[Cc-it] Re: Il mio parere contro la quota associativa

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Sab 14 Ago 2004 15:34:34 EDT


Sabato, 14 Ago 2004, alle 15:06 Europe/Rome, Ado Pieretti ha scritto:

> Lorenzo De Tomasi Scrive:
>> Se sapessi che a CC.it effettivamente mancano 1.000 euro per fare 
>> fronte alle spese ordinarie di gestione, credo che non avrei problemi 
>> a donare una somma in denaro compatibilmente con le mie 
>> disponibilità. Non è poi escluso che qualcuno con disponibilità 
>> superiori alle mie possa estinguere totalmente il debito.
>
> Condivido: il quel modo aggiungi l'elemento *"proporzione"* ed operi 
> con *"equità"* (non basta distinguere tra lavoratori e non > 
> lavoratori).
>
>> Credo che donare denaro o collaborare non dovrebbe renderti 
>> automaticamente socio.
>> Collaborare o fare una donazione dovrebbe essere una condizione 
>> fondamentale per diventare socio?
>
> Se usiamo la formula associativa "classica", c'è una distinzione tra 
> il socio-membro del Consiglio, ed il semplice associato. Tutti i soci 
> formano l'Assemblea: l'Assemblea elegge il Consiglio Direttivo, il 
> Consiglio elegge il Presidente. Spesso (soprattutto nelle piccole 
> associazioni) viene introdotta una clausola del tipo "almeno la metà 
> dei membri del Consiglio deve essere scelta tra i soci fondatori": per 
> evitare che uno si faccia un mazzo così per fondare un'associazione e 
> poi, alla prima occasione, venga messo alla porta dall'ultimo arrivato 
> (e magari anche incompetente). :-D

Come scritto in mail precedenti eviterei differenze gerarchiche. 
Escluderei quindi il consiglio. Creerei invece comitati o commissioni 
temporanee, ovvero dei gruppi classificati per competenze, da 
contattare sui temi specifici.
I temi potrebbero essere:
- illustrazione, fotografia, scultura ecc.
- musica
- cinema
- letteratura, poesia ecc.
- giornalismo
- scienza
- istruzione
- design
- ecc.

Poi creerei gruppi locali che si incontrano fisicamente. Non credo sia 
necessario distinguerli in associazioni di secondo grado.

Il presidente si differenzierebbe dagli altri esclusivamente per 
questioni di rappresentanza di fronte ai media: per il resto avrebbe 
poteri identici a quelli di tutti gli altri soci.
Questa la mia idea. Cosa ne pensate?

Ciao,
Lorenzo




Maggiori informazioni sulla lista cc-it