[Cc-it] Incontro gruppo di studio Siae?

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Ven 30 Apr 2004 08:29:25 EDT


Ok, possiamo organizzare un incontro/workshop aperto sul tema. Meglio 
vedersi di persona intorno a un tavolo, non credete?
Forse Linuxclub.it potrebbe offrirci lo spazio per farlo. Li metto in 
copia in attesa di una loro risposta.
Per la data e l'ora cerchiamo di accordarci.
Sarebbe bello che possa partecipare qualcuno delle Partner Institution 
a cui estendo l'invito. Loro stanno già lavorando a questo, sarebbe 
un'occasione per aggiornarsi.
Cosa ne pensate?

A presto,
Lorenzo


Venerdì, 30 Apr 2004, alle 13:17 Europe/Rome, 
<ermanno.pandoli a fastwebnet.it> ha scritto:

>> Proporrei di costituire un gruppo di studio sulla possibilità di
>> esentare dal bollino Siae le opere rilasciate sotto licenze Creative
>> Commons.
>> In particolare dovremmo lavorare affinché le Ccpl vengano riconosciute
>> dalla Siae e adottate dalla Siae stessa come licenze per la tutela
>> delle opere intellettuali e in particolare per le distribuzioni su
>> internet.
>>
>> Dovremmo procedere studiando le regole della Siae per poi rilasciare
>> una serie di proposte concrete e proporgliele cercando un dialogo con
>> l'associazione stessa e gli autori ad essa associati.
>>
>> Il Linux User Group di Roma (Lug) è riuscito a fare qualcosa di 
>> simile,
>> limitato però al solo software libero:
>> http://www.softwarelibero.it/bollino/
>>
>> Invio una copia di questa mail ad alcuni membri del Lug Roma e Assoli
>> affinché possano considerare se aderire a questo progetto o fornirci 
>> un
>> aiuto o dei consigli.
>>
>> Pregherei chi fosse interessato a partecipare a inviare una mail di
>> conferma in lista. Per una migliore organizzazione della lista, vi
>> pregherei di anteporre al soggetto di ciascun messaggio sul tema la
>> seguente etichetta: [SIAE]
>>
>> Saluti,
>> Lorenzo
>
> Mi farebbe molto piacere poter partecipare al gruppo di studio sulla
> "possibilità di esentare dal bollino Siae le opere rilasciate sotto 
> licenze
> Creative Commons". Sono laureato in Giurisprudenza e praticante presso 
> uno
> studio legale a Roma. Partecipo al "collettivo dei Lettori residenti -
> iQuindici" come lettore e come "consulente legale" per varie 
> problematiche
> relative al "copyleft". In realtà quello che mi preoccupa 
> principalmente del
> copyleft è il rischio di un "non tutela del diritto d'autore" in 
> mancanza di
> una istituzione di garanzia, funzione che qui in italia viene svolta, 
> in
> maniera pessima, dalla siae. Riuscire a far riconoscere le licenze cc 
> dalla
> siae è un ottimo obiettivo e, secondo me, fattibile. Spero di poter 
> dare un
> contributo, e ricevere consigli ed informazioni utili, precisando 
> comunque
> che solo ultimamente sto approfondendo lo studio delle leggi sul 
> diritto
> d'autore.
> grazie
> ermanno pandoli



Maggiori informazioni sulla lista cc-it