[Cc-it] [Onlus] Il mio parere contro la quota associativa

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Sab 14 Ago 2004 08:23:54 EDT


Sabato, 14 Ago 2004, alle 13:32 Europe/Rome, Dott.Giovanni Bonenti ha 
scritto:

> Il Fri, 13 Aug 2004 21:40:40 +0200
> Lorenzo De Tomasi <lorenzo.detomasi a creativecommons.it> scrisse:
>
>>
>> Giovedì, 12 Ago 2004, alle 18:43 Europe/Rome, Andrea Glorioso ha
>> scritto:
>>
>>> Personalmente  credo   che se  un
>>> lavoratore medio non e` disponibile a sacrificare 50 euro all'anno
>>> per un qualcosa in cui crede, difficilmente sara` disposto a fare
>>> granche` d'altro per l'obbiettivo medesimo.
>>
>> Personalmente non credo che avrei iniziato a collaborare con Creative
>> Commons Usa prima e "Italia" poi, se mi avessero chiesto una quota
>> associativa anche di un solo euro.
>> Se già offro un mio contributo collaborando attivamente, non capisco
>> per quale motivo dovrei versare del denaro.
>> Facendo pagare una "tassa di collaborazione" ___ qual'è una quota
>> associativa a un'associazione in cui i contributi volontari sono
>> fondamentali ___ si rischia di porre  "la partecipazione, l'impegno, 
>> il
>>
>> sacrificio del tempo libero" in secondo piano rispetto al versamento
>> di una somma di denaro.
>> Sono convinto che una quota associativa ridurrebbe notevolmente il
>> numero di persone che contribuirebbero volontariamente (anche se
>> potrebbero comunque farlo da non iscritti).
>> Se uno poi volesse fare una donazione, nessuno glielo vieta, ma
>> nemmeno nessuno lo obbliga.
>
> Allora, quello che tu scrivi è assolutamente giusto, però... se bisogna
> fare attvità con dei soggetti istituzionali è necessario essere 
> soggetto
> istituzionale (onlus, associazione o quel che vuoi).
> Costituirsi soggetto istituzionale (per chi lo vuol fare) sottointende
> un registro e un contributo (anche molto più basso di quel che è stato
> scritto finora) giusto per fare fronte alle spese ordinarie di gestione
> di un soggetto istituzionale.
> Il discorso è se il soggetto istituzionale debba essere un fine (per 
> cui
> esclusivo) o un mezzo a servizio di un gruppo.
> Nel secondo caso, è necessario introdurre delle quote associative per
> chi vuole far parte dell'associazione, ma far parte dell'associazione
> non è condizione necessaria per collaborare.

Qualche riflessione buttata giù d'istinto:

Perché non vedere la cosa sotto una differente prospettiva? :-)
Ripeto che non sono contrario alla creazione di un'associazione se ciò 
comporterebbe vantaggi per il progetto – e in quest'ottica vedo la 
Onlus come un mezzo al servizio delle singole persone.
Immaginiamo di creare una Onlus e proviamo a equiparare il contributo 
in denaro al contributo con collaborazione attiva volontaria.
Perché considerare la donazione di tempo, competenze e impegno 
inferiore a una donazione in denaro?
Chiunque potrebbe chiedere di diventare socio gratuitamente e versare 
una donazione in denaro o offrire una collaborazione attiva.
In questo modo ciascuno potrebbe offrire il suo contributo come meglio 
crede e in base alle sue disponibilità di tempo e/o denaro.
Una politica di incentivazione alla donazione in denaro (come quella di 
evolt.org) unita a una totale trasparenza sull'investimento dei soldi 
potrebbe, a mio parere, incentivare notevolmente le donazioni.
Se sapessi che a CC.it effettivamente mancano 1.000 euro per fare 
fronte alle spese ordinarie di gestione, credo che non avrei problemi a 
donare una somma in denaro compatibilmente con le mie disponibilità. 
Non è poi escluso che qualcuno con disponibilità superiori alle mie 
possa estinguere totalmente il debito.

Credo che donare denaro o collaborare non dovrebbe renderti 
automaticamente socio.
Collaborare o fare una donazione dovrebbe essere una condizione 
fondamentale per diventare socio?

Scusate i concetti espressi un po' frettolosamente.
Se non sono stato chiaro, chiedete...

Ciao,
Lorenzo




Maggiori informazioni sulla lista cc-it