[Cc-it] associazione: proposte e riflessioni

MentalRay mentalray a tin.it
Mer 11 Ago 2004 20:40:36 EDT


>Per evitare  che un'associazione fuoriesca  dagli obbiettivi che si e`
>posta il  modo giusto  di  agire e` prevedere  dei  meccanismi interni
>all'associazione, non bloccare  l'iscrizione  in maniera piu` o   meno
>arbitraria.
>Tra l'altro  mi   e`   poco  chiaro cosa  intendi    per "associazioni
>politiche" -  penso  i  partiti  politici,  ma  anche  in  questo caso
>(ammesso    e non concesso   che    siano  interessati a   partecipare
>all'associazione) non capisco  perche`   vietare una loro   iscrizione
>sulla base di un temuto  e presunto "sequestro" dell'associazione.  Se
>le regole  di funzionamento   e  di auto-difesa di  quest'ultima  sono
>deboli, cosa cambia se io - membro del partito cippalippa - mi iscrivo
>come singolo e poi pero` utilizzo i mezzi messi a mia disposizione dal
>partito per "stornare" gli scopi originari dell'associazione?
in primo luogo tieni sempre presente che una associazione e' un bacino di voti elettorali: piu' grande e visibile e',   maggior gola fara' ad un politico. Se hai una minima esperienza di campagne elettorali a vario livello vedrai che una delle prime tappe che i candidati a qualcosa fanno e' proprio tra le associazioni.

Fatta poi questa premessa, il problema di fondo e' garantire una certa equidistanza da ogni partito politico per due motivi: primo per evitare che il progetto possa essere identificato come una azione da parte di una formazione politica piuttosto che un altra (con ovvie ripercussioni ben immaginabili visto il clima politico attuale), secondo per evitare quello che mi e' capitato di vedere in precedenti esperienze associative, ovvero che nel momento in cui l'associazione raggiunge una certa visibilita' pubblica (ti ricordo che l'associazione sarebbe a livello nazionale) possa diventare un "trampolino di lancio" a vario livello per qualche politico o politicante. 
Uno degli obiettivi da raggiungere e' da un lato evitare che l'associazione venga strumentalizzata a vario titolo da politici, dall'altro che, in quanto associazione, possa parimenti fare un lavoro di "lobby" con diversi soggetti (anche politici) senza che venga imbrigliata in logiche o giochi di potere.
Come dire: come associazione posso lanciare delle iniziative andando ad informare o mettendomi d'accordo con  fiorello cortiana o con lucio stanca (tanto per far due nomi a caso), ma mi guardo bene dall'avere uno dei due od entrambi al timone dell'associazione stessa :) 
certo nulla vieta ad un politico di iscriversi a titolo personale all'associazione od entranci in quanto rappresentante  di una associazione "neutrale": in questo caso basterebbe mettere nello statuto una clausola di incompatibilita' tra le cariche associative e qualsiasi forma di carica politica.


>Sono  abbastanza contrario alla qualifica di   "socio storico", che e`
>arbitraria  e  per  mia  esperienza da`  adito  a  tutta  una serie di
>malumori che e` meglio evitare.
la qualifica di "socio storico" e' piu' pensata  come premio per chi fino ad ora si e' impegnato a far partire e proseguire il progetto.  credo che a prescindere debba venir premiato o quantomento riconosciuto nel tempo lo sforzo di chi ha iniziato.


>    > fino a 199 associati: 1 rappresentante ogni  25 persone da 200 a
>    > 599 associati:  1 rappresentante ogni  50 persone da 600  a 1000
>    > associati 1 rappresentante ogni 100 persone

>Il numero di   associati in questo  caso e`  il  numero di  tutti  gli
>associati o solo dei singoli individui associati?
in questo caso parliamo dei singoli individui associati (da non confondere appunto con la totalita' degli associati che possono anche essere enti od associazioni ad esempio).
Credo sia necessario dare un certo equilibrio sia per i singoli iscritti sia per le associazioni od enti che giocoforza   non possono essere equiparate totalmente ad un singolo: un conto e' parlare per se stessi, un conto e' rappresentare ad esempio 100 persone riunite in una associazione. 
Per poter dare spazio ad una parte che all'altra mi pare corretto quindi attribuire un rappresentante ad ogni singola associazione ed eleggere tra i singoli una serie di rappresentanti che riuscirebbero se non altro a "raggruppare" a se' il maggior numero di singoli che possono avere identita' di vedute o di progetto. Va da se che la soluzione ottimale e' che nel momento in cui tot singoli si raccolgono attorno ad un rappresentante possano in seguito comporsi in associazione: in quel caso passerebbero di "categoria" ottenendo da un lato un rappresentante automaticamente (in quanto associazione) mentre dall'altro nominativi dei singoli verrebbero "depennati" dalla elenco dei singoli  aderenti.
L'obiettivo in altri termini e' garantire rappresentanza ai soggetti non necessariamente organizzati in associazione, ma allo stesso tempo promuovere tra di essi l'idea di associarsi insieme per avere una rappresentanza "garantita".
Piu' associazioni ci sono maggiore potra' essere la copertura sul territorio e migliore potra' essere la continuita' del progetto. 

>Per quanto  riguarda la tassa   di iscrizione,   penso  che si   possa
>distinguere tra singoli  individui studenti  o lavoratori, secondo  la
>tradizione di associazioni come EFF,   CPSR  e altre, prevedendo   una
>tassa   di 10/20 euro  per    gli studenti e  di   50/100  euro per  i
>lavoratori.  Francamente non  mi paiono cifre  enormi,  ma e` una  mia
>valutazione personale (anche  se piu` bassa  della maggior parte delle
>associazioni di cui faccio parte).
diciamo che 10/20 euro sono gia' una bella cifra per una singola persona e non chiederei di piu' anche perche' una soglia alta implicherebbe poche persone ma per contro molto piu' motivate.

Piuttosto come detto precedentemente fare pagare di piu' gli enti o le associazioni.
Se volesse aderire per ipotesi la camera di commercio di milano (butto un esempio a caso)
come minimo chiederei 500 euro primo perche' di soldi a disposizione ne ha sicuramente, secondo perche' in quanto ente ha sicuramente una disponibilita' economica ben maggiore di un gruppo od una associazione tipo i lug.
parimenti se un lug conta 10/20 persone e chiedo ad ognuno di loro 10/5 euro posso pensare che 100 euro per una onlus siano una cifra rispettabile.

gio

___________________________________________
"In quiete dopo la tempesta
 in quiete prima della battaglia
 in quiete all'apparenza per nascondere il tumulto
 in quiete in sostanza per poter roteare nel caos".

                                                  Giovanni Lindo Ferretti






Maggiori informazioni sulla lista cc-it