[Cc-it] associazione: proposte e riflessioni

tom montrellune a teatre.com
Sab 14 Ago 2004 09:52:31 EDT


Sui punti da 1 a 6 (versione corretta, nella sua mail c'Ŕ un errore di battitura e viene ripetuto due volte il cinque e non c'Ŕ il sette) della mail di Lorenzo mi sono giÓ espresso in precedenza e la mia opinione Ŕ in accordo con quella da lui la espressa.
Alcune miei riflessioni e proproste sulla discussione finora fatta:

Rispetto al punto 7 (giÓ erroneamente 6.)= sono d'accordo sul creare dei comitati scientifici dedicati alla discussione e risoluzione di questioni tecniche. Non sono sicuro, controller˛, ma credo proprio che fra i pochi requisiti che una associazione deve avere vi siano la creazione di un consiglio e di una assemblea. Se fossi nel giusto occorrerebbe trovare una soluzione che coniughi queste due distinte istanze.
<
<	6. Escluderei un consiglio e assemblee di rappresentanti.
<		Piuttosto proporrei dei comitati scientifici, a cui <possono 
<partecipare liberamente tutti i soci con specifiche competenze (ad 
<esempio legali, musicisti, illustratori ecc.)
	


Rispetto al punto 8, la sola osservazione che mi sento in grado di fare Ŕ quella relativa alla corrispondenza della struttura che stiamo discutendo rispetto all'entitÓ del progetto: non dobbiamo creare una struttura che sia tale da funzionare egregiamente solo nel momento in cui sia capillarmente diffusa a livello nazionale, perchŔ in questo caso rischieremmo di rimanere ingabbiati in uno strumento non adatto alle nostre capacitÓ/possibilitÓ/risorse; ma allo stesso tempo dovremmo darle dei connnotati in grado da garantire una massima elasticitÓ, ossia nella prospettiva che questo progetto continui a crescere come e pi¨ di fin ora, la struttura dovrÓ essere in grado di esaltare questo aspetto.
Molte delle considerazioni dei punti da 1 a 6 secondo me si pongono su questa linea.

<8. Non saprei se la soluzione delle associazioni Creative Commons di 
<secondo livello, locali e confederate, siano la soluzione organizzative 
<pi adatta. Proporrei di riflettere.
<		Forse basterebbe creare assemblee locali dei soci.
<		Eventuali problemi evidenziati:
<> 		Sono associazioni tutte ancora da costituire. Certo, <decentrarsi e 
<> territorializzarsi partendo da zero non  un'impresa facile, ma 
<> certamente evita possibili strumentalizzazioni.
<
<Finalit dell'associazione
<	- divulgazione degli ideali di Creative Commons in Italia,
<	- divulgazione delle licenze Ccpl in Italia,
<	-  coordinamento e promozione di iniziative e attivit sul <territorio 
<italiano
<
<Organi della'associazione
<	Comitati scientifici nazionali
<	Assemblea nazionale dei soci
<	Assemblee locali dei soci
<	Assemblee nazionali dei Comitati scientifici
<	Presidente rappresentativo
<	Vice-presidente rappresentativo [?]
<	Segretario
<	Tesoriere
<
<	L'Assemblea nazionale dei soci, le Assemblee locali dei soci e <le 
<Assemblee nazionali dei Comitati scientifici inoltre potrebbero 
<delegare temporaneamente alcune persone a compiti specifici (ad esempio 
<coordinare un progetto, controllo e corretto svolgimento delle 
<attivit, mantenimento dei rapporti con le associazioni locali ecc.), 
<nel caso in cui fosse utile o necessario per il conseguimento degli 
<obiettivi statutari.
<Tali deleghe dovrebbero essere concesse alle persone in base alla 
<fiducia guadagnata tra i membri in base agli apporti dati al progetto, <
<alla loro qualit e alla validit e autorevolezza delle opinioni 
<espresse.
<
<Cosa ne pensate?
<
<Seguir una mail sulla questione "politica".
<
<Ciao a tutti,
<Lorenzo

