R: [Cc-it] Re: Perplessita` sul sito web

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Ven 13 Ago 2004 16:04:29 EDT


Caro Prof. Ricolfi,
innanzitutto la ringrazio per la risposta in lista e mi scuso per 
averle risposto solamente ora, ma anch'io sono stato notevolmente 
impegnato nell'ultimo mese.

Innanzi tutto ci terrei a precisare che anche io condivido il 
turbamento di S*phz riguardo all'esistenza di una distanza clamorosa 
tra Partner institution (PI) e alcuni membri della lista di discussione.
Per questo rinnovo l'invito a lei e ai suoi collaboratori a partecipare 
attivamente alla realizzazione di contenuti per il sito italiano e a 
supervisionare dal punto di vista giuridico i contenuti prima che 
vengano pubblicati. Comprendo la poca disponibilità di tempo di chi, 
come lei, ha molti impegni e contemporaneamente mi rendo conto di 
quanto sia fondamentale il contributo di persone con competenze 
giuridiche. Se riuscissimo a raggiungere un buon numero di legali in 
lista, il carico di lavoro individuale si ridurrebbe drasticamente e 
riusciremmo a offrire, senza grandi sforzi, un servizio di informazione 
corretta ed esaustiva sulle licenze Creative Commons in Italia.
Credo che una soluzione possa essere quella di proporre la 
collaborazione a nuove persone con le adeguate competenze e con 
maggiore tempo da dedicare al progetto. Per questo le chiedo se 
l'ipotesi di coinvolgere validi studenti di scienze giuridiche con 
dichiarato interesse per il diritto d'autore possa essere un'ipotesi 
fattibile. In caso affermativo, le chiederei di procedere in tal senso. 
Chiederei poi alle persone che collaborano con le partner institution 
di collaborare anche privatamente all'aggiornamento del sito web.
In particolare credo sarebbe utile che l'Avvocato Massimo Travostino 
aggiorni questa lista riguardo sia il suo "proficuo e approfondito 
scambio di informazioni con la Siae" che la stesura dell'articolo "che 
approfondisce i rapporti tra il mandato Siae e le licenze Creative 
Commons", venendo incontro all'interesse per l'argomento più volte 
dimostrato da alcuni iscritti a questa lista, nella speranza che si 
possa avviare un lavoro a più mani in cui dubbbi e suggerimenti e 
competenze anche in ambiti differenti da quello giuridico potrebbero 
contribuire a innalzare il livello qualitativo del documento definitivo.
A questo scopo, ricordo anche che è attivo il wiki sul sito 
http://www.creativecommons.it/wiki/index.php/Wikipedia
Vorrei precisare che, con questa proposta, non è mia intenzione mettere 
in dubbio le competenze dell'Avvocato Travostino (che non ho mai avuto 
il piacere di conoscere), ma solamente ribadire la mia convinzione che 
un lavoro collettivo, aperto e collaborativo, oltre a sottoporre 
l'opera a proficue revisioni, sarebbe in piena sintonia con la 
filosofia del progetto Creative Commons.

Cordiali saluti,
Lorenzo De Tomasi

Sabato, 17 Lug 2004, alle 10:21 Europe/Rome, Marco Ricolfi ha scritto:

