[Cc-it] Proposta di Statuto per Creative Commons Italia.

Alberto Gilardi alberto_gilardi a libero.it
Lun 16 Ago 2004 03:44:40 EDT


Ciao a tutti,
vi prego di scusare la mia assenza dalle discussioni in ML, ma purtroppo
ho molte importanti scadenze all'inizio di Settembre e dato che il tempo
che ho a disposizione è davvero pochissimo, ho preferito impiegarlo per
stendere una proposta di statuto.
Si tratta ovviamente solo di una proposta, che la lista è libera di
valutare con la massima libertà.
Ci terrei comunque a rimarcare che, questa proposta, è il frutto di due
settimane di intenso e scrupoloso lavoro, di colloqui con legali,
commercialisti ed organizzazioni specializzate nell'assistenza alla
creazione e gestione di organizzazioni no-profit.
Credo di poter dire che, pur essendo lungi dall'essere perfetta, è una
proposta abbastanza meditata, e comunque piuttosto complessa, per cui
invoco la vostra clemenza, e la vostra pazienza nei giudizi, che (spero)
pioveranno numerosi.

A questo proposito devo chiedere alla lista una cortesia, dettata dal
poco tempo a mia disposizione.
Dato che reputo tutti i commenti importanti, e che vorrei dedicare ad
ognuno di essi un'equa quantità di tempo, vi chiedo gentilmente di
seguire questa procedura nel commentare la bozza di statuto.

   1. Non chiosare la bozza durante la prima lettura, molti punti si
      rimandano ed integrano fra loro, pertanto il mio consiglio è di
      non leggere direttamente dal monitor, ma stampare la bozza (anche
      fronte-retro, così si risparmiano carta e alberi) e leggerla con
      tutta calma.
   2. Leggerla attentamente almeno tre volte, (comprese le note finali)
      appuntandosi i dubbi rimasti non chiariti a margine.
   3. Verificare che il dubbio non si risolva accostando due o più
      disposizioni statutarie.
   4. Se al termine di questa procedura, rimangono delle perplessità, vi
      prego di comunicarle alla lista, citando l'articolo, il comma e la
      lettera.
      Nei commenti vi prego di essere succinti e di rimanere entro le 5
      righe per ciascun dubbio (ciò eviterà che il singolo neurone che
      talvolta mi fa la grazia di accendersi vada completamente in fumo
      a causa del surriscaldamento legato al sovraffaticamento oculare)
      ;-) . Scherzi a parte, avrò pochissimo tempo per rispondere,
      pertanto chiederei a tutti di evitare lunghi commenti, così che
      non mi debba trovare nella spiacevole situazione di non poter
      rispondere a qualcuno, perché ho impiegato tutto il tempo nel
      leggere tre pagine di email inviatami da qualcun altro.
   5. Spero che nessuno se ne avrà a male se per ottimizzare i tempi
      raggruppassi vari commenti in una risposta collettiva.
   6. Non sono d'accordo con l'uso del wiki per la stesura dello
      statuto, perché data la complessità dell'atto ritengo non sia
      indicata una stesura di tipo collaborativo: a prescindere dal
      fatto che, per poter intervenire sul testo, bisognerebbe almeno
      aver letto qualche volta tutta la normativa essenziale di
      riferimento; i diversi punti di vista personali produrrebbero
      molto probabilmente un testo caotico e incoerente (è solo la mia
      opinione, naturalmente, e come tutto è discutibile, ma vi prego di
      rispettarla, non immettendo nel wiki il testo, ma piuttosto
      inviandomi i vostri commenti e le vostre proposte di modifica).
   7. Se in lista ci sarà un certo accordo su una certa modifica alla
      mia bozza, la inserirò senza dubbio, a patto che ciò sia possibile
      alla luce della normativa vigente.
   8. Vi chiederei di inviarmi i commenti al più presto, in modo che la
      discussione in lista possa chiudersi qualche giorno prima di
      Settembre, di modo che io abbia il tempo di stendere una versione
      più definitiva da discutere nel prossimo incontro delle PI.
   9. A questo proposito, vorrei ricordare che quella che ho prodotto è
      solo una "proposta" di statuto, e che, per quanto ciò sia
      auspicabile, non è necessario che si arrivi ad un accordo pieno in
      lista (né su questa proposta, né sulle altre), se nonostante gli
      sforzi, resteranno dei punti in sospeso, li risolveremo con il
      metodo democratico della votazione 'pro capite', nel corso della
      riunione che darà vita all'associazione.

Due parole di introduzione allo statuto.
Non è un testo minimalista, al contrario ho cercato di essere il più
esauriente possibile, nel poco tempo a mia disposizione.
Il risultato sono 22+1 pagine fitte di richiami interni, che invito
tutti a leggere con estrema cura.
I principi ispiratori che hanno guidato la stesura del testo sono in
primis quelli emersi nel corso delle precedenti discussioni in lista:

   1. la massima uguaglianza possibile tra i membri, senza compromettere
      l'efficienza decisionale.
   2. limitazione dell'influenza di associazioni esterne, tanto in forma
      diretta, quanto mediante l'iscrizione in massa dei loro membri.
   3. possibilità di accedere a finanziamenti di qualunque fonte, anche
      di tipo commerciale.
   4. possibilità di creare sedi locali, o di stringere accordi di
      collaborazione con associazioni locali pienamente indipendenti.
   5. possibilità di stipulare convenzioni e accedere a strumenti
      istituzionali per il perseguimento dei fini statutari.

Tali principi mi hanno guidato anche nella scelta del tipo associativo,
ovvero l'associazione di promozione sociale.
E la seconda influenza rintracciabile nel testo è stata dettata proprio
dalla disciplina del tipo associativo prescelto.
Spesso infatti il contenuto delle clausole è determinato
obbligatoriamente per legge, comunque nella stesura del testo ho cercato
di limitare al minimo le scelte arbitrarie e personali, per quanto
difficile sia, spero di esserci riuscito.

buona lettura e
buoni commenti!

-Alberto Gilardi-

p.s.

Speravo di inviare la proposta in formato html alla lista, ma non ci
sono riuscito, perché saltava la numerazione progressiva degli articoli,
e a parte ciò avrebbe superato il limite di kb consentito da ibiblio.
Pertanto ho inviato la proposta in formato pdf a Lorenzo e a Danilo,
perché la pubblicassero sul sito.
Prego pertanto la lista di fare momentaneamente riferimento al sito
http:\www.creativecommons.it\









Maggiori informazioni sulla lista cc-it