[Cc-it] Re: Comitati scientifici e Gruppi locali

Ado Pieretti cc a copyzero.org
Dom 15 Ago 2004 13:43:53 EDT


Lorenzo De Tomasi Scrive: 

> Comitati scientifici e Gruppi locali dovrebbero essere complementari.

I gruppi locali potrebbero rappresentare *sedi distaccate* da quella 
centrale (che sarebbe quella legale).
L'utilità sta nel fatto che se nell'Atto Costitutivo sono già indicate le 
varie sedi distaccate, i singoli gruppi ***otterrebbero automaticamente lo 
status giuridico necessario per sfruttare tutta una serie di opportunità 
offerte dai rispettivi comuni, provincie, regioni***.
Pensate ai convegni ed alle manifestazioni che potrebbero essere agevolmente 
organizzate su tutto il territorio, senza la necessità di costituire 
associazioni locali per avere spazi e strumenti. ;-)
Prima che mi dimentichi: lo Statuto dovrebbe seguire alcuni criteri 
(richiesti dalla legge) affinché l'associazione possa essere inserita negli 
albi comunali, provinciali e regionali; si tratta di un aspetto *meramente 
tecnico* (se volete ve ne parlo), ma come potete capire è importante:
aggiornerò lo statuto d'esempio per adattarlo ai suddetti parametri (il 
notaio non è tenuto a parlarne: quindi è meglio conoscerli fin d'ora). 


> A loro volta tutti potrebbero confluire nella/e Assemblea/e Nazionale/i 
> organizzata – ad esempio – annualmente.

> I voti dei singoli soci su questioni importanti e temi comuni potrebbero 
> essere raccolti durante le riunioni dei gruppi locali e comunicati poi ai 
> membri degli organi nazionali che, oltre a essere normali soci, avrebbero 
> esclusivamente compiti organizzativi e gestionali. Credo che in questo 
> modo si potrebbe riuscire a garantire la democraticità senza introdurre 
> una gerarchia di rappresentanti con differenti poteri.

> Il presidente si differenzierebbe dagli altri esclusivamente per questioni 
> di rappresentanza di fronte ai media: per il resto avrebbe poteri identici 
> a quelli di tutti gli altri soci.
> Verrebbe scelto tra tutti i soci che daranno la loro disponibilità a 
> coprire la carica rappresentativa.
> Sarebbe eletto da tutti i soci durante l'assemblea nazionale o durante le 
> riunioni dei gruppi locali.
> La durata della carica potrebbe essere tra un minimo di un anno e un 
> massimo di 5 anni, rinnovabili se riconfermato dai voti di tutti i soci. 
> Forse opterei per 2 anni.

Per riepilogare ed aggiungere anche le considerazioni fatte da Danilo:
a livello nazionale operano i *comitati scientifici* (che curano aspetti 
*meramente tecnici* e sono formati da persone che dimostrano competenza su 
certi temi: materie indicate dalla legge sul diritto d'autore [per gli 
aspetti tecnico-giuridici ci sono invece le PI]), il *coordinamento 
nazionale* (che cura aspetti *meramente organizzativi* ed è formato da 
persone che intendono collaborare al progetto come coordinatori), il 
presidente (*mero rappresentante* dell'associazione, che dura in carica 1 
anno e viene eletto dall'*Assemblea nazionale*).
A livello locale operano i *gruppi locali* (sedi dislocate in tutto il 
territorio, formate da soggetti che si impegnano a portare avanti l'attività 
dell'associazione a livello locale) ed i *singoli soci*.
L'*Assemblea nazionale* è composta da tutti i soci. 

Più o meno sarebbe così l'associazione? Avanti con le modifiche. 


Il potere decisionale è decentrato (qui mi tocca un po' inventare, non avete 
detto molto): ciò significa che tutti i soci (in gruppo o singolarmente) 
possono avanzare proposte: tali proposte vengono rivolte al coordinamento 
nazionale, che le comunica a tutti i soci e li invita a deliberare in merito 
(bisognerebbe trovare uno strumento efficiente e valido per organizzare le 
votazioni).
Quanto alle attività locali, ogni singolo gruppo locale può gestirle in 
totale autonomia, senza bisogno di accordi nazionali (l'unico vincolo è il 
rispetto dello statuto dell'associazione). 

Avanti con le modifiche. 

 

Poi c'è un'altra considerazione da fare: bisogna trovare un accordo chiaro 
con CC.org e sapere se è possibile agire in totale autonomia da CC.org (per 
quanto nel rispetto dello statuto (dov'è????) e del buon nome di CC.org) o 
se esiste un controllo da parte di CC.org su CC.ita.
Avevo in mente anche altro ma me lo sono scordato. :-) 

 


Ciao, Ado. 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it