[Cc-it] Re: Gruppi di lavoro

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Gio 26 Ago 2004 09:23:41 EDT


Giovedì, 26 Ago 2004, alle 13:26 Europe/Rome, Ado Pieretti ha scritto:

> Lorenzo De Tomasi Scrive:
>> Alcune osservazioni e proposte: Per alcune sostanziali differenze, 
>> separerei altri due gruppi:
>> - Istruzione (invece di didattica) - distinzione presente anche su 
>> Creative Commons.org
>> - Architettura e Design (il designer può proteggere le proprie opere 
>> sia attraverso il diritto d'autore che con marchi e brevetti).
>> 	Architettura, Architettura d'interni, Design della Comunicazione, 
>> Design del Prodotto
>
> Sì, originariamente avevo messo "didattica" a parte: a pensarci bene 
> non era una scelta sbagliata, visto che le modalità con cui può 
> avvenire sono molteplici.
> Quanto al secondo punto, immaginavo che avresti creato una categoria a 
> parte. :-)
> A questo punto si dovrebbe separare anche "teatro" da "danza" e 
> speficicare tragedia, commedia... per il teatro; coreografia, 
> pantomima... per la danza.
> Per la musica, poi, i sottogruppi sarebbero tanti.

Le mie motivazioni per una separazione di design sono legate alla 
particolarità della disciplina e a finalità pratiche:
- innanzitutto il design (in quanto ibrido poiché tutelabile sia 
attraverso il diritto d'autore che il brevetto - si pensi al packaging 
design) è una particolare eccezione, meritevole di discussioni a parte. 
Anche a livello universitario europeo la distinzione tra Architettura / 
Design del prodotto + Design della comunicazione / Arti figurative è 
stata netta sin dagli albori. Un po' diverso in Italia, ma ora anche da 
noi la separazione è netta. Danza e teatro sono invece entrambi 
performance e sono a mio parere equiparabili. Non ho intenzione di 
suddividere ulteriormente in Design della Comunicazione, Design del 
Prodotto, Design delle interfacce, Packaging design ecc., come in 
tragedia, commedia ecc.: non avrebbe senso entrare così nel dettaglio.
- L' Associazione Italiana progettazione per la comunicazione visiva 
(Aiap) ha espresso interesse per le licenze Ccpl pubblicando anche un 
mio corposo articolo sulla rivista Progetto Grafico. Credo sia corretto 
dare giusto spazio a questa apertura nei nostri confronti.

Ps: anche l'Associazione italiana illustratori ha espresso interesse 
per le Ccpl in passato.

Ciao a tutti,
Lorenzo



Maggiori informazioni sulla lista cc-it