[Cc-it] Re: Proposta di Statuto per Creative Commons Italia.

Ado Pieretti cc a copyzero.org
Lun 16 Ago 2004 06:30:16 EDT


Alberto Gilardi Scrive: 

>      Nei commenti vi prego di essere succinti e di rimanere entro le 5
>      righe per ciascun dubbio (ciò eviterà che il singolo neurone che
>      talvolta mi fa la grazia di accendersi vada completamente in fumo
>      a causa del surriscaldamento legato al sovraffaticamento oculare)
>      ;-) . Scherzi a parte, avrò pochissimo tempo per rispondere,
>      pertanto chiederei a tutti di evitare lunghi commenti, così che
>      non mi debba trovare nella spiacevole situazione di non poter
>      rispondere a qualcuno, perché ho impiegato tutto il tempo nel
>      leggere tre pagine di email inviatami da qualcun altro.

Ok, 3 pagine no, ma 5 righe potrebbero non bastare ad esprimere ed 
argomentare un dissenso, non ti pare? 


>   6. Non sono d'accordo con l'uso del wiki per la stesura dello
>      statuto, perché data la complessità dell'atto ritengo non sia
>      indicata una stesura di tipo collaborativo: a prescindere dal
>      fatto che, per poter intervenire sul testo, bisognerebbe almeno
>      aver letto qualche volta tutta la normativa essenziale di
>      riferimento; i diversi punti di vista personali produrrebbero
>      molto probabilmente un testo caotico e incoerente (è solo la mia
>      opinione, naturalmente, e come tutto è discutibile, ma vi prego di
>      rispettarla, non immettendo nel wiki il testo, ma piuttosto
>      inviandomi i vostri commenti e le vostre proposte di modifica).

Lo statuto d'esempio è stato più volte editato, *dopo discussioni fatte in 
lista*, e senza nessun problema. Anzi, è, secondo me, il modo più rapido per 
trovare accordi comuni sulla struttura dell'associazione e sui suoi 
obiettivi. Chiarito l'aspetto ideologico, strutturale e lo status giuridico 
dell'associazione (trovato un accordo sulla *sostanza*), basterà calarlo 
nella *forma* migliore (a questo punto mi trovo d'accordo con te sulla 
necessità di affidare il compito a dei tecnici per evitare il caos).
Il parlamento è spesso caotico: addirittura si insultano, si picchiano... ma 
quella si chiama pur sempre democrazia (discussione e confronto).
Il wiki e la mailing list sono un po' il nostro parlamento: per cui dal 
punto di vista sostanziale lo statuto dovrebbe essere abbozzato in quello 
che tu chiami caos. :-) Non abbiamo ancora discusso sulle fondamenta (ancora 
devono registrarsi pareri sul fatto che sia opportuno fare o non fare 
un'associazione: e non mancano quelli negativi) e già abbiamo una prima 
stesura di statuto da pubblicare sul sito? C'è qualcosa che non mi torna. Se 
si tratta di una *tua* proprosta, visto che non ti sta sulla mailing list, 
perché non la metti sul wiki? Prometto di non toccartela (comunque *ogni 
versione resta on-line non viene cancellata*). :-) 

 

>   7. Se in lista ci sarà un certo accordo su una certa modifica alla
>      mia bozza, la inserirò senza dubbio, a patto che ciò sia possibile
>      alla luce della normativa vigente.

Cosa intendi per "certo accordo"? Una maggioranza qualificata, semplice... 
anche il semplice intervento di un singolo? :-? 

 

>   8. Vi chiederei di inviarmi i commenti al più presto, in modo che la
>      discussione in lista possa chiudersi qualche giorno prima di
>      Settembre, di modo che io abbia il tempo di stendere una versione
>      più definitiva da discutere nel prossimo incontro delle PI.

E' agosto... la gente è in vacanza... magari non tutti possono 
partecipare... e poi si ritrovano con una versione *"più definitiva"* 
elaborata da 2-3 persone e magari già avallata dalle PI: non è meglio 
andarci un po' più piano? 

Ricolfi, inoltre, ha detto che sarebbe bello avere da settembre una *bozza* 
di statuto, non una versione "più definitiva" (che comunque è un termine un 
po' ambiguo). E sempre Ricolfi ci ha invitato ad essere autonomi nelle 
scelte (ed in questo è compresa anche la scelta dei tempi e delle modalità 
di discussione: o no?). Secondo me lo statuto deve nascere con il più alto 
numero di contributi possibile: e allora diamo la possibilità a tutti di 
contribuire allungando un po' i tempi. Che fretta c'è? 


>      se nonostante gli
>      sforzi, resteranno dei punti in sospeso, li risolveremo con il
>      metodo democratico della votazione 'pro capite', nel corso della
>      riunione che darà vita all'associazione.
 

Sì, su questo concordo e non dimentichiamo la possibilità di delega:
cosa che dovrebbe essere resa nota a tutti e per tempo. 


Ciao, Ado. 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it