[Cc-it] Re: associazione: proposte e riflessioni

Ado Pieretti cc a copyzero.org
Gio 12 Ago 2004 18:32:21 EDT


>>Più che accordi con la politica sarebbe opportuno fare richieste alla 
>>politica: è una cosa diversa, che non dà adito a strumentalizzazioni. 
> in sostanza stiamo dicendo la stessa cosa con parole diverse

Ah ok, se per "accordi con" intendevi "richieste a", siamo d'accordo. 


> il diritto d'autore cosi' com'e' in italia non permette di mettere completamente al riparo le licenze cc dall'attuale ordinamento giuridico: se da un lato possiamo adattare le cc al nostro ordinamento (cosa che stanno facendo le PI) dall'altro non e' detto che nel medesimo non ci siano punti conflittuali con cc che solo una modifica di legge puo' sanare:

Se mettiamo le licenze al riparo dall'ordinamento giuridico, dove le 
mettiamo? E che valore avrebbero a quel punto? :-?
Quali sono i punti conflittuali? :-? 


> pensa solo al ruolo della Siae: come si dovrebbe comportare in caso di contenzioso con una qualsiasi licenza cc?

Potresti essere più chiaro? 

 

> questo discorso vale per i privati ma non per gli enti pubblici: pensa cosa accadrebbe ad esempio se per legge ogni organo di stato distribuisse la propria documentazione in formati non proprietari, tipo l'sxw: quante copie di ms office o di autocad o di qualsiasi altro pacchetto specializzato si venderebbero a quel punto. e quante copie di openoffice o di altri programmi liberi verrebbero installate nelle aziende che hanno a che fare direttamente con quel determinato ente pubblico?

Ripeto: sul software si possono fare valutazioni diverse (quelle che ho già 
menzionato).
Il fatto è che le licenze CC sono state concepite per andare ben oltre la 
tutela del software (non a caso CC, riguardo al software, *consiglia la 
GPL*). CC.ita mira, invece, a diffondere le licenze CC. 

 

> Stesso discorso vale a mio avviso per i contenuti, che non sempre sono  burocratici: pensa ad esempio al sito ufficale del museo degli uffizi in cui reperire documentazione sul palazzo stesso.
> Una licenza cc in quel caso non sarebbe utile?
> non pensare solamente alla burocrazia quando si parla di enti statali: 
> ci sono migliaia di possibili soggetti pubblici (primo tra tutti la rai) che hanno 
> degli archivi immensi che sarebbero una eccezionale risorsa culturale per il paese 
> e per l'europa se gestiti con le licenze cc. 

Capisco cosa intendi dire, ma i tuoi esempi riguardano entrambi beni del 
patrimonio dello Stato (libro III, capo II del codice civile).
Dobbiamo interpretare queste restrizioni non come un'ingiusta presenza del 
copyright fine a se stessa, ma come un modo per tutelare particolari 
categorie di beni pubblici senza tuttavia limitarne l'accessibilità (è un 
discorso molto delicato).
E' anche grazie alle associazioni che è possibile far circolare liberamente 
(*duplicare*) il materiale culturale presente negli archivi RAI. Altrimenti 
a che servono le associazioni? :-) Il fatto che lo Stato tratti la cessione 
di questi materiali soltanto con MINISTERI, ENTI DI DIRITTO PUBBLICO E ENTI 
CULTURALI, FONDAZIONI, ASSOCIAZIONI ED ENTI MORALI SENZA SCOPO DI LUCRO, 
SINDACATI, ORDINI PROFESSIONALI, SCUOLE, ATENEI, è soltanto una forma di 
tutela nei confronti di questi particolari beni. 


> Inoltre non credo abbia senso limitare le licenze cc al solo versante artistico: 
> le applicazioni infatti sono pressoche' illimitate.

Illimitate non direi, perché riguardano solo le opere dell'ingegno (che sono 
tassativamente indicate dalla legge): stiamo parlando di copyright. Che poi 
le opere dell'ingegno possano riguardare diversi settori è un altro 
discorso. 


Ciao, Ado.



Maggiori informazioni sulla lista cc-it