> Per non sembrare sordi.
> 	Capisco il problema, ho letto tutte queste e-mail e mi e chiaro che il
> tema sito/logo deve trovare una soluzione (in particolare sono 
> dell'idea di
> Glorioso: meglio un po' di cautela all'inizio che accorgersi molto 
> dopo che
> non andava).
> 	Pero (come sapete da quello che hanno riferito J.C. De Martin e A.
> Gilardi), dopo la riunione passata del 2 luglio
> 	1. io a tamburo battente ho rivisto le traduzioni di 1.0 (incorporando
> anche spunti della lista: grazie a A. Gilardi, tra gli altri!) e ho
> introdotto tutti i cambiamenti per 2.0., inviando il file nuovo l'8 
> luglio
> a M Ciurcina, N. Bottero, M. Travostino per il porting (le cui modalita
> avevamo concordato in linea di principio);
> 	2. Il 20 dobbiamo vararer il porting; poi spero che A. Cogo sia cosi 
> buono
> da ritradurre in inglese i testi 2.a) generico modificato; e 2.b) con 
> il
> porting italiano, + la clausola di raccordo che stiamo mettendo a 
> punto;
> 	3. Stiamo discutendo del contesto in cui presentare le traduzioni,
> domandandoci se sia il caso di collegarle ad una serie di iniziative 
> nella
> seconda meta dell'anno (per questo M.Ciurcina e stato a Roma lo scorso 
> 14);
> 	4. Il passaggio tra 2 (ritraduzioni in inglese) e 3 (poresentazione 
> del
> lavoro fatto) e nelle mani di Lessig & C.
> 	5. Per quel che mi riguarda, questa settimana ho avuto due sedute di
> lauree, gli esami di commerciale, gli esami di industriale, il 
> consiglio di
> Facolta, 2 consigli di Corso di Laurea, l'elezione del direttore del
> Dipartimento, la riunione di dottorato (a Milano), il ricevimento 
> studenti
> cum assegnazione di tre tesi nuove e, siccome sono professore a tempo
> determinato, la mia attivita professionale che, come qualcuno di voi 
> sapra,
> a luglio e dicembre accelera prima delle chiusure. Dico questo per 
> dirvi
> che  il tema che ci proponete lo esamineremo il 20, in margine al 
> lavoro
> "istituzionale" della riunione; ma dovete avere pazienza fino ad 
> allora,
> perche non mi parrebbe giusto dire quel che penso senza avere 
> consultato
> tutte le persone che ci saranno il 20 (i gia citati; ma anche 
> l'Avvocato
> Samantha Zanni + chi avra la gentilezza di essere presente il 20) e non
> sono d'altro canto riuscito a convocare una riunione bricks-and-mortar 
> o
> virtuale prima di quella data. Qui vorrei fare una considerazione piu
> generale: questa intrapresa e, per voi, il pane ed il sale di tutto 
> quello
> che state facendo o di molto di esso. Per noi, che siamo gia un po' piu
> vecchietti (io ne ho 52 il prossimo lunedi) e un'entusiasmante 
> addizione al
> nostro carnet di impegni e d'altro canto, sentiamo che non possiamo
> improvvisare (per le ragioni che dice Glorioso ed anche perche 
> crediamo di
> essere stati scelti non tanto per doti di particolare ingegno ma di un
> qualche tasso di "affidabilita"). Di qui la divaricazione che 
> percepite,
> che, pero, penserei non sia di intenti ma di modi e soprattutto di 
> tempi.
> 	Cordialissimamente m.r.
>
> 	
>
>
> -----Messaggio originale-----
> Da:	scarph a autistici.org [SMTP:scarph a autistici.org]
> Inviato:	venerdi 16 luglio 2004 22.10
> A:	cc-it a lists.ibiblio.org
> Oggetto:	Re: [Cc-it] Re: Perplessita` sul sito web
>
>> Pinna scrive:
>> personalmente, mi piace l'idea di un sito dedicato alle licenze 
>> creative
>> commons sviluppato dalla comunita' delle persone che sono interessate 
>> a
>> usare e diffondere queste licenze: un sito come quello che mira ad 
>> essere
>> www.creativecommons.it, indipendente dalle partner institution e
>> potenzialmente complementare ad esse (almeno questa e' l'idea che mi
>> sono fatto di quello che puo' essere www.creativecommons.it).
>
> ...e a me sembra importantissimo soprattutto questo aspetto.
> Quando, circa due anni fa, ho iniziato a pubblicare musica sul web, il
> fatto che esistessero le licenze CC, anche se erano espressione della
> scintillante e irraggiungibile, almeno allora, comunita' ''GPL'' USA, 
> e'
> stato come trovare una bombola di ossigeno durante una faticosa apnea.
> Per chi come me di giuridichese non ne capisce una mazza, il fatto che
> esista un'interfaccia umana tra PI e utenti e' essenziale.
> Quindi credo che, al di la' degli aspetti formali, damero
> utilizzatore/utente, il lavoro portato avanti dal sito e, soprattutto,
> dalla ML sia almeno indispensabile.
> Mi turba tanto il fatto che esista cmq questa distanza clamorosa tra 
> PI e
> la comunita' di ''appassionati'' che anima la ML e che utilizza
> giornalmente le licenze.
> Capisco le problematiche giuridico-legali, ma se una cosa ho imparato
> durante questi anni di web e di soggettivazione 
> tecno-politico-rizomorfica
> :)) e' che non e' possibile scindersi: sei sempre in gioco, anche 
> quando
> ti tiri fuori.
>
> Piccolo strampalato appello alle PI:
>
> usate strani pseudonimi, fate finta di niente, ma buttatevi nella 
> mischia
> pure voi, non abbiate la pretesa di fare finta che non esista una
> comunita' di persone che le licenze le usa e le propone tutti i giorni,
> magari sbagliando e facendo cazzate, ma che porta avanti cmq la sua
> storia.
> Volenti o nolenti stiamo facendo la stessa cosa: dare il nostro 
> contributo
> alla liberta' dei nostri saperi.
> Trovo assurdo che non ci sia partecipazione diretta delle PI nella 
> lista o
> nel sito, che ci si ponga problemi come quello di utilizzare il logo 
> ecc.,
> soltanto perche' chi ha creato la lista ed il sito non e' stato
> direttamente e ufficialmente investito.
> Scusatemi se sono un idiota a dire queste cose, lo so che ognuno c'ha i
> suoi problemi di tempo, di sbattimenti, di lavoro, ecc. che ogni 
> persona
> che contribuisce a tutto 'st'ambaradam lo fa volontariamente e perche' 
> e'
> una sua passione. Ma appunto una passione, anche se giuridico-legale, 
> se
> non si condivide a che cosa serve?
>
> Vi abbraccio e scusate il delirio...devo lascia' perde er vino :)))
> S*phz
>
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>




Maggiori informazioni sulla lista cc-it