[Cc-it] Chi ruba il sapere a chi?

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Gio 29 Apr 2004 05:45:52 EDT


Mercoledì, 28 Apr 2004, alle 17:04 Europe/Rome, DAVIDE MERONI ha 
scritto:

> Leggevo su un giornale poco tempo fa una dichiarazione di un noto 
> esponente di una altrettanto nota casa editrice, di cui non farò il 
> nome,in cui si parlava di "furto del sapere",rivolto verso quelle 
> persone che fotocopiano parti di libri,soprattutto testi 
> universitari.Da allora gran parte dei miei pensieri sono rivolti verso 
> quella dichiarazione...Mi chiedo se non sia più "sleale" far pagare 
> cifre assurde per libri considerati di fondamentale importanza in 
> certi ambiti!!!E mi riferisco anche al diritto all'informazione degli 
> utenti.Non avendo una conoscenza perfetta dell'inglese ho molte meno 
> possibilità di leggere testi che in Italia non sono mai stati 
> pubblicati e che forse non lo saranno mai...Pubblicando libri 
> attraverso le licenze Creative Commons,le libere traduzioni si 
> moltiplicherebbero in breve tempo,rendendo disponibili in svariate 
> lingue una notevole quantità di materiale che ora è accessibile 
> solamente a chi è in possesso di un ottimo inglese.Per questo credo 
> che lo sviluppo di contenuti aperti sia fondamentale per limitare 
> l'esclusione dall'accesso all'informazione,per evitare che il 
> sapere,la conoscenza siano vincolati e direttamente proporzionali al 
> profitto,perchè è impensabile un mondo dove la conoscenza di una 
> persona è vincolata alla disponibilità economica che essa possiede!!!

Condivido le tue considerazioni. Il caro libri è un problema 
fondamentale per la diffusione della cultura, ma ancora più grave è che 
un'opera di interesse non possa essere reperita e letta a causa di una 
mancata traduzione e/o pubblicazione, oppure perché terminata e fuori 
catalogo. In particolare questi problemi si fanno sentire nell'ambito 
delle opere scientifiche – come i saggi – più che in quello delle opere 
di intrattenimento – come racconti e romanzi. Le opere scientifiche 
sono funzionali e proprio la loro diffusione permette la critica e 
l'evoluzione di nuove teorie e quindi il progresso.
Applicare a questa tipologia di opere una licenza Creative Commons che 
permette la modifica, anche restrittiva come la 
Attribution-NonCommercial-Sharealike che impedisce la modifica a fini 
commerciali, permetterebbe comunque il proliferare, perlomeno online, 
di traduzioni ed evoluzioni delle teorie e considerazioni.

Recentemente stavo parlando con Maurizio Postiglione  riguardo la 
possibilità di creare un sottogruppo di discussione e lavoro proprio su 
questi temi, con l'obiettivo di organizzare un workshop propositivo 
sulla libertà della conoscenza in ambito scientifico e di ricerca.
Se vuoi possiamo collaborare.
Ovviamente l'invito è allargato a tutta la lista.

Ciao a tutti,
Lorenzo




Maggiori informazioni sulla lista cc-it