Ciao 
Tom

------------------------------

Message: 2
Date: Fri, 13 Aug 2004 21:30:18 +0200
From: Lorenzo De Tomasi <lorenzo.detomasi a creativecommons.it>
Subject: Re: [Cc-it] Re: associazione: proposte e riflessioni
To: "Ado Pieretti" <cc a copyzero.org>
Cc: cc-it a lists.ibiblio.org
Message-ID: <35C81992-ED5F-11D8-9881-000A957B1578 a creativecommons.it>
Content-Type: text/plain; charset=ISO-8859-1; format=flowed


Gioved, 12 Ago 2004, alle 18:13 Europe/Rome, Ado Pieretti ha scritto:

>> se per ipotesi ci fosse l'opportunita' di poter rendere le licenze 
>> totalmente riconosciute e legalmente regolarizzate in seno al nostro 
>> ordinamento giuridico e a quello europeo non sarebbe un contributo 
>> estremamente valido al perseguimento delle finalita' 
>> dell'associazione?
>
> Il copyright  gi ampiamente riconosciuto nel nostro ordinamento:
> ci significa che l'adattamento delle licenze al nostro contesto 
> giuridico sar un contributo estremamente valido al perseguimento 
> delle finalita' dell'associazione (cosa di cui si occupano i tecnici 
> delle PI non i politici). Tanto pi riusciremo a fare una promozione 
> intelligente e su vasta scala delle licenze, tanto pi riusciremo a 
> diffonderne l'utilizzo.
> Ma per fare questo non ci servono leggi nuove (e dunque la politica): 
> ci serve un rapporto diretto con le persone, che faccia leva sui loro 
> interessi e offra loro delle opportunit.

Io, come MentalRay, credo che l'appoggio di politici possa contribuire 
notevolmente alla diffusione delle licenze.
Pensate a una legge che obblighi o incentivi il rilascio delle tesi di 
laurea sotto una licenza libera o Creative Commons, oppure un 
regolamento che imponga il rilascio delle opere finanziate con 
contributi statali o europei sotto licenze Ccpl...
Non credo che noi, in quanto associazione, potremmo raggiungere 
facilmente questo obiettivo senza appoggi politici...

Che ne dite?

Ciao,
Lorenzo


------------------------------

Message: 3
Date: Fri, 13 Aug 2004 21:40:40 +0200
From: Lorenzo De Tomasi <lorenzo.detomasi a creativecommons.it>
Subject: [Cc-it] [Onlus] Il mio parere contro la quota associativa
To: Andrea Glorioso <sama a miu-ft.org>
Cc: cc-it a lists.ibiblio.org
Message-ID: <A89E1BF2-ED60-11D8-9881-000A957B1578 a creativecommons.it>
Content-Type: text/plain; charset=WINDOWS-1252; format=flowed


Gioved, 12 Ago 2004, alle 18:43 Europe/Rome, Andrea Glorioso ha 
scritto:

> Personalmente  credo   che se  un
> lavoratore medio non e` disponibile a sacrificare 50 euro all'anno per
> un qualcosa in cui crede, difficilmente sara` disposto a fare granche`
> d'altro per l'obbiettivo medesimo.

Personalmente non credo che avrei iniziato a collaborare con Creative 
Commons Usa prima e "Italia" poi, se mi avessero chiesto una quota 
associativa anche di un solo euro.
Se gi offro un mio contributo collaborando attivamente, non capisco 
per quale motivo dovrei versare del denaro.
Facendo pagare una "tassa di collaborazione"  qual' una quota 
associativa a un'associazione in cui i contributi volontari sono 
fondamentali  si rischia di porre  "la partecipazione, l'impegno, il 
sacrificio del tempo libero" in secondo piano rispetto al versamento di 
una somma di denaro.
Sono convinto che una quota associativa ridurrebbe notevolmente il 
numero di persone che contribuirebbero volontariamente (anche se 
potrebbero comunque farlo da non iscritti).
Se uno poi volesse fare una donazione, nessuno glielo vieta, ma nemmeno 
nessuno lo obbliga.

