[Cc-it] Re: Il mio parere contro la quota associativa

Ado Pieretti cc a copyzero.org
Sab 14 Ago 2004 08:46:52 EDT


Dott.Giovanni Bonenti Scrive: 

> Costituirsi soggetto istituzionale (per chi lo vuol fare) sottointende
> un registro e un contributo (anche molto più basso di quel che è stato
> scritto finora) giusto per fare fronte alle spese ordinarie di gestione
> di un soggetto istituzionale.

Perdonate la curiosità, ma fino ad ora chi ha pagato? Cosa? E quanto?
E si è dissanguato? :-)
E quando ci sarà l'associazione, quali *nuove* spese ci saranno?
Francamente credo che le spese potranno essere coperte tranquillamente dagli 
stessi soci fondatori (anche perché è inutile sperare di essere travolti da 
centinaia e centinaia di donazioni).
La spesa più grande sarà quella per il notaio: ma è una spesa che si fa 1 
volta sola. Le rimanenti sono spese piccole (la più grossa potrebbe essere 
quella relativa al conto corrente: ma una onlus non paga l'imposta di bollo 
ed il problema non si pone). Tenete presente che, a volte, chi si associa 
gratuitamente è portato a donare una somma superiore a quella che avrebbe 
dovuto versare se l'iscrizione fosse stata a pagamento. ;-)
Credo che se ci mettiamo a fare i conti, i membri del Consiglio risulteranno 
sufficienti per "tirare avanti la baracca". :-)
Inoltre, ritengo che sia un errore pretendere di trovare i soldi per le 
attività promozionali attraverso la "tassazione" dei soci (anche perché non 
è possibile dare potere decisionale a tutti e se non c'è quello manca il do 
ut des): non basteranno mai! :-) Si ottiene di più con qualche maglietta ben 
pensata.
Una onlus servirebbe proprio a trovare i fondi necessari ed a ricevere 
trattamenti di favore da parte delle istituzioni (si può fare domanda dopo 1 
anno di attività al comune e dopo 2 anni alla regione: nel frattempo si è 
favoriti nella richiesta di spazi per congressi ecc.). 


Ciao, Ado. 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it