[Cc-it] associazione: proposte e riflessioni

tom montrellune a teatre.com
Sab 14 Ago 2004 10:25:30 EDT


Sabato, 14 Ago 2004, alle 13:32 Europe/Rome, Dott.Giovanni Bonenti ha 
scritto:

> Il Fri, 13 Aug 2004 21:40:40 +0200
> Lorenzo De Tomasi <lorenzo.detomasi a creativecommons.it> scrisse:
>
>>
>> Gioved, 12 Ago 2004, alle 18:43 Europe/Rome, Andrea Glorioso ha
>> scritto:
>>
>>> Personalmente  credo   che se  un
>>> lavoratore medio non e` disponibile a sacrificare 50 euro all'anno
>>> per un qualcosa in cui crede, difficilmente sara` disposto a fare
>>> granche` d'altro per l'obbiettivo medesimo.
>>
>> Personalmente non credo che avrei iniziato a collaborare con Creative
>> Commons Usa prima e "Italia" poi, se mi avessero chiesto una quota
>> associativa anche di un solo euro.
>> Se gi offro un mio contributo collaborando attivamente, non capisco
>> per quale motivo dovrei versare del denaro.
>> Facendo pagare una "tassa di collaborazione" ___ qual' una quota
>> associativa a un'associazione in cui i contributi volontari sono
>> fondamentali ___ si rischia di porre  "la partecipazione, l'impegno, 
>> il
>>
>> sacrificio del tempo libero" in secondo piano rispetto al versamento
>> di una somma di denaro.
>> Sono convinto che una quota associativa ridurrebbe notevolmente il
>> numero di persone che contribuirebbero volontariamente (anche se
>> potrebbero comunque farlo da non iscritti).
>> Se uno poi volesse fare una donazione, nessuno glielo vieta, ma
>> nemmeno nessuno lo obbliga.
>
> Allora, quello che tu scrivi  assolutamente giusto, per... se bisogna
> fare attvit con dei soggetti istituzionali  necessario essere 
> soggetto
> istituzionale (onlus, associazione o quel che vuoi).
> Costituirsi soggetto istituzionale (per chi lo vuol fare) sottointende
> un registro e un contributo (anche molto pi basso di quel che  stato
> scritto finora) giusto per fare fronte alle spese ordinarie di gestione
> di un soggetto istituzionale.
> Il discorso  se il soggetto istituzionale debba essere un fine (per 
> cui
> esclusivo) o un mezzo a servizio di un gruppo.
> Nel secondo caso,  necessario introdurre delle quote associative per
> chi vuole far parte dell'associazione, ma far parte dell'associazione
> non  condizione necessaria per collaborare.

Lorenzo:
Qualche riflessione buttata gi d'istinto:

Perch non vedere la cosa sotto una differente prospettiva? :-)
Ripeto che non sono contrario alla creazione di un'associazione se ci 
comporterebbe vantaggi per il progetto  e in quest'ottica vedo la 
Onlus come un mezzo al servizio delle singole persone.
Immaginiamo di creare una Onlus e proviamo a equiparare il contributo 
in denaro al contributo con collaborazione attiva volontaria.
Perch considerare la donazione di tempo, competenze e impegno 
inferiore a una donazione in denaro?
Chiunque potrebbe chiedere di diventare socio gratuitamente e versare 
una donazione in denaro o offrire una collaborazione attiva.
In questo modo ciascuno potrebbe offrire il suo contributo come meglio 
crede e in base alle sue disponibilit di tempo e/o denaro.
Una politica di incentivazione alla donazione in denaro (come quella di 
evolt.org) unita a una totale trasparenza sull'investimento dei soldi 
potrebbe, a mio parere, incentivare notevolmente le donazioni.
Se sapessi che a CC.it effettivamente mancano 1.000 euro per fare 
fronte alle spese ordinarie di gestione, credo che non avrei problemi a 
donare una somma in denaro compatibilmente con le mie disponibilit. 
Non  poi escluso che qualcuno con disponibilit superiori alle mie 
possa estinguere totalmente il debito.

Credo che donare denaro o collaborare non dovrebbe renderti 
automaticamente socio.
Collaborare o fare una donazione dovrebbe essere una condizione 
fondamentale per diventare socio?

Scusate i concetti espressi un po' frettolosamente.
Se non sono stato chiaro, chiedete...

Ciao,
Lorenzo




Tom:
Io credo che se volessimo vedere la questione solo da un punto di vista funzionalistico allora forse in questo caso sarebbe più efficiente imporre una quota associativa, e eventualmente permettere collaborazioni esterne.
Ma, se come credo io, le garanzie non stanno solo nella sostanza, ma anche e forse di più nella forma, allora ritorno al concetto già espresso: non possiamo subordinare i contributi alla condizione economica dei contributori.
Se proponiamo una soluzione alternativa allo sfruttamento economico della creatività così come negli ultimi decenni si è imposto, allora non possiamo creare una progetto e una struttura che basa le sue collaborazioni -di tipo intellettual-creativo- alla capacità contributiva monetaria degli interessati, lo troverei quantomeno ipocrita. Ma questa è una mia opinione e riguarda la sostanza.
Per parlare della forma, credo che la proposta indicata da ultimo da Lorenzo sia più che accettabile. Ossia i contributi intellettuale-creativi non possonon essere subordinati a quelli economici: questo non significa affatto che questi ultimi non siano ben'accetti su di un piano volontario.
E qui la proposta della gestione pubblica e trasparente dei fondi attraverso un banner mi trova concorde.

Poi, secondo me, motivi giuistificatori -non da solo chiaramente- della costituzione in forma associativa, sono tutti quei vantaggi economici che ciò comporta: da un lato ci sono quelli di riduzione di spesa che Ado a brillantemente indicato, dall'altro ci sono quelli che rientrano in un concetto di autofinanziamento che va da magliette (per usare un esempio già fatto, ma che potrebbe essere anche la commercializzazione di un libro sotto cc, su cc, con cc, e con l'aiuto di editori illuminati, discorso in ititnere) o dalla ricaudazione di fondi pubblici e/o privati a titolo di finanziamenti per attività culutrali, di diffusione di sapere, ecc. So, per esempio, che a livello comunitario vi è la disponibilità di fondi per la diffusione di oss. Sarebbe interessante vedere cosa se ne dice per altri prodotti.

In conclusione, credo che nel momento in cui decideremo come funzionare la struttra che adotteremo sarà e dovrà essere coerente con gli scopi che ci siamo prefissati, per evitare di cadere in evidenti contraddizioni.

Tom

_____________________________________________________________
<---o0o--->
Aconsegueix el_teu_email a teatre.com gratuÏtament a http://teatre.com
 :-))-:



Maggiori informazioni sulla lista cc-it