Buon lavoro,
Lorenzo



------------------------------

Message: 4
Date: Fri, 13 Aug 2004 21:54:40 +0200
From: Lorenzo De Tomasi <lorenzo.detomasi a creativecommons.it>
Subject: [Cc-it] [Onlus] Donazioni: una proposta
To: "Ado Pieretti" <cc a copyzero.org>
Cc: cc-it a lists.ibiblio.org
Message-ID: <9D434F3A-ED62-11D8-9881-000A957B1578 a creativecommons.it>
Content-Type: text/plain; charset=ISO-8859-1; format=flowed


Gioved, 12 Ago 2004, alle 19:23 Europe/Rome, Ado Pieretti ha scritto:

> prima occorre calcolare le spese e poi determinare cifra, valutando se 
> sia pi opportuno chiedere di meno (e ottenre pi iscritti) o chiedere 
> di pi (ed ottenere meno iscritti). In economia si chiama *punto di 
> equilibrio*:  quello in cui domanda ed offerta si incontrano.

Credo che un approccio corretto sia quello utilizzato dal sito evolt.org
Loro calcolano le spese annue e le riportano in un banner posto 
nell'header del loro sito web con una dicitura del tipo "Ci mancano 
54321 euro per pagare le spese di gestione del sito. Se vuoi, 
contribuisci per mantenere evolt attivo." (Purtroppo non ho sottomano 
il banner ufficiale e vado a memoria. Lo potete trovare sul libro 
"Information Architecture for the World Wide Web" edito da O'Reilly.)
Quando la cifra viene raggiunta il banner viene tolto (come ora).
Anche la politica delle donazioni mi pare un ottimo esempio: 
http://www.evolt.org/help_support_evolt/

Ovviamente sarebbe fondamentale la totale trasparenza sulle donazioni 
ricevute e sull'utilizzo del denaro (cosa che manca a evolt).

Cosa ne pensate?

Ciao,
Lorenzo


------------------------------

Message: 5
Date: Fri, 13 Aug 2004 22:04:29 +0200
From: Lorenzo De Tomasi <lorenzo.detomasi a creativecommons.it>
Subject: Re: R: [Cc-it] Re: Perplessita` sul sito web
To: "marco.ricolfi a studiotosetto.it" <marco.ricolfi a studiotosetto.it>
Cc: "cc-it a lists.ibiblio.org" <cc-it a lists.ibiblio.org>
Message-ID: <FC680BDB-ED63-11D8-9881-000A957B1578 a creativecommons.it>
Content-Type: text/plain; charset=ISO-8859-1; format=flowed

Caro Prof. Ricolfi,
innanzitutto la ringrazio per la risposta in lista e mi scuso per 
averle risposto solamente ora, ma anch'io sono stato notevolmente 
impegnato nell'ultimo mese.

Innanzi tutto ci terrei a precisare che anche io condivido il 
turbamento di S*phz riguardo all'esistenza di una distanza clamorosa 
tra Partner institution (PI) e alcuni membri della lista di discussione.
Per questo rinnovo l'invito a lei e ai suoi collaboratori a partecipare 
attivamente alla realizzazione di contenuti per il sito italiano e a 
supervisionare dal punto di vista giuridico i contenuti prima che 
vengano pubblicati. Comprendo la poca disponibilit di tempo di chi, 
come lei, ha molti impegni e contemporaneamente mi rendo conto di 
quanto sia fondamentale il contributo di persone con competenze 
giuridiche. Se riuscissimo a raggiungere un buon numero di legali in 
lista, il carico di lavoro individuale si ridurrebbe drasticamente e 
riusciremmo a offrire, senza grandi sforzi, un servizio di informazione 
corretta ed esaustiva sulle licenze Creative Commons in Italia.
Credo che una soluzione possa essere quella di proporre la 
collaborazione a nuove persone con le adeguate competenze e con 
maggiore tempo da dedicare al progetto. Per questo le chiedo se 
l'ipotesi di coinvolgere validi studenti di scienze giuridiche con 
dichiarato interesse per il diritto d'autore possa essere un'ipotesi 
fattibile. In caso affermativo, le chiederei di procedere in tal senso. 
Chiederei poi alle persone che collaborano con le partner institution 
di collaborare anche privatamente all'aggiornamento del sito web.
In particolare credo sarebbe utile che l'Avvocato Massimo Travostino 
aggiorni questa lista riguardo sia il suo "proficuo e approfondito 
scambio di informazioni con la Siae" che la stesura dell'articolo "che 
approfondisce i rapporti tra il mandato Siae e le licenze Creative 
Commons", venendo incontro all'interesse per l'argomento pi volte 
dimostrato da alcuni iscritti a questa lista, nella speranza che si 
possa avviare un lavoro a pi mani in cui dubbbi e suggerimenti e 
competenze anche in ambiti differenti da quello giuridico potrebbero 
contribuire a innalzare il livello qualitativo del documento definitivo.
A questo scopo, ricordo anche che  attivo il wiki sul sito 
http://www.creativecommons.it/wiki/index.php/Wikipedia
Vorrei precisare che, con questa proposta, non  mia intenzione mettere 
in dubbio le competenze dell'Avvocato Travostino (che non ho mai avuto 
il piacere di conoscere), ma solamente ribadire la mia convinzione che 
un lavoro collettivo, aperto e collaborativo, oltre a sottoporre 
l'opera a proficue revisioni, sarebbe in piena sintonia con la 
filosofia del progetto Creative Commons.

