[Cc-it] Re: associazione: proposte e riflessioni

Ado Pieretti cc a copyzero.org
Gio 12 Ago 2004 12:13:38 EDT


MentalRay Scrive: 

> infatti la questione si pone anche in questi termini: siamo in grado di perseguire pragmaticamente un lavoro di lobby "all'inglese"  (ovvero "usare" i politici senza essere usati a nostra volta), in cui si prende una collaborazione e si scarta una eventuale "influenza politica" o si fa anche i duri e puri senza guardare in faccia nessuno?

L'influenza politica puoi evitarla, ma non puoi evitare l'opinione della 
gente. Se ti accordi con l'on. Caio la stragrande maggioranza delle persone 
penserà che sei d'accordo con lui (è tautologico) e spingerai (senza 
volerlo) le persone che sono d'accordo con te a votare per lui: diverrai 
involontariamente uno strumento propagandistico.
Più che accordi con la politica sarebbe opportuno fare richieste alla 
politica: è una cosa diversa, che non dà adito a strumentalizzazioni. 


> Vero. ma il punto e' anche un'altro: se per ipotesi ci fosse l'opportunita' di poter rendere le licenze totalmente riconosciute e legalmente regolarizzate in seno al nostro ordinamento giuridico e a quello europeo non sarebbe un contributo estremamente valido al perseguimento delle finalita' dell'associazione?

Il copyright è già ampiamente riconosciuto nel nostro ordinamento:
ciò significa che l'adattamento delle licenze al nostro contesto giuridico 
sarà un contributo estremamente valido al perseguimento delle finalita' 
dell'associazione (cosa di cui si occupano i tecnici delle PI non i 
politici). Tanto più riusciremo a fare una promozione intelligente e su 
vasta scala delle licenze, tanto più riusciremo a diffonderne l'utilizzo.
Ma per fare questo non ci servono leggi nuove (e dunque la politica): ci 
serve un rapporto diretto con le persone, che faccia leva sui loro interessi 
e offra loro delle opportunità. 


> E ancora: se gli enti pubblici per legge adottassero una delle licenze cc che impatto si avrebbe in termini di diffusione anche su una utenza privata?

Non so quale sarebbe l'impatto. Non credo che sarebbe notevole... che 
interesse può avere un'artista a poter copiare liberamente il contenuto di 
un sito istituzionale?
Il fatto è che il giorno in cui una legge imporrà l'adozione di una licenza 
libera quella licenza avrà cessato di essere libera. :-) La libertà è una 
scelta, non è mai un'imposizione. Vorrei che tutto il mondo adottasse le 
licenze CC, ma per libera scelta non perché costretto. 


> Pensa ad esempio all'adozione del sw libero in alcuni comuni e lander tedeschi: se non ci fosse stata una forte azione di lobby delle locali associazioni prolinux (che non mi risultano essere politicamente connotate) si sarebbe arrivati agli attuali risultati?

Ripeto: chiedere, farsi sentire davanti alle istituzioni, avanzare proposte 
è una cosa; accordarsi con la politica è un'altra cosa.
Tuttavia, il paragone con i lug è un po' fuorviante: mentre l'adozione del 
SL nella PA può essere un modo per incrementare l'industria stessa del SL e 
dunque la sua diffusione su larga scala; l'adozione delle licenze CC nella 
PA non ha senso: non è utile (*perché grazie al diritto d'accesso tutti i 
dati possono già essere copiati e riprodotti liberamente*) non è allettante 
(perché quei dati sono di scarso interesse per un artista, che vuole altra 
arte e non burocrazia) e non ha nessun risvolto economico da cui trarre 
benefici indiretti (contrariamente a quanto accade nel caso del SL). 

Ciao, Ado. 





Maggiori informazioni sulla lista cc-it