[Cc-it] [Onlus] Comitati scientifici e Gruppi locali

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Dom 15 Ago 2004 09:30:11 EDT


Sabato, 14 Ago 2004, alle 23:52 Europe/Rome, Ado Pieretti ha scritto:

> Lorenzo De Tomasi Scrive:
>> Come scritto in mail precedenti eviterei differenze gerarchiche. 
>> Escluderei quindi il consiglio. Creerei invece comitati o commissioni 
>> temporanee, ovvero dei gruppi classificati per competenze, da 
>> contattare sui temi specifici.
>
> Sì, l'idea mi piace, ma questi comitati non si riunirebbero mai per 
> decidere su temi comuni (quelli che riguardano l'attività associativa 
> nel suo complesso)? Come verrebbero prese le decisioni su temi comuni? 
> Il criterio della competenza per materia potrebbe non bastare e forse 
> occorrerebbero delle "sezioni riunite".

Cerco di dare una prima risposta alle tue domande :-)

Comitati scientifici e Gruppi locali dovrebbero essere complementari.
I Comitati scientifici dovrebbero essere estesi al territorio 
nazionale: chiunque in qualunque regione d'Italia (ma anche all'estero) 
dovrebbe poterne fare parte. Sarebbe illogico pensare che gli esperti 
in una determinata questione siano concentrati in una sola città o 
regione.
Gli appartenenti a questi Comitati scientifici avrebbero però il limite 
di non potersi incontrare di persona frequentemente. Potrebbero forse 
presenziare alle Assemblee nazionali, ma certamente non tutti potranno 
spostarsi da un capo all'altro dell'Italia, visto l'impegno in tempo e 
il costo in denaro.
Ad esempio, l'assemblea nazionale dell'Aiap viene organizzata una sola 
volta all'anno, ogni volta in una diversa città d'Italia e durante il 
finesettimana. I partecipanti sono sempre numerosi, ma non tutti gli 
iscritti all'associazione riescono a partecipare.

I Gruppi locali invece sarebbero stanziati su tutto il territorio 
nazionale. Non dovrebbe esistere un criterio fisso (ad esempio tutti 
gruppi regionali), ma ciascuno dovrebbe essere libero di riunirsi come 
meglio crede in base a fini pratici. Ad esempio in una città grande 
come Milano o Roma potrebbero crearsi gruppi che per un determinato 
periodo si riuniscono settimanalmente, magari nel periodo di 
avanzamento di un progetto importante. Un caso simile è quello delle 
Partner institution, i cui membri  si sono riuniti più o meno 
mensilmente a Torino per portare a compimento l'adattamento delle Ccpl. 
Potrebbero crearsi anche piccoli gruppi di amici in piccoli paesi che 
si riuniscono anche più frequentemente.
I "gruppi cittadini e paesani" potrebbero poi confluire in incontri 
regionali organizzati meno frequentemente (ad esempio trimestrali).
A loro volta tutti potrebbero confluire nella/e Assemblea/e Nazionale/i 
organizzata – ad esempio – annualmente.
È per garantire questa libertà di associazione che  non credo sia 
necessario ufficializzare i Gruppi locali come associazioni di secondo 
grado.


I membri dei Comitati scientifici, a causa delle limitazioni obbligate 
dalle distanze geografiche, dovrebbero interagire tra loro 
principalmente attraverso mezzi di comunicazione come il telefono e 
internet (mailing list, wiki ecc.). I membri dei Comitati scientifici 
potrebbero appartenere contemporaneamente ai Gruppi locali e potrebbero 
impegnarsi ad aggiornarli sulle questioni discusse a livello nazionale.
I Comitati scientifici sarebbero fondati sulla fiducia reciproca, 
maturata in base alle competenze, all'impegno dimostrati, alla qualità 
del lavoro svolto ecc.
L'adesione sarebbe libera e volontaria. Potrebbe anche bastare solo 
l'iscrizione a uno dei servizi internet (mailing list, wiki ecc.) per 
iniziare a farne parte. Sarebbe un processo simile a quello che finora 
è stato portato avanti con la lista di discussione 
cc-it a lists.ibiblio.org.

I voti dei singoli soci su questioni importanti e temi comuni 
potrebbero essere raccolti durante le riunioni dei gruppi locali e 
comunicati poi ai membri degli organi nazionali che, oltre a essere 
normali soci, avrebbero esclusivamente compiti organizzativi e 
gestionali. Credo che in questo modo si potrebbe riuscire a garantire 
la democraticità senza introdurre una gerarchia di rappresentanti con 
differenti poteri.

Ad esempio nel caso di un dibattito o di una conferenza su temi 
correlati alla libertà della conoscenza, gli organizzatori potrebbero 
contattare indifferentemente un gruppo locale o l'associazione 
nazionale. Tutti i soci sarebbero resi partecipi dell'iniziativa e, 
caso per caso, verrebbero concordate i relatori da inviare in base alle 
competenze, alla disponibilità di tempo, alla vicinanza geografica ecc.

Il presidente si differenzierebbe dagli altri esclusivamente per 
questioni di rappresentanza di fronte ai media: per il resto avrebbe 
poteri identici a quelli di tutti gli altri soci.
Verrebbe scelto tra tutti i soci che daranno la loro disponibilità a 
coprire la carica rappresentativa.
Sarebbe eletto da tutti i soci durante l'assemblea nazionale o durante 
le riunioni dei gruppi locali.
La durata della carica potrebbe essere tra un minimo di un anno e un 
massimo di 5 anni, rinnovabili se riconfermato dai voti di tutti i 
soci. Forse opterei per 2 anni.

Questa la mia bozza di proposta, pienamente consapevole della sua 
incompletezza e della necessità di discuterla collettivamente per 
migliorarla.
Mi auguro che questa discussione dia buoni frutti.
Attendo le vostre opinioni.

Buon Ferragosto a tutti!

Lorenzo




Maggiori informazioni sulla lista cc-it