Cordiali saluti,
Lorenzo De Tomasi

Sabato, 17 Lug 2004, alle 10:21 Europe/Rome, Marco Ricolfi ha scritto:

> Per non sembrare sordi.
> 	Capisco il problema, ho letto tutte queste e-mail e mi e chiaro che il
> tema sito/logo deve trovare una soluzione (in particolare sono 
> dell'idea di
> Glorioso: meglio un po' di cautela all'inizio che accorgersi molto 
> dopo che
> non andava).
> 	Pero (come sapete da quello che hanno riferito J.C. De Martin e A.
> Gilardi), dopo la riunione passata del 2 luglio
> 	1. io a tamburo battente ho rivisto le traduzioni di 1.0 (incorporando
> anche spunti della lista: grazie a A. Gilardi, tra gli altri!) e ho
> introdotto tutti i cambiamenti per 2.0., inviando il file nuovo l'8 
> luglio
> a M Ciurcina, N. Bottero, M. Travostino per il porting (le cui modalita
> avevamo concordato in linea di principio);
> 	2. Il 20 dobbiamo vararer il porting; poi spero che A. Cogo sia cosi 
> buono
> da ritradurre in inglese i testi 2.a) generico modificato; e 2.b) con 
> il
> porting italiano, + la clausola di raccordo che stiamo mettendo a 
> punto;
> 	3. Stiamo discutendo del contesto in cui presentare le traduzioni,
> domandandoci se sia il caso di collegarle ad una serie di iniziative 
> nella
> seconda meta dell'anno (per questo M.Ciurcina e stato a Roma lo scorso 
> 14);
> 	4. Il passaggio tra 2 (ritraduzioni in inglese) e 3 (poresentazione 
> del
> lavoro fatto) e nelle mani di Lessig & C.
> 	5. Per quel che mi riguarda, questa settimana ho avuto due sedute di
> lauree, gli esami di commerciale, gli esami di industriale, il 
> consiglio di
> Facolta, 2 consigli di Corso di Laurea, l'elezione del direttore del
> Dipartimento, la riunione di dottorato (a Milano), il ricevimento 
> studenti
> cum assegnazione di tre tesi nuove e, siccome sono professore a tempo
> determinato, la mia attivita professionale che, come qualcuno di voi 
> sapra,
> a luglio e dicembre accelera prima delle chiusure. Dico questo per 
> dirvi
> che  il tema che ci proponete lo esamineremo il 20, in margine al 
> lavoro
> "istituzionale" della riunione; ma dovete avere pazienza fino ad 
> allora,
> perche non mi parrebbe giusto dire quel che penso senza avere 
> consultato
> tutte le persone che ci saranno il 20 (i gia citati; ma anche 
> l'Avvocato
> Samantha Zanni + chi avra la gentilezza di essere presente il 20) e non
> sono d'altro canto riuscito a convocare una riunione bricks-and-mortar 
> o
> virtuale prima di quella data. Qui vorrei fare una considerazione piu
> generale: questa intrapresa e, per voi, il pane ed il sale di tutto 
> quello
> che state facendo o di molto di esso. Per noi, che siamo gia un po' piu
> vecchietti (io ne ho 52 il prossimo lunedi) e un'entusiasmante 
> addizione al
> nostro carnet di impegni e d'altro canto, sentiamo che non possiamo
> improvvisare (per le ragioni che dice Glorioso ed anche perche 
> crediamo di
> essere stati scelti non tanto per doti di particolare ingegno ma di un
> qualche tasso di "affidabilita"). Di qui la divaricazione che 
> percepite,
> che, pero, penserei non sia di intenti ma di modi e soprattutto di 
> tempi.
> 	Cordialissimamente m.r.
>
> 	
>
>
> -----Messaggio originale-----
> Da:	scarph a autistici.org [SMTP:scarph a autistici.org]
> Inviato:	venerdi 16 luglio 2004 22.10
