[Cc-it] associazione: proposte e riflessioni

Andrea Glorioso sama a miu-ft.org
Lun 9 Ago 2004 12:45:05 EDT


Caro Giovanni,

prima di tutto grazie per il tempo che hai speso nell'elaborare questa
proposta.

Ho alcune (poche) osservazioni.

>>>>> "mentalray" == mentalray  <mentalray a tin.it> writes:

    > Pensandoci in questi giorni, ho buttato giu' qualche idea per
    > l'associazione. 1) problema rappresentanza democratica:

    > personalmente propongo un consiglio formato da diverse
    > componenti: da un lato associazioni, enti e soci "storici",
    > dall'altro da un numero variabile di rappresentanti per i
    > singoli individui che aderiscono all' "associazione cc".

[...]

    > Da valutare il  blocco  (che io personalmente  consiglierei) nei
    > confronti  di     associazioni  politiche,   direttamente     od
    > indirettamente  schierate  che,  nel    caso che  l'associazione
    > diventi  di un certo "peso",  potrebbero tentare di sfruttare la
    > posizione dell'associazione stessa per  fini non in linea con lo
    > statuto.

Per evitare  che un'associazione fuoriesca  dagli obbiettivi che si e`
posta il  modo giusto  di  agire e` prevedere  dei  meccanismi interni
all'associazione, non bloccare  l'iscrizione  in maniera piu` o   meno
arbitraria.

Tra l'altro  mi   e`   poco  chiaro cosa  intendi    per "associazioni
politiche" -  penso  i  partiti  politici,  ma  anche  in  questo caso
(ammesso    e non concesso   che    siano  interessati a   partecipare
all'associazione) non capisco  perche`   vietare una loro   iscrizione
sulla base di un temuto  e presunto "sequestro" dell'associazione.  Se
le regole  di funzionamento   e  di auto-difesa di  quest'ultima  sono
deboli, cosa cambia se io - membro del partito cippalippa - mi iscrivo
come singolo e poi pero` utilizzo i mezzi messi a mia disposizione dal
partito per "stornare" gli scopi originari dell'associazione?

Forse mi e` poco chiaro il tuo ragionamento complessivo, nel qual caso
spero che mi aiuterai a capire meglio. :)

    > Soci "storici": darei rappresentanza diretta con diritto di voto
    > anche al gruppo "soci storici" di questo progetto, in virtu' del
    > lavoro fin  qui ottenuto. Dato   che sono l'ultimo  arrivato non
    > spetta  a me stabilire chi  possa fregiarsi del titolo di "socio
    > storico", quindi che si decida  una linea guida con cui indicare
    > il  socio  "storico".   inoltre  darei  all'assemblea  dei  soci
    > facolta'  di  iscrivere in seconda  battuta  all'elenco dei soci
    > "storici"  singole  persone   che, nel   corso  del   tempo,  si
    > prodigheranno particolarmente nel  portare  avanti  le finalita'
    > dell'associazione. in questo modo si potrebbero premiare singole
    > persone per  l'operato apportato.  infine si  dovrebbe scegliere
    > se  dare al gruppo singolo voto  oppure dare un  tot di delegati
    > secondo  un rapporto    rappresentanti/soci  "storici" a   monte
    > determinato.

Sono  abbastanza contrario alla qualifica di   "socio storico", che e`
arbitraria  e  per  mia  esperienza da`  adito  a  tutta  una serie di
malumori che e` meglio evitare.

    > Rappesentanza per i  singoli individui in questo caso stabilirei
    > un rapporto  rappresentanti/singoli  associati  ben definito, al
    > fine di ottenere la quota di rappresentanti (eletti direttamente
    > dall'assemblea dei  singoli  aventi diritto  al voto secondo  la
    > regola "un  uomo un voto") ognuno con  singolo diritto di voto e
    > che partecipa all'assemblea dei rappresentanti dei soci.
  
    > Per evitare problemi di sorta equilibrerei il piu' possibile il
    > numero dei rappresentanti dei singoli con una progressione del
    > tipo (la butto li' giusto per far capire la cosa):

    > fino a 199 associati: 1 rappresentante ogni  25 persone da 200 a
    > 599 associati:  1 rappresentante ogni  50 persone da 600  a 1000
    > associati 1 rappresentante ogni 100 persone

Il numero di   associati in questo  caso e`  il  numero di  tutti  gli
associati o solo dei singoli individui associati?

Per quanto  riguarda la tassa   di iscrizione,   penso  che si   possa
distinguere tra singoli  individui studenti  o lavoratori, secondo  la
tradizione di associazioni come EFF,   CPSR  e altre, prevedendo   una
tassa   di 10/20 euro  per    gli studenti e  di   50/100  euro per  i
lavoratori.  Francamente non  mi paiono cifre  enormi,  ma e` una  mia
valutazione personale (anche  se piu` bassa  della maggior parte delle
associazioni di cui faccio parte).

Ciao,

--
Andrea Glorioso             sama a miu-ft.org         +39 333 820 5723
        .:: Media Innovation Unit - Firenze Tecnologia ::.
	      Conquering the world for fun and profit



Maggiori informazioni sulla lista cc-it