[Cc-it] Re: Non facciamone una tragedia: ma la situazione

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Mer 1 Dic 2004 07:30:00 EST


> Maria Chiara Pievatolo Scrive:  
> 
> 
>> Be', allora la situazione e' meno grave di quanto pensassi. Nulla vieta 
>> di produrre una licenza concorrente - chiamandola anche Giovacchino, se 
>> non si vogliono avere problemi di marchio - e presentarla spiegando che 
>> ha gli stessi fini di cc, ma con un piu' radicale adattamento al contesto 
>> giuridico italiano.. In Italia attribution e' superflua, per esempio.

Danilo Moi risponde: 

Non è così.
Le creative commons ufficiali sono e saranno solo ed esclusivamente quelle 
che le Affiliate Institutions presentaranno.
Solo quelle licenze sono riconosciute da Creative Commons Corp. come 
ufficiali.
Non è casuale che le A.I abbiano firmato un MOU. 

Ricordo inoltre che il sito creativecommons.it, ****in base all'accordo con 
creativecommons.org**** può individuare come le "licenze creative commons" 
solo e soltanto quelle che le A.I presenteranno il 16 Dicembre. 

Questo non vieta a nessuno di proporre una versione alternativa, ma tale 
versione non sarà "ufficiale".
Nessuno può infatti obbligare Creative Commons Corp. a scegliere una 
versione come la **sua versione**, **è Creative Commons Corp che sceglie**.
(discorso banale e autoevidente) 

Un saluto
Danilo Moi
danilomoi at creativecommons.it



Maggiori informazioni sulla lista cc-it