[Cc-it] Liber Liber adotta la licenza "Creative Commons Attribution-Non Commercial-ShareAlike"

Andrea Glorioso andrea.glorioso a agnula.org
Sab 24 Apr 2004 08:36:41 EDT


>>>>> "Lorenzo" == Lorenzo De Tomasi <lorenzo.detomasi a creativecommons.it> writes:

    > Il  loro  messaggio in  lista: 6  aprile:  Liber Liber adotta la
    > licenza "Creative Commons Attribution-Non Commercial-ShareAlike"
    > per il proprio progetto di biblioteca telematica.

    > Grazie a questa licenza, creata dall'associazione no-profit
    > "Creative Commons", è ora più facile diffondere i testi del
    > progetto Manuzio. Le licenze Creative Commons sono un "antidoto"
    > ragionevole alle sempre meno ragionevoli leggi sul diritto
    > d'autore, che da doverosa tutela per gli autori, stanno
    > trasformandosi in un freno alla circolazione delle idee e del
    > sapere.

Non capisco   quale  sia il  vantaggio, dal   punto  di  vista legale,
nell'adottare  questo  tipo di licenza.   Forse  mi  sfugge  quale sia
esattamente il progetto cui Liber Liber sta applicando la licenza.

    > La nostra opinione sulle ultime modifiche al diritto d'autore:
    > http://www.liberliber.it/iniziativespeciali/2003/copyright/

Leggo dall'articolo di cui sopra:

  "L'estensione del diritto d'autore oltre la vita stessa dell'autore,
  quando   fu introdotta   nei primi  anni     del  XVIII secolo,   in
  Inghilterra, aveva  un  fondamento  etico condivisibile:  serviva  a
  garantire un sostegno economico   alla famiglia dell'autore  per una
  durata ragionevole."

Questo e` quanto meno dubbio.  Vedi:

http://copywhat.vm.bytemark.co.uk/pipermail/copywhat/2004-April/000537.html

  La promessa di un mondo senza copyright
  di Karl Fogel

  [...]

  La prima legge sul copyright fu una legge di censura. Essa non aveva
  niente a che fare con la protezione dei diritti  degli autori, o con
  il loro  incoraggiamento  a produrre nuove opere.   Nell'Inghilterra
  del  sedicesimo  secolo i diritti  degli autori  non correvano alcun
  rischio ed il  recente arrivo della  macchina per stampare (la prima
  macchina per  copiare del   mondo) era  qualcosa che  stimolava  gli
  scrittori. Così stimolante, infatti, che il governo inglese cominciò
  a preoccuparsi per le troppe opere che venivano prodotte, non troppo
  poche.    La nuova tecnologia,  per  la  prima volta, stava rendendo
  ampiamente disponibili letture sediziose ed il governo aveva bisogno
  urgente di controllare  il   fiume di  materiale stampato,   essendo
  allora la  censura   una funzione amministrativa legittima   come la
  costruzione di strade.

  Il  metodo scelto   dal governo fu   di  stabilire una  corporazione
  privata di censori,  la London  Company of Stationers  (Corporazione
  dei Librai di  Londra), i  cui  profitti sarebbero dipesi da  quanto
  bene essi avrebbero realizzato il proprio lavoro. Agli Stationers fu
  concesso  il diritto su tutta  la stampa in  Inghilterra, sia per le
  vecchie opere che per le nuove,  come premio per mantenere un occhio
  stretto   su ciò   che  veniva  pubblicato.  Il   loro documento  di
  concessione diede loro non solo il diritto esclusivo di stampare, ma
  anche  il diritto di  cercare e confiscare le  stampe ed i libri non
  autorizzati e addirittura di bruciare i libri stampati illegalmente.
  Nessun libro poteva  essere stampato fino a  che non era entrato nel
  Registro della corporazione e nessun'opera poteva essere aggiunta al
  registro finché non aveva  passato il censore   della corona, o  era
  stato  auto - censurato dagli Stationers.   La Company of Stationers
  diventò,  in effetti, la   polizia privata, dedita al  profitto, del
  governo[1].

  Il  sistema era stato  apertamente progettato proprio  per servire i
  venditori  di libri  ed il governo,  non  gli autori.  I nuovi libri
  venivano immessi nel registro della corporazione sotto il nome di un
  membro della corporazione,    non sotto il   nome dell'autore.   Per
  convenzione, il membro  che aveva registrato  il libro  manteneva il
  "copyright", il diritto  esclusivo  di pubblicare quel  libro  sugli
  altri  membri della corporazione, e   la  Court of Assistants  della
  Corporazione risolveva le dispute su eventuali infrazioni[2].

  [...]

La    versione di Fogel  e`  ripresa  anche  da Lessig   nel suo "Free
Culture", insieme ad altri autori (citati sempre da Lessig, ora non ho
il testo sottomano).

ciao,

--
Andrea Glorioso                      andrea.glorioso a agnula.org
AGNULA Technical Manager                 http://www.agnula.org/
M: +39 333 820 5723                     F: +39 (0)51 930 31 133
      "Libre Audio, Libre Video, Libre Software: AGNULA"



Maggiori informazioni sulla lista cc-it