[Cc-it] Re: associazione: proposte e riflessioni

Ado Pieretti cc a copyzero.org
Ven 13 Ago 2004 16:28:18 EDT


> Io, come MentalRay, credo che l'appoggio di politici possa contribuire 
> notevolmente alla diffusione delle licenze.
> Pensate a una legge che obblighi o incentivi il rilascio delle tesi di 
> laurea sotto una licenza libera o Creative Commons, oppure un regolamento 
> che imponga il rilascio delle opere finanziate con contributi statali o 
> europei sotto licenze Ccpl...
> Non credo che noi, in quanto associazione, potremmo raggiungere facilmente 
> questo obiettivo senza appoggi politici...

> Che ne dite?
 

Come ho già detto a MentalRay, *chiedere alla politica* è opportuno, 
*stringere accordi con la politica* no: si tratta di due tipi di attività 
molto diversi. Dunque se l'appoggio è conseguenza di una richiesta, di una 
proposta rivolta alla politica e da quest'ultima accolta, ben vengano gli 
appoggi. Se, invece, l'appoggio deriva da un accordo tra l'associazione e la 
politica, la strumentalizzazione è inevitabile.
Per quanto concerne l'aspetto legislativo, credo che l'*imposizione della 
libertà* sia un tema estremamente delicato: a mio parere è l'incentivazione 
dal basso verso il basso la strada da seguire, non l'imposizione dall'alto 
verso l'alto. Questo perché le licenze CC presentano un substrato ideologico 
che, a mio avviso, dovrebbe essere accolto ed appoggiato dalle persone e non 
"subito" (al fine di un suo reale radicamento nella società). 
L'incentivazione presuppone la scelta, la conoscenza; l'imposizione, invece, 
ne fa tranquillamente a meno. Saltare la gente e trattare con chi la governa 
sarebbe, a mio avviso, un errore. Partendo dalla gente, invece, non solo 
riusciremmo a *comunicare* valori ed a stimolare l'interesse delle persone, 
ma (siccome è la gente che vota e la politica segue gli interessi della 
gente) otterremmo anche leggi utili alla nostra causa (ed in modo più 
semplice: perché per avere un'influenza sulla politica occorre essere 
portatori di interessi diffusi).
Il mio è insomma un invito a riflettere e valutare attentamente ogni passo: 
perché basta veramente poco per essere etichettati come "di sinistra", "di 
centro, "di destra"... e poi l'etichetta non si toglie più.
Ci sono associazioni (anche famose) che puntando diritte alla politica si 
stanno giocando tutto. L'opinione pubblica è spesso erronea: non per questo 
non è importante. 


Ciao, Ado. 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it