[Cc-it] [Onlus] proposte e riflessioni

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Ven 13 Ago 2004 15:25:01 EDT


Alcune miei riflessioni e proproste sulla discussione finora fatta:

Martedì, 27 Lug 2004, alle 03:32 Europe/Rome, MentalRay ha scritto:
> 1) problema rappresentanza democratica:
> personalmente propongo un consiglio formato da diverse componenti: da 
> un lato associazioni, enti e soci "storici", dall'altro da un numero 
> variabile di rappresentanti per i singoli individui che aderiscono 
> all' "associazione cc".

Personalmente
	1. Proporrei l'associazione ***gratuita*** per qualunque persona 
singola che desideri iscriversi.
	2. Non permetterei l'iscrizione di società. enti o associazioni.
		Se un membro di un'altra associazione volesse partecipare 
all'attività di Creative Commons Italia potrebbe tranquillamente farlo 
o iscriversi gratuitamente all'associazione a titolo personale.
		Ancor più escluderei rappresentanti delle associazioni con delega di 
voto.
	3. Escluderei quote associative. Come Thomas Margoni penso che
> 		non possiamo subordinare il contributo che le persone possono 
> fornire a questo progetto ad una loro condizione economica.

		Come evidenziato da Ado Pieretti, prima di introdurre una quota 
associativa (la più bassa possibile), mi porrei le seguenti domande:
> 		Quali potrebbero essere le esigenze economiche dell'associazione?
> 		A che ci serve una quota associativa?

		A questo scopo, chiedo a Ado di postare sul wiki una copia di statuto 
di associazione con iscrizione gratuita (o semplicemente di riportare 
il relativo punto su 
http://creativecommons.it/wiki/index.php/Creazione_di_una_Onlus )
		Piuttosto permetterei ai soci (ma anche ai non soci) di diventare 
sostenitori attraverso la donazione con formule del tipo: offerta 
libera o gadget + offerta tot euro.
		Accetterei anche donazioni da parte di enti, associazioni, società 
ecc., con un programma di partnership (paragonabile a quello con le 
attuali Partner institution).
	4. Darei il diritto e la libertà di voto a ciascuna persona che decida 
di iscriversi gratuitamente all'associazione.
	5. Non farei alcuna distinzione tra i membri ed escluderei ogni 
organizzazione gerarchica.
		In particolare:
			Non prevederei enti o soci storici o onorari che siano (a parte il 
fatto che non ce ne sono, quali vantaggi comporterebbe creare queste 
distinzioni?).
			Se volessimo premiare chi fino ad ora si è impegnato ad avviare e 
portare avanti il progetto, proporrei semplicemente diriportare nello 
statuto i nomi dei soci fondatori, mantenendo però l'assoluta 
uguaglianza tra tutti i soci.
	5. Piuttosto considerei Partner le associazioni con le seguenti 
caratteristiche (in parte descritte da MentalRay):
		associazioni che hanno obiettivi statutari similari o complementari a 
quelli di Creative Commons Italia
		enti e associazioni che dichiarano di voler perseguire, senza alcuna 
riserva, obiettivi similari o complementari a quelli di Creative 
Commons Italia
		enti e associazioni che si impegnano a collaborare o a contribuire ai 
progetti di Creative Commons Italia
		enti, associazioni, società ecc. che fanno donazioni a favore di 
Creative Commons Italia o di un suo progetto
		[Con il termine enti si intendono enti statali, fondazioni ecc. tra 
cui, in particolare le Partner institution attuali e  università.]
	6. Escluderei un consiglio e assemblee di rappresentanti.
		Piuttosto proporrei dei comitati scientifici, a cui possono 
partecipare liberamente tutti i soci con specifiche competenze (ad 
esempio legali, musicisti, illustratori ecc.)
	8. Non saprei se la soluzione delle associazioni Creative Commons di 
secondo livello, locali e confederate, siano la soluzione organizzative 
più adatta. Proporrei di riflettere.
		Forse basterebbe creare assemblee locali dei soci.
		Eventuali problemi evidenziati:
> 		Sono associazioni tutte ancora da costituire. Certo, decentrarsi e 
> territorializzarsi partendo da zero non è un'impresa facile, ma 
> certamente evita possibili strumentalizzazioni.

Finalità dell'associazione
	- divulgazione degli ideali di Creative Commons in Italia,
	- divulgazione delle licenze Ccpl in Italia,
	-  coordinamento e promozione di iniziative e attività sul territorio 
italiano

Organi della'associazione
	Comitati scientifici nazionali
	Assemblea nazionale dei soci
	Assemblee locali dei soci
	Assemblee nazionali dei Comitati scientifici
	Presidente rappresentativo
	Vice-presidente rappresentativo [?]
	Segretario
	Tesoriere

	L'Assemblea nazionale dei soci, le Assemblee locali dei soci e le 
Assemblee nazionali dei Comitati scientifici inoltre potrebbero 
delegare temporaneamente alcune persone a compiti specifici (ad esempio 
coordinare un progetto, controllo e corretto svolgimento delle 
attività, mantenimento dei rapporti con le associazioni locali ecc.), 
nel caso in cui fosse utile o necessario per il conseguimento degli 
obiettivi statutari.
Tali deleghe dovrebbero essere concesse alle persone in base alla 
fiducia guadagnata tra i membri in base agli apporti dati al progetto, 
alla loro qualità e alla validità e autorevolezza delle opinioni 
espresse.

Cosa ne pensate?

Seguirà una mail sulla questione "politica".

Ciao a tutti,
Lorenzo




Maggiori informazioni sulla lista cc-it