurdo che, chi si occupa, come me, di fare 
musica per trarne un godimento, debba occuparsi di leggi e 
giurisprudenza quanto un avvocato, dall'altra penso sia importante avere 
sempre una certa consapevolezza di quello che si sta facendo.
Quindi volevo dirvi che sperimentero' sulla mia pelle la situazione 
Creative Commons :-) Mi offro come cavia innalzata sull'altare di 
''alcuni diritti riservati''. :-)
Non so se dovro' affrontare situazioni da tribunale, anche perche', se 
mai succedera' non avro' comunque i soldi per pagarmi un avvocato.
D'altronde il disco del Giardino Violetto non e' un disco dei Cure e 
probabilmente non attirera' le mire degli avvoltoi del music business...
Questo discorso mi fa pensare a quanto sia importante, oltre alla 
semplice licenza che possa tutelarti, la differenza di rapporti di 
forza. Penso a me, che c'ho si e no mille euro in banca, a fare una 
causa per non rispetto dei termini della licenza Creative Commons alla 
EMI...e mi vengono in mente i Sex Pistols che invece alla EMI sono 
riusciti a scucirgli qualche centinaio di migliaio di sterline senza 
nemmeno fare un disco (...si ma dietro l'angolo c'era Malcolm Mc Laren 
che li intortava..sia alla EMI che ai Sex Pistols)
Quindi penso che alla fine quello che mi interessa e creare un 
precedente nei confronti di chi ascolta la musica. Al di la' di tutto 
utilizzare questo tipo di licenza andra' di fatto a legalizzare la 
copia, lo scambio, lo sharing e il peer to peer. E io godro' perche' la 
gente mi ascolta e la gente godra' ascoltando la mia musica liberamente.
In fondo la cosa piu' importante e' proprio questa...

p.s.
piccola postilla tecnica:
sul booklet del CD ci sara' il commons deed della licenza che essendo 
scritto su carta non puntera' a nessun link
Ho diritto ad utilizzare il marchio CC in questo caso?
salutoni a tutti
S*phz




Maggiori informazioni sulla lista cc-it