[Cc-it] Re: associazione: proposte e riflessioni

MentalRay mentalray a tin.it
Gio 12 Ago 2004 14:29:14 EDT


>Più che accordi con la politica sarebbe opportuno fare richieste alla 
>politica: è una cosa diversa, che non dà adito a strumentalizzazioni. 
in sostanza stiamo dicendo la stessa cosa con parole diverse

>Il copyright è già ampiamente riconosciuto nel nostro ordinamento:
>ciò significa che l'adattamento delle licenze al nostro contesto giuridico 
>sarà un contributo estremamente valido al perseguimento delle finalita' 
>dell'associazione (cosa di cui si occupano i tecnici delle PI non i 
>politici). Tanto più riusciremo a fare una promozione intelligente e su 
>vasta scala delle licenze, tanto più riusciremo a diffonderne l'utilizzo.
>Ma per fare questo non ci servono leggi nuove (e dunque la politica): ci 
>serve un rapporto diretto con le persone, che faccia leva sui loro interessi 
>e offra loro delle opportunità. 
il diritto d'autore cosi' com'e' in italia non permette di mettere completamente al riparo le licenze cc dall'attuale ordinamento giuridico: se da un lato possiamo adattare le cc al nostro ordinamento (cosa che stanno facendo le PI) dall'altro non e' detto che nel medesimo non ci siano punti conflittuali con cc che solo una modifica di legge puo' sanare:
pensa solo al ruolo della Siae: come si dovrebbe comportare in caso di contenzioso con una qualsiasi licenza cc?
Ecco perche' ritengo inevitabile prima o poi un passaggio "politico e legislativo" per cc.

>Non so quale sarebbe l'impatto. Non credo che sarebbe notevole... che 
>interesse può avere un'artista a poter copiare liberamente il contenuto di 
>un sito istituzionale?
>Il fatto è che il giorno in cui una legge imporrà l'adozione di una licenza 
>libera quella licenza avrà cessato di essere libera. :-) La libertà è una 
>scelta, non è mai un'imposizione. Vorrei che tutto il mondo adottasse le 
>licenze CC, ma per libera scelta non perché costretto. 
questo discorso vale per i privati ma non per gli enti pubblici: pensa cosa accadrebbe ad esempio se per legge ogni organo di stato distribuisse la propria documentazione in formati non proprietari, tipo l'sxw: quante copie di ms office o di autocad o di qualsiasi altro pacchetto specializzato si venderebbero a quel punto. e quante copie di openoffice o di altri programmi liberi verrebbero installate nelle aziende che hanno a che fare direttamente con quel determinato ente pubblico?
Stesso discorso vale a mio avviso per i contenuti, che non sempre sono  burocratici: pensa ad esempio al sito ufficale del museo degli uffizi in cui reperire documentazione sul palazzo stesso.
Una licenza cc in quel caso non sarebbe utile?

>Tuttavia, il paragone con i lug è un po' fuorviante: mentre l'adozione del 
>SL nella PA può essere un modo per incrementare l'industria stessa del SL e 
>dunque la sua diffusione su larga scala; l'adozione delle licenze CC nella 
>PA non ha senso: non è utile (*perché grazie al diritto d'accesso tutti i 
>dati possono già essere copiati e riprodotti liberamente*) non è allettante 
>(perché quei dati sono di scarso interesse per un artista, che vuole altra 
>arte e non burocrazia) e non ha nessun risvolto economico da cui trarre 
>benefici indiretti (contrariamente a quanto accade nel caso del SL). 

non pensare solamente alla burocrazia quando si parla di enti statali: 
ci sono migliaia di possibili soggetti pubblici (primo tra tutti la rai) che hanno 
degli archivi immensi che sarebbero una eccezionale risorsa culturale per il paese 
e per l'europa se gestiti con le licenze cc. 

Inoltre non credo abbia senso limitare le licenze cc al solo versante artistico: 
le applicazioni infatti sono pressoche' illimitate.

gio

___________________________________________
"In quiete dopo la tempesta
 in quiete prima della battaglia
 in quiete all'apparenza per nascondere il tumulto
 in quiete in sostanza per poter roteare nel caos".

                                                  Giovanni Lindo Ferretti




Maggiori informazioni sulla lista cc-it