[Cc-it] Uno statuto? Una netiquette!

MentalRay mentalray a tin.it
Ven 20 Ago 2004 12:00:04 EDT


>Nel caso di CC ITA non credo che un'associazione sia molto utile: i vantaggi 
>che ho letto sul wiki sono in buona parte di natura economica: ma quanti 
>soldi pensate che sganceranno? :) E quando? :) Siete troppo scomodi per 
>beccare soldi pubblici.
Il discorso finanziamenti e' una delle soluzioni percorribili e non e' detto che la si percorra per forza: e' una opportunita' come molte altre.


>I convegni e i libri possono essere fatti anche senza soldi: 
>invitate Lessing (tanto per fare un nome)... gli atenei vi apriranno subito 
>le porte ed i giornali scriveranno di voi. 
Certo: infatti quando  Stallman viene in italia vedo fior fiore di articoli sia sul corriere della sera che sul gazzettino e la tribuna di treviso :)

Facciamo piuttosto un esempio pratico: 
vivo in un paese di 30mila anime e domani vorrei portare l'esperto a parlare di quel che gli pare.
Dato per scontato il suo arrivo (se lo invito minimo gli pago viaggio e pernotto, non ti pare?) mi trovo a dover trovare una sala per l'incontro: come associazione culturale l'amministrazione mi darebbe una sala della biblioteca gratis o a prezzo estremamente convenuto, diversamente dovrei scucire minimo 100 euro l'ora da un privato (che mi vende un servizio con cui ci vive).
Poi un giro di locandine o volantini dovrei anche farli: al di la' delle spese di stampa, come associazione non dovrei pagare la tassa di affissione, dato che il comune in caso di manifestazioni di associazioni senza scopo di lucro non chiede una lira. diversamente dovrei metter mano al portafoglio per l'ennesima volta.

Ammettendo poi che una sala da 100 posti non mi basti decido di noleggiare per mezza giornata il locale teatro da 350 posti (privato): la struttura ha un certo costo, solo che se sono associazione  posso chiedere il patrocinio di enti statali che mi aiutano a coprire le spese dell'evento, diversamente come privato o ci metto di mio ancora o trovo degli sponsor interessati.
Ma se vado  a caccia di sponsor perche' dovrebbero dare  piu' credito a me privato che ad una associazione?
Se possono gli sponsor danno alle associazioni (per ovvi motivi di immagine), anche perche' si sentono piu' "tutelati" rispetto all'azione di un singolo.
Beh allora decido di far pagare il biglietto: in questo caso mi armo di pazienza e di molta calma e mi informo se l'incontro che voglio fare e' soggetto a qualche titolo alla pruriginosa siae: in caso affermativo passo mezza mattinata a compilare bordeo' assurdi e a ritirare le matrici dei biglietti con il bollo siae accluso.

Potrei andare avanti cosi' all'infinito, ma alla fine si arriverebbe ad una banalissima considerazione: la cultura e l'informazione di qualita' costano: e se vuoi che il maggior numero di persone ne possano fruire senza creare questioni di censo non puoi che organizzarti in modo tale da poter ottenere i massimi vantaggi all'interno del sistema di regole dello stato: regole che anche il singolo e' tenuto a rispettare ma a volte con piu' vincoli dell'associazione.
In merito poi alla democraticita' del mezzo, sicuramente ho piu' garanzie democratiche in uno statuto di associaizone che in un gruppo informale, proprio perche' lo statuto mette subito in chiaro regole scritte fin da subito e non eventuali interpretazioni di un gruppo spontaneo di persone.
Dopotutto se la democrazia nasce anche da Hobbes (non quello di calvin e hobbes) e Tocqueville non e' poi un caso che possa pensare che un gruppo spontaneo di persone, proprio in quanto tale, sia ancora uno stadio piu' o meno evoluto di "homo homini lupus".
Personalmente ambirei a qualcosa di piu'  :)

My two eurocents ovviamente.

___________________________________________
"In quiete dopo la tempesta
 in quiete prima della battaglia
 in quiete all'apparenza per nascondere il tumulto
 in quiete in sostanza per poter roteare nel caos".

                                                  Giovanni Lindo Ferretti




Maggiori informazioni sulla lista cc-it