> A:	cc-it a lists.ibiblio.org
> Oggetto:	Re: [Cc-it] Re: Perplessita` sul sito web
>
>> Pinna scrive:
>> personalmente, mi piace l'idea di un sito dedicato alle licenze 
>> creative
>> commons sviluppato dalla comunita' delle persone che sono interessate 
>> a
>> usare e diffondere queste licenze: un sito come quello che mira ad 
>> essere
>> www.creativecommons.it, indipendente dalle partner institution e
>> potenzialmente complementare ad esse (almeno questa e' l'idea che mi
>> sono fatto di quello che puo' essere www.creativecommons.it).
>
> ...e a me sembra importantissimo soprattutto questo aspetto.
> Quando, circa due anni fa, ho iniziato a pubblicare musica sul web, il
> fatto che esistessero le licenze CC, anche se erano espressione della
> scintillante e irraggiungibile, almeno allora, comunita' ''GPL'' USA, 
> e'
> stato come trovare una bombola di ossigeno durante una faticosa apnea.
> Per chi come me di giuridichese non ne capisce una mazza, il fatto che
> esista un'interfaccia umana tra PI e utenti e' essenziale.
> Quindi credo che, al di la' degli aspetti formali, damero
> utilizzatore/utente, il lavoro portato avanti dal sito e, soprattutto,
> dalla ML sia almeno indispensabile.
> Mi turba tanto il fatto che esista cmq questa distanza clamorosa tra 
> PI e
> la comunita' di ''appassionati'' che anima la ML e che utilizza
> giornalmente le licenze.
> Capisco le problematiche giuridico-legali, ma se una cosa ho imparato
> durante questi anni di web e di soggettivazione 
> tecno-politico-rizomorfica
> :)) e' che non e' possibile scindersi: sei sempre in gioco, anche 
> quando
> ti tiri fuori.
>
> Piccolo strampalato appello alle PI:
>
> usate strani pseudonimi, fate finta di niente, ma buttatevi nella 
> mischia
> pure voi, non abbiate la pretesa di fare finta che non esista una
> comunita' di persone che le licenze le usa e le propone tutti i giorni,
> magari sbagliando e facendo cazzate, ma che porta avanti cmq la sua
> storia.
> Volenti o nolenti stiamo facendo la stessa cosa: dare il nostro 
> contributo
> alla liberta' dei nostri saperi.
> Trovo assurdo che non ci sia partecipazione diretta delle PI nella 
> lista o
> nel sito, che ci si ponga problemi come quello di utilizzare il logo 
> ecc.,
> soltanto perche' chi ha creato la lista ed il sito non e' stato
> direttamente e ufficialmente investito.
> Scusatemi se sono un idiota a dire queste cose, lo so che ognuno c'ha i
> suoi problemi di tempo, di sbattimenti, di lavoro, ecc. che ogni 
> persona
> che contribuisce a tutto 'st'ambaradam lo fa volontariamente e perche' 
> e'
> una sua passione. Ma appunto una passione, anche se giuridico-legale, 
> se
> non si condivide a che cosa serve?
>
> Vi abbraccio e scusate il delirio...devo lascia' perde er vino :)))
> S*phz
>
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>



------------------------------

Message: 6
Date: Fri, 13 Aug 2004 22:09:14 +0200
From: Lorenzo De Tomasi <lorenzo.detomasi a creativecommons.it>
Subject: [Cc-it] Prossime iniziative delle Partner institution?
To: "marco.ricolfi a studiotosetto.it" <marco.ricolfi a studiotosetto.it>
Cc: "cc-it a lists.ibiblio.org" <cc-it a lists.ibiblio.org>
Message-ID: <A62954AA-ED64-11D8-9881-000A957B1578 a creativecommons.it>
Content-Type: text/plain; charset=ISO-8859-1; format=flowed

