[Cc-it] Re: Statuto o sito? :-P

MentalRay mentalray a tin.it
Ven 20 Ago 2004 12:01:34 EDT


>Non penso a un'associazione, penso a un metodo democratico per portare 
>avanti un progetto collaborativo.
>Fin dai primi anni dell'universitÓ mi sono trovato a collaborare con 
>pi¨ persone a differenti progetti scolastici o per passione personale 
>(molti progetti d'esame, un videogioco, molti progetti lavorativi ecc.) 
>scontrandomi con non pochi problemi, spesso dovuti proprio alla 
>presenza di una gerarchia.
per esperienza diretta (quando ero un po' piu' giovane ho fondato e presieduto una associazione ludico-culturale), 
ti posso dire che, col senno di poi, la democrazia c'e' se le regole sono chiare ed esiste la capacita' di creare 
un ricambio (anche generazionale) in sintonia con lo spirito di chi inizia un progetto.

Ho avuto la fortuna di sperimentare sia i gruppi informali che quelli strutturati in associazioni e posso dirti che alla lunga,
un progetto sopravvive meglio e resta maggiormente fedele "all'originale" proprio con le associazioni.

certo la gerarchia a volte disturba, soprattutto in un ambiente dove e' il singolo ad essere il centro dell'azione e della decisione: 
ma vista la portata e le ambizioni del progetto cc e vista la molteplicita' di soggetti potenzialmente interessati a cc, credo che associarsi sia l'unica reale e concreta organizzazione possibile a vantaggio di tutti, dall'ente al singolo.
Quello che auspico e' una struttura in cui soggetti profondamente differenti come le PI o le singole persone, possano interagire e far circolare informazioni nel modo piu' opportuno e pratico. Per prendere poi decisioni operative ritengo sia necessaria quella rappresentanza e quella rappresentativita' che solo una associazione ben articolata puo' dare e che un gruppo informale difficilmente avrebbe.

L'associazione e' e resta in ogni caso un mezzo per raggiungere uno scopo, ma allo stesso tempo ha al suo interno degli strumenti per poter democraticamnete dire la propria senza paura che una gerarchia possa preoccupare qualcuno.

La gerarchia a mio avviso e' un problema quando chi presiede e' incompetente o in malafede: ma se si vive l'incarico di responsabilita' e non come una acquisizione di potere ma come momento di servizio per gli altri (e qui si entrerebbe nell'etica), a tutti i livelli si puo' trarre giovamento: in ogni caso per un progetto simile la leadership e' un fattore strategico che invito a non sottovalutare e a valutare con ponderatezza.  

>Non vi chiedo di non parlare di associazione, mi auguro solamente che 
>non ci sia fretta nell'elaborare uno statuto e che la discussione 
>prosegua maggiormente diluita nel tempo.
da parte mia sono solo delle riflesisoni al volo sulla cosa, fermo restando che mantengo sempre disponibilita' per le traduzioni.



___________________________________________
"In quiete dopo la tempesta
 in quiete prima della battaglia
 in quiete all'apparenza per nascondere il tumulto
 in quiete in sostanza per poter roteare nel caos".

                                                  Giovanni Lindo Ferretti




Maggiori informazioni sulla lista cc-it