[Cc-it] Re: associazione: proposte e riflessioni

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Ven 13 Ago 2004 15:30:18 EDT


Giovedì, 12 Ago 2004, alle 18:13 Europe/Rome, Ado Pieretti ha scritto:

>> se per ipotesi ci fosse l'opportunita' di poter rendere le licenze 
>> totalmente riconosciute e legalmente regolarizzate in seno al nostro 
>> ordinamento giuridico e a quello europeo non sarebbe un contributo 
>> estremamente valido al perseguimento delle finalita' 
>> dell'associazione?
>
> Il copyright è già ampiamente riconosciuto nel nostro ordinamento:
> ciò significa che l'adattamento delle licenze al nostro contesto 
> giuridico sarà un contributo estremamente valido al perseguimento 
> delle finalita' dell'associazione (cosa di cui si occupano i tecnici 
> delle PI non i politici). Tanto più riusciremo a fare una promozione 
> intelligente e su vasta scala delle licenze, tanto più riusciremo a 
> diffonderne l'utilizzo.
> Ma per fare questo non ci servono leggi nuove (e dunque la politica): 
> ci serve un rapporto diretto con le persone, che faccia leva sui loro 
> interessi e offra loro delle opportunità.

Io, come MentalRay, credo che l'appoggio di politici possa contribuire 
notevolmente alla diffusione delle licenze.
Pensate a una legge che obblighi o incentivi il rilascio delle tesi di 
laurea sotto una licenza libera o Creative Commons, oppure un 
regolamento che imponga il rilascio delle opere finanziate con 
contributi statali o europei sotto licenze Ccpl...
Non credo che noi, in quanto associazione, potremmo raggiungere 
facilmente questo obiettivo senza appoggi politici...

Che ne dite?

Ciao,
Lorenzo



Maggiori informazioni sulla lista cc-it