Salve Prof. Ricolfi,
vorrei chiederle, se possibile, di informare dettagliatamente la lista 
di discussione sulla serie di iniziative (probabilmente riguardanti 
Creative Commons) che le Partner institution hanno intenzione di 
organizzare nella seconda met dell'anno, come annunciato in un suo 
precedente messaggio:

Sabato, 17 Lug 2004, alle 10:21 Europe/Rome, Marco Ricolfi ha scritto:

> 3. Stiamo discutendo del contesto in cui presentare le traduzioni,
> domandandoci se sia il caso di collegarle ad una serie di iniziative 
> nella
> seconda meta dell'anno (per questo M.Ciurcina e stato a Roma lo scorso 
> 14);

Grazie mille e cordiali saluti,
Lorenzo De Tomasi



------------------------------

Message: 7
Date: Fri, 13 Aug 2004 22:28:18 +0200
From: "Ado Pieretti" <cc a copyzero.org>
Subject: [Cc-it] Re: associazione: proposte e riflessioni
To: cc-it a lists.ibiblio.org
Message-ID: <20040813202818.24995.qmail a webmail2.aruba.it>
Content-Type: text/plain; format=flowed; charset="iso-8859-1"

> Io, come MentalRay, credo che l'appoggio di politici possa contribuire 
> notevolmente alla diffusione delle licenze.
> Pensate a una legge che obblighi o incentivi il rilascio delle tesi di 
> laurea sotto una licenza libera o Creative Commons, oppure un regolamento 
> che imponga il rilascio delle opere finanziate con contributi statali o 
> europei sotto licenze Ccpl...
> Non credo che noi, in quanto associazione, potremmo raggiungere facilmente 
> questo obiettivo senza appoggi politici...

> Che ne dite?
 

Come ho gi detto a MentalRay, *chiedere alla politica*  opportuno, 
*stringere accordi con la politica* no: si tratta di due tipi di attivit 
molto diversi. Dunque se l'appoggio  conseguenza di una richiesta, di una 
proposta rivolta alla politica e da quest'ultima accolta, ben vengano gli 
appoggi. Se, invece, l'appoggio deriva da un accordo tra l'associazione e la 
politica, la strumentalizzazione  inevitabile.
Per quanto concerne l'aspetto legislativo, credo che l'*imposizione della 
libert* sia un tema estremamente delicato: a mio parere  l'incentivazione 
dal basso verso il basso la strada da seguire, non l'imposizione dall'alto 
verso l'alto. Questo perch le licenze CC presentano un substrato ideologico 
che, a mio avviso, dovrebbe essere accolto ed appoggiato dalle persone e non 
"subito" (al fine di un suo reale radicamento nella societ). 
L'incentivazione presuppone la scelta, la conoscenza; l'imposizione, invece, 
ne fa tranquillamente a meno. Saltare la gente e trattare con chi la governa 
sarebbe, a mio avviso, un errore. Partendo dalla gente, invece, non solo 
riusciremmo a *comunicare* valori ed a stimolare l'interesse delle persone, 
ma (siccome  la gente che vota e la politica segue gli interessi della 
gente) otterremmo anche leggi utili alla nostra causa (ed in modo pi 
semplice: perch per avere un'influenza sulla politica occorre essere 
portatori di interessi diffusi).
Il mio  insomma un invito a riflettere e valutare attentamente ogni passo: 
perch basta veramente poco per essere etichettati come "di sinistra", "di 
centro, "di destra"... e poi l'etichetta non si toglie pi.
Ci sono associazioni (anche famose) che puntando diritte alla politica si 
stanno giocando tutto. L'opinione pubblica  spesso erronea: non per questo 
non  importante. 


Ciao, Ado. 



------------------------------

_______________________________________________
Cc-it mailing list
Cc-it a lists.ibiblio.org
http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it


End of Cc-it Digest, Vol 10, Issue 11
*************************************


_____________________________________________________________
<---o0o--->
Aconsegueix el_teu_email a teatre.com gratu¤tament a http://teatre.com
 :-))-:



Maggiori informazioni sulla lista cc-it