[Cc-it] Re: [scienza] Re: Non facciamone una tragedia: ma la situazione

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Mer 1 Dic 2004 10:14:45 EST


Maria Chiara Pievatolo scrive: 

> Una di queste pagine potrebbe indicare gli url di altre licenze aperte.
> magari con una breve presentazione e qualche link alla normativa italiana,
> disponibile su interlex
> in modo che gli interessati possano scegliere quella che preferiscono.

Sto rivedendo le F.A.Q.: credo che queste informazioni possano essere 
inserite lì (in parte sono già presenti).
Il problema, tuttavia, è più generale: io vorrei che ogni popolo, in nome di 
un'idea comune, elaborasse le proprie licenze libere, trovasse la propria 
strada, la strada che meglio si adatta alla propria realtà.
L'idea di iCommons, sebbene differisca dalla mia, è comunque quella di 
adattare le licenze CC (le *loro* licenze) ai vari contesti giuridici 
internazionali, cercando di coinvolgere, nell'adattamento delle licenze, la 
"gente comune" e spingendo la "gente comune" a proporre cambiamenti sulla 
base dei propri "diritti d'autore ideali" (così dice, CC.org).
Il fatto è che la filosofia di CC.org sta al marxismo come iCommons sta al 
socialismo reale. :)
Sulla lista spagnola, che è l'unica lista, insieme a quella italiana, che ha 
sviluppato traffico (per il resto si è trattato di un fallimento), sono 
comparsi gli stessi problemi che noi viviamo: le AI, che secondo CC.org 
avrebbero dovuto guidare ed animare la discussione pubblica, sono state 
"accusate" di essere poco presenti, troppo "indipendenti", troppo rigide 
nell'"adattamento". Risultato? Le licenze non sono adattamenti, ma mere 
traduzioni con pochissime, piccolissime modifiche (nessuna sostanziale).
Non sono affatto convinto che la suddetta rigidità dispiaccia a CC.org; 
anzi, ho motivo di ritenere il contrario: se pubblicizzassimo *su questo 
sito* licenze diverse da quelle "prodotte" dalle AI Italiane, CC.org 
potrebbe ritirare i permessi che ci ha dato. CC.org consente di modificare 
le licenze CC purché non ci siano riferimenti diretti o indiretti a Creative 
Commons. Tutto il contenuto presente su creativecommons.it è, però, 
direttamente o indirettamente, pur sempre riferito a Creative Commons (credo 
che Danilo Moi volesse dire qualcosa del genere).
Pertanto, è sempre possibile fare un omaggio al Belli che vada oltre il 
semplice link, purché non lo si faccia su questo sito. :)
Ma questo non è un problema, ce ne sono talmente tanti di siti... :) 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

e-mail: nicola.grossi at creativecommons.it



Maggiori informazioni sulla lista cc-it