[Cc-it] riflessioni parte seconda

MentalRay mentalray a tin.it
Lun 16 Ago 2004 09:18:17 EDT


Leggendo i vari interventi mi vengono a getto una serie di considerazioni:

questione libero contributo/quota associativa: 

Con le buone intenzioni spesso si fa strada ma prima o poi si resta purtroppo al palo. 
Se personalmente devo garantire la continuita' di una associazione e dei progetti che persegue non mi azzarderei ad affidarmi solo al buon cuore delle persone: cercherei un compromesso tra quote popolari di adesione e finanziamenti vari (nelle quli rientrano anche le donazioni a vario titolo). 
Come associazione non profit sicuramente si ha l'opportunita' di poter richiedere contributi a diverso titolo (o a progetto nel caso partecipassimo a qualche bando UE), fermo restando che la quota associativa non e' di per se' uno sbarramento economico ma "motivazionale" e anche pratico: se l'iscrizione fosse gratuita un fubracchione (o piu') qualsiasi potrebbe iscrivere mamme, nonne, zie, nipoti, parenti, amici (a cui magari nulla interessa delle cc), trovare il modo di essere delegato di questo gruppo di persone ad operare in seno all'associazione e muoversi sostanzialmente senza che nessuno possa farci nulla ma soprattutto senza rappresentare davvero qualcuno. 
Se invece poni anche un solo euro di quota  le cose cambiano notevolmente.

questione gerarchia soci e struttura organizzativa:

Nella proposta che avevo fatto implicitamente si fa presente che ogni sistema e' "sfruttabile" a proprio favore, solo che nel caso specifico la soglia per attivare questo "sfruttamento" da parte di chiunque e' molto alta. 
In altre parole focalizzare fin da subito sulle associazioni anziche' sul semplice singolo, pur garantendogli legittima rappresentanza, permette di ottenere diversi vantaggi:

1) maggiore presenza sul territorio 
Una associazione  gia' precostituita o costituita a seguito puo' meglio agire in ambito locale.
Se ad esempio sono una associazione che riunisce dei giovani cineasti e credo che le licenze cc siano per le mie finalita' vantaggiose o utili, potro' partecipare con un rappresentate alle decisioni dell'associazione, ma allo stesso tempo posso interagire con i "comitati scientifici" che qualcuno ha gia' ipotizzato, che sono una struttura "operativa pratica" e non "decisionale e rappresentativa" come dovrebbe essere l'assemblea dei soci dell'associazione.

2) maggiore "governabilita' " dell'associazione stessa, intesa non come una riduzione del potere decisionale dei singoli componenti, ma come "delocalizzazione" delle discussioni e delle prese di posizione su argomenti specifici:
Ad esempio se devo trovare la soluzione ad un ipotetico problema un conto e' dover mettere d'accordo 1000 opinioni differenti (caso in cui si pensi l'associazione formata solo da singoli individui), un altro e' mettere d'accordo 100 rappresentanti di associazioni e di singoli. Questo non significa che si perde potere decisionale, semplicemente si responsabilizza ogni associazione aderente a prendere posizione attraverso una discussione interna alla medesima che verra' comunicata a tutti gli altri rappresentanti in sede di consiglio. 
In questo caso si tagliano drasticamente i tempi di discussione e si e' complessivamente piu' snelli senza per altro intaccare il sacrosanto principio di libera espressione delle proprie idee da parte di ogni singolo associato.

3) maggiore coesione e capacita' contrattuale: un conto e' dire "raccolgo 1000 persone a vario titolo", un altro e' dire "raccolgo tot associazioni, tot enti e fondazioni, e tot persone a vario titolo". 
Sicuramente si da' maggior respiro ad un progetto che ricordiamoci, non e' proprio di portata secondaria ed ha oramai respiro europeo.

4) invogliare i singoli individui ad associarsi per poter perseguire le proprie finalita' in seno al progetto cc.
Solo cosi' si crea quel circolo virtuoso che riesce a creare un discreto ricambio e circolazione di idee in seno al progetto senza intaccare le direttive fondanti l'associazione stessa.
Per esperienza diretta ho imparato che se si fonda un progetto sulla singola persona (inteso come individualita') esso morira' nel momento stesso in cui quella persona perde interesse: e per evitare questo sono fermamente convinto che si debba' puntare di piu' sulla rappresentanza associazioni/enti/fondazioni/singole persone.


Ricapitolando ed aggiornando il tutto, propongo allora una struttura di questo tipo:


Assemblea dei soci formata da:
singole persone, associazioni, fondazioni, enti e soggetti istituzionali vari che riconoscono l'importanza dello sviluppo e della promozione delle licenze cc in seno ai propri compiti istituzionali o all'interno del proprio contesto operativo e lavorativo.

All'interno dell'assemblea dei soci verranno individuati i rappresentanti che formeranno il consiglio dell'assemblea dei soci costituito da:

rappresentanti di associazioni, fondazioni e piu' in generale di enti et similia in ragione di un rappresentante per associazione con diritto di singolo voto (secondo il principio una associazione un voto)  in seno al consiglio dell'assemblea dei soci;

rappresentanti di singoli non associati alle suddette associazioni, eletti in quantita' variabile alla quantita' di singoli non associati iscritti all'associazione attraverso una elezione diretta (secondo il principio un uomo un voto)  da tenersi a cadenze temporali fisse.
Ogni rappresentante eletto avra' diritto di singolo voto in seno al consiglio dell'assemblea dei soci.

All'interno del consiglio dell'assemblea dei soci si provvedera' a distribuire le cariche istituzionali ed operative individuate dal consiglio stesso (ovvero presidente, segretario, tesoriere, probi viri e quant'altro).


Dal punto di vista operativo il consiglio dell'assemblea dei soci dara' mandato per la costituzione dei gruppi di lavoro tematici a cui tutti gli associati sono invitati a partecipare. 

I temi potrebbero essere:
- illustrazione, fotografia, scultura ecc.
- musica
- cinema
- letteratura, poesia ecc.
- giornalismo
- scienza
- istruzione
- design
- ecc.

Requisito fondamentale per la costituzione di un gruppo di lavoro sara' la manifesta disponibilita' da parte degli associati interessati (siano essi singoli che associazioni) ad animare il gruppo in questione che si dotera' nel minor tempo possibile di un rappresentante-responsabile-coordinatore il cui compito sara'  quello di mantenere i contatti diretti tra il consiglio dell'assemblea dei soci ed il gruppo di lavoro. 

Con questo sistema si otterra' un duplice scopo: da una parte  garantire attivita' specifiche attraverso i gruppi di lavoro misti singoli/associazioni il piu' possibile vicine alle esigenze e ai desideri degli associati, dall'altro garantire non solo rappresentanza "istituzionale" da parte degli aderenti ai progetti specifici nei confronti del resto del mondo, ma anche di essere aggiornati continuamente e puntualmente in caso ci siano novita' rilevanti da parte del consiglio dell'assemblea dei soci per gli specifici campi di applicazione. 
Ad esempio se il gruppo partecipasse o proponesse un progetto specifico, un conto e' presentarsi come singola associazione, un conto e' presentarsi come un insieme plurale di soggetti.
Parimenti se ci fosse da contattare  il gruppo ufficale tedesco che si occupa di cc per avviare una serie di collaborazioni tra i gruppi di lavoro nostri ed i loro equivalenti (se esistono) un conto e' farlo tramite la struttura dell'associazione riconosciuta da tutti ed anche dalle controparti internazionali, un altro e' andare soli allo sbaraglio.

Per esperienza diretta credo che si tenda a dare credito ai sistemi organizzati in questo modo anziche' alla piccola associazione.

my two eurocent ovviamente.
gio


___________________________________________
"In quiete dopo la tempesta
 in quiete prima della battaglia
 in quiete all'apparenza per nascondere il tumulto
 in quiete in sostanza per poter roteare nel caos".

                                                  Giovanni Lindo Ferretti




Maggiori informazioni sulla lista cc-it