[Cc-it] Re: associazione: proposte e riflessioni

MentalRay mentalray a tin.it
Gio 12 Ago 2004 08:40:20 EDT


>Vuoi la botte piena e la moglie ubriaca. :-)
ebbene si, sono ottimista. inguaribile per giunta :))))

>In altre parole: come fai a mantenere l'equidistanza se poi vai a metterti 
>d'accordo con l'on.Caio? Cosa penserà la gente di te? Penserà che sei 
>d'accordo con l'on.Caio. Siccome è la gente che vota, la strumentalizzazione 
>è pressoché inevitabile. E come rimedi? Andando a fare un altro accordo con 
>l'on.Sempronio (dello schieramento opposto), anche se non condivide le tue 
>idee?
infatti la questione si pone anche in questi termini: siamo in grado di perseguire pragmaticamente un lavoro di lobby "all'inglese"  (ovvero "usare" i politici senza essere usati a nostra volta), in cui si prende una collaborazione e si scarta una eventuale "influenza politica" o si fa anche i duri e puri senza guardare in faccia nessuno?
In ogni caso serve capire che linea adottare con i politici (e la politica) in generale: io sono per la blindatura totale dell'associazione da ogni politico italiano, fermo restando che, nella realta' delle cose, tocchera' trattare con qualcuno di loro prima o poi. A mio avviso pero' conviene tenerseli il piu' lontani possibile.

>Visto che CC è nella condizione di poter operare in autonomia (possiamo 
>rivolgerci direttamente alla gente senza mediatori e fare la nostra politica 
>senza bisogno della politica degli altri), non vedo perché fare accordi con 
>la politica. 
Vero. ma il punto e' anche un'altro: se per ipotesi ci fosse l'opportunita' di poter rendere le licenze totalmente riconosciute e legalmente regolarizzate in seno al nostro ordinamento giuridico e a quello europeo non sarebbe un contributo estremamente valido al perseguimento delle finalita' dell'associazione?
E ancora: se gli enti pubblici per legge adottassero una delle licenze cc che impatto si avrebbe in termini di diffusione anche su una utenza privata?

Pensa ad esempio all'adozione del sw libero in alcuni comuni e lander tedeschi: se non ci fosse stata una forte azione di lobby delle locali associazioni prolinux (che non mi risultano essere politicamente connotate) si sarebbe arrivati agli attuali risultati?
Io credo di no, segno che dovremo cominciare anche noi ad organizzarci anche per essere incisivi non solo nei confronti delle persone comuni, ma anche nelle sedi istituzionali. E per come vanno le cose in italia, piu' stai lontano da qualsiasi schieramento politico, piu' puoi esercitare pressioni lobbistiche su qualsiasi partito.

My two eurocent ovviamente.

gio


___________________________________________
"In quiete dopo la tempesta
 in quiete prima della battaglia
 in quiete all'apparenza per nascondere il tumulto
 in quiete in sostanza per poter roteare nel caos".

                                                  Giovanni Lindo Ferretti




Maggiori informazioni sulla lista cc-it