[Cc-it] faq CC-Copyleft

tom montrellune a teatre.com
Lun 26 Apr 2004 16:37:08 EDT


>Direi che potresti iniziare a stilare le faq e anche coordinare 
>eventuali iniziative per far comprendere la complementarietà sia delle 
>licenze che delle varie associazioni.
>Hai il mio pieno appoggio e parte del mio tempo a disposizione.



Invio in lista la faq relativa a CC e copyleft, non la metto nel twiki perchè mi sembra non si sia ancora deciso se utilizzarlo per questi fini. Io comunque sono di parere favorevole.

Certo che ci sia da mettersi d'accordo su alcune definizioni, spero vi piaccia :-)


FAQ Creative Commons e Copyleft

Cos'è CC?
CC è un progetto internazionale che ha lo scopo di favorire un uso alternativo del copyright attraverso la raccolta di infornazioni e soprattutto attraverso lo sviluppo di licenze innovative.

Cos'è una licenza?
Una licenza, giuridicamente, è un contratto. Questo significa che nella licenza tu puoi disporre dei tuoi diritti nelle forme che preferisci. L'unico limite è che tu non infranga delle norme di legge definite "imperative", cioè che non possono essere modificate dalle parti. Questo è il motivo per il quale è meglio consultare degli esperti di diritto piuttosto che procedere alla creazione della propria licenza personalmente.  Generalmente, questi tipi di contratti, che si riferiscono a opere da diffondersi al grande pubblico, sono licenze con il pubblico, pertanto quando un individuo decide di usare la mia opera accetterà le mie condizioni (anche implicitamente attraverso l’uso) altrimenti infrnagerà la licenza.

Copyleft è una licenza, allora?
Non esattamente. Molte licenze sono definite copyleft perchè al loro interno prevedono una particolare disposizione, ma identificare una intera licenza con il termine copyleft è errato.
Giuridicamente copyleft può essere intesa come una clausola di un contratto di licenza, la quale prevede che tale opera possa essere modificata e redistribuita liberamente, a patto che venga mantenuta la stessa licenza che regola l'opera originale. Questa caratteristica da alcuni definita "virica" è l'essenza del concetto di copyleft.

Non ho capito, le licenze CC sono copyleft o no?
Alcune lo sono, altre no. Le licenze CC si caratterizzano per essere modulari, e per essere molto semplice la forma di scelta della licenza che più si adatta alle nostre esigenze. Questa modularità, giueidicamente si traduce nella possibilità di inserire o meno delle clausole specifiche all'interno della nostra licenza. Quando alla domanda "Vuoi che la tua opera possa essere modificata e redistribuita?" io rispondo "si, a patto si vi si applichi la stessa licenza" allora io scelgo la clausola Share Alike.
Questa clausola è quella che fa in modo che la mia licenza possa essere considerata copyleft.

Allora, fammi capire, tutte le licenza CC che prevedono la clausola Share Alike si pssono considerare copyleft?
SI.

Ma se ho dei dubbi dove posso controllare se una licenza è compatibile col concetto copyleft?
In generale, ma con particolare attenzione al mondo software si può consultare www.opensource.org . La Open Source Initiative analizza costantemente le licenze che possono essere considerate compatibili con il concetto di Free Software (le famose 4 libertà) e quali di queste sono anche considerabili copyleft compatibili.

E la FSF non si dedica a questo?
La FSF è una fondazione che ha come scopo la diffusione del Free Software a tutti i livelli (inculsi quello filosofico e giuridico). Infatti i tipi di licenza che sono stati sviluppati all'interno del progetto GNU (la GPL, e le sue figlie la LGPL e la FDL) riguardano solo il software, con l'esclusione della FDL. Questa ultima licenza (Free Document License) è dedicata ai manuali di software libero perchè "free software needs free documentation". Nulla vieta però che questa licenza venga applicata ad altre produzioni letterarie, per esempio. E' una ottima licenza, ovviamente è copyleft, e prevede delle "invariant sections" che permettono all'autore originale di vietare la modifica di alcune parti da lui ritenute immodificabili. Prevede anche delle informazioni che l'autore originale può inserire all'inizio o alla fine dell'opera e che sempre dovranno comparire in tutte le edizioni modificate dell'opera.

Se è così buona, perchè CC non ne prevede una simile?
Per un motivo molto semplice: CC e la FSF non sono in competizione. Anzi, ognuna nel proprio campo, entrambe si dedicano alla promozione dello stesso ideale, e cioè della libertà del sapere.
Per questo motivo risulta totalmente inutile creare licenze uguali cambiandone solo il nome. Anzi, risulta addirittura dannoso perchè è causa di confusioni, di errori, e di sovrapposizioni.
Se guardiamo nel sito di CC vediamo come per il prodotto software si consigli esplicitamente la GPL come la migliore licenza al riguardo.

Ma la FSF gestisce anche i diritti degli associati, perchè CC non fa lo stesso?
La FSF attraverso il FLA (Fiduciary License Agreement) si fa trasferire dagli autori i diritti trasmissibili sull'opera, con esclusione di quelli che ovviamente sono già   stati liberamente conferiti attraverso la GPL. Questo serve perchè in questo modo la FSF può azionarsi giudizialmente e extragiudizialmente per le eventuali violazioni alla GPL, e in questo modo se una supermegamultinazionaledelsettore (omettendo qualunque nome) dovesse muovere le sue schiere di avvocati super pagati nei confronti di questa o quella misera opera, allora si troverbbe davati non lo spaurito programmatore, ma una fondazione con le proprie risorse economiche e giuridiche.. In ogni caso, non vi dovrebbe essere nessun ostacolo, teoricamente, se io sottoscrivo questo accordo con la FSF avendo rilasciato la mia opera con licenza copyleft compatibile. C'è da considerare anche il fatto che altri prodotti che sono tutelabili attraverso licenze CC, come la musica, (tipo di opera per la quale la GPL non è stata specificatamente pensata), sono delle categorie più problematiche in quanto la legge,in alcuni casi, attribuisce alle società   di gestione delle prerogative che dal nostro punto di vista violano i diritti degli autori. Pertanto il gestire questi tipi di diritti risulta essere un'attività   molto più complessa, e CC non è una società   di gestione. Comunque molti progetti stanno sorgendo al riguardo per facilitare agli autori la scelta di licenze libere.

_____________________________________________________________
<---o0o--->
Aconsegueix el_teu_email a teatre.com gratuÏtament a http://teatre.com
 :-))-:



Maggiori informazioni sulla